Genitori a scuola
Questo forum è stato fondato ed è gestito in assoluta autonomia da alcuni genitori di studenti del liceo Parini.
E' un'occasione di libero scambio di opinioni per genitori, studenti, docenti e personale interno ed esterni al liceo.
Perchè la libertà non è star sopra un albero: </>
... libertà è partecipazione



Solo attraverso l'iscrizione è possibile pubblicare messaggi chiedere informazioni e rispondere ad argomenti già pubblicati.
Ultimi argomenti
» Dal sito del Parini i voti on line
Da l.c locatelli Sab Mag 16, 2015 4:28 pm

» Richiesta di informazioni
Da Paola M Dom Apr 26, 2015 8:00 pm

» Scuola: Italia fanalino di coda dell’Europa, 2 ragazzi su 10 abbandonano gli studi
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 7:00 pm

» Al via il premio per la scuola “Inventiamo una banconota”
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:57 pm

» funzionano come le lezioni tradizionali
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:53 pm

» Università: accolti 5000 ricorsi a Medicina ma mancano le aule
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:50 pm

» Crociata contro i fuoricorso. Meno fondi a chi ne ha troppi
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:53 pm

» Giannini : un “Erasmus per tutti” è uno degli obiettivi della presidenza italiana dell’Ue
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:51 pm

» Miur, on line l’elenco degli interventi #scuolebelle già realizzati
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:49 pm

» Giannini: alla maturità torneranno i commissari interni
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 7:01 pm

» Più studenti, stessi prof: parte l’anno scolastico del sovraffollamento
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:58 pm

» La Buona Scuola al via, sale l’attesa per le consultazioni online
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:55 pm

» Corso di inglese in Irlanda, la mia esperienza!
Da aless90 Mar Ago 05, 2014 2:21 pm

» Scuola, in pensione il provveditore Francesco De Sanctis. Nuovi vertici anche nei licei storici
Da Gilberto Carron Gio Lug 31, 2014 12:43 pm

» Dario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della MatematicaDario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della Matematica
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 4:05 pm

» Olimpiadi di matematica: Cina prima, Italia lontana dal podio
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:56 pm

» Anief, tra gli studenti bocciati oltre la metà lascia gli studi
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:53 pm

» Contro il caro-libri si ricorre all’usato
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:51 pm

» Università, per 1 studente su 2 ha come priorità gli sconti sui libri di testo
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:50 pm

» Con 100 alla Maturità niente tasse all’Università
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:49 pm

premia il forum con un click
Sito segnalato su Small Advertise!
blog tools

Cercare lavoro: Meloni, una guida per i ragazzi che finiscono la scuola

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Cercare lavoro: Meloni, una guida per i ragazzi che finiscono la scuola

Messaggio  Gilberto Carron il Ven Dic 10, 2010 11:17 am

ROMA

«Il ministero della Gioventù si ripropone di preparare una guida semplice e facilmente consultabile da fornire ai ragazzi che finiscono la scuola. Una guida che spieghi quali lavori hanno mercato e anche stile pamphlet che abbiamo intitolato “Buon lavoro”, già accessibile al sito www.ipotesidilavoro.itha annunciato, in una nota, il ministro della Gioventù, Giorgia Meloni, in occasione della presentazione del primo Rapporto sul mercato italiano dell’orientamento presentato oggi dal

gruppo di rappresentanza Servizi per l’orientamento di Assoknowledge.

«Questo libro – spiega - è dedicato ai giovani che si affacciano per la prima volta nel mondo del lavoro. Un vademecum, una guida facile e veloce per conoscere tutto quello che avreste voluto sapere sul lavoro ma nessuno vi ha mai detto».

«C’è tutto – continua - dai tirocini all’apprendistato, dal lavoro in cooperativa alla libera professione: tutti i diritti e tutti i doveri dei giovani lavoratori. Sembra una banalità, ma pochissimi conoscono tutte le sfaccettature dei diversi tipi di offerta che possono ricevere da un datore di lavoro e rarissimamente conoscono i pro o i contro di ogni tipo di contratto».

«Il Rapporto - sostiene il ministro Meloni - racconta un corto circuito che sperimentiamo tutti i giorni: quello che separa in maniera drammatica il mondo della scuola da quello dell’università e del lavoro. Il mondo del lavoro “come i ragazzi pensano che sia” è totalmente diverso dal “mondo del lavoro come effettivamente è”. Questo corto circuito produce effetti deleteri. E fa sì che i ragazzi troppo spesso compiano al buio le scelte più rilevanti per il proprio futuro lavorativo».

«Tra tanti – avverte - un dato del rapporto mi preoccupa anche se purtroppo non mi stupisce: quello che dice che quasi 8 ragazzi su 10 non hanno mai utilizzato servizi di orientamento agli studi e al lavoro. Le poche persone “orientato” hanno ricevuto suggerimenti dalla famiglia e solo marginalmente dalla scuola e da strutture specializzate».

«Eppure – rimarca - se i ragazzi fossero meglio preparati e orientati all’accesso alle facoltà universitarie, saprebbero che, oggi, a un anno dal conseguimento della laurea di secondo livello, il tasso di disoccupazione è del 33% per gli avvocati, e chi lavora ha uno stipendio medio netto di 958 euro contro un tasso di disoccupazione pari a zero per infermieri e ostetriche che già il primo anno di lavoro vantano uno stipendio medio netto di 1.637 euro».

«Questo tipo di informazioni - ricorda il ministro della Gioventù - e il governo nel suo insieme sta lavorando per colmare questa lacuna. Il ministro Sacconi ad esempio si è dedicato all’orientamento prevedendo fino al 2012 uno stanziamento di 4,5 milioni di euro, dei quali 2 milioni già erogati, per ristrutturare il sistema informativo Excelsior di Unioncamere».

«Si tratta di un monitoraggio – afferma - molto accurato che investigando sulla richiesta di lavoro che viene dalle aziende elabora degli studi che possono essere utili sia ai ragazzi per l’orientamento, sia alle istituzioni per aggiustare il tiro nell’offerta formativa e dare impulso a quelle scuole che offrono maggiori prospettive di lavoro».

«Contrastando così il divario tra formazione e lavoro - precisa Giorgia Meloni - si tratta di un progetto molto complesso che per identificare le principali tendenze dei movimenti occupazionali intervisterà ogni anno circa 250mila imprese». http://www.ipotesidilavoro.it/

Gilberto Carron

Numero di messaggi : 518
utente : genitore
Data d'iscrizione : 15.02.10

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum