Genitori a scuola
Questo forum è stato fondato ed è gestito in assoluta autonomia da alcuni genitori di studenti del liceo Parini.
E' un'occasione di libero scambio di opinioni per genitori, studenti, docenti e personale interno ed esterni al liceo.
Perchè la libertà non è star sopra un albero: </>
... libertà è partecipazione



Solo attraverso l'iscrizione è possibile pubblicare messaggi chiedere informazioni e rispondere ad argomenti già pubblicati.
Ultimi argomenti
» Dal sito del Parini i voti on line
Da l.c locatelli Sab Mag 16, 2015 4:28 pm

» Richiesta di informazioni
Da Paola M Dom Apr 26, 2015 8:00 pm

» Scuola: Italia fanalino di coda dell’Europa, 2 ragazzi su 10 abbandonano gli studi
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 7:00 pm

» Al via il premio per la scuola “Inventiamo una banconota”
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:57 pm

» funzionano come le lezioni tradizionali
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:53 pm

» Università: accolti 5000 ricorsi a Medicina ma mancano le aule
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:50 pm

» Crociata contro i fuoricorso. Meno fondi a chi ne ha troppi
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:53 pm

» Giannini : un “Erasmus per tutti” è uno degli obiettivi della presidenza italiana dell’Ue
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:51 pm

» Miur, on line l’elenco degli interventi #scuolebelle già realizzati
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:49 pm

» Giannini: alla maturità torneranno i commissari interni
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 7:01 pm

» Più studenti, stessi prof: parte l’anno scolastico del sovraffollamento
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:58 pm

» La Buona Scuola al via, sale l’attesa per le consultazioni online
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:55 pm

» Corso di inglese in Irlanda, la mia esperienza!
Da aless90 Mar Ago 05, 2014 2:21 pm

» Scuola, in pensione il provveditore Francesco De Sanctis. Nuovi vertici anche nei licei storici
Da Gilberto Carron Gio Lug 31, 2014 12:43 pm

» Dario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della MatematicaDario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della Matematica
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 4:05 pm

» Olimpiadi di matematica: Cina prima, Italia lontana dal podio
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:56 pm

» Anief, tra gli studenti bocciati oltre la metà lascia gli studi
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:53 pm

» Contro il caro-libri si ricorre all’usato
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:51 pm

» Università, per 1 studente su 2 ha come priorità gli sconti sui libri di testo
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:50 pm

» Con 100 alla Maturità niente tasse all’Università
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:49 pm

Parole chiave

obama  

premia il forum con un click
Sito segnalato su Small Advertise!
blog tools

Crociata contro i fuoricorso. Meno fondi a chi ne ha troppi

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Crociata contro i fuoricorso. Meno fondi a chi ne ha troppi

Messaggio  Gilberto Carron il Gio Set 18, 2014 2:53 pm


Il ministero cambia le regole. Gli studenti: non è così che si risolve il problema


Poveri sfigati, verrebbe da dire parafrasando l’allora vice ministro al lavoro Michael Martone che due anni fa etichettò così gli studenti fuori corso, giusto giusto alla vigilia del decreto che consentì agli atenei di aumentare le tasse a chi ancora frequenta l’università, ma non è in regola con gli esami. Si torna a parlare - o meglio, non parlare - di loro nella bozza del decreto del Miur che stabilisce i meccanismi di riparto dei finanziamenti agli atenei italiani: il «costo standard» per ogni iscritto, il nuovo criterio scelto per valutare le quote da conferire, si riferisce esclusivamente agli «studenti in corso». Chi resta indietro sarà in tutto e per tutto un costo che grava sulle casse, già malandate, dell’università.

Funziona così: la cosiddetta «quota premiale» passa dal 13,5 al 18 per cento (vale a dire da 819 milioni a 1 miliardo e 300 milioni) e sarà in gran parte assegnata in base alla valutazione Anvur sulla qualità della ricerca. Quel che resta dei sette miliardi e dieci milioni che si dovranno spartire quest’anno gli atenei sarà assegnato per l’80 per cento sugli stanziamenti degli anni passati, per il 20 per cento sul nuovo parametro. Si devono ancora stabilire i criteri per «pesare» il costo di ogni iscritto, ma l’introduzione della soglia è graduale: il prossimo anno dovrebbe balzare al 40 per cento, e così via per i prossimi tre anni. «Se i fuoricorso si trasformeranno in un peso, allora gli atenei saranno costretti ad abbassare la qualità della didattica oppure ad aumentare le tasse - denuncia Alberto Campailla, portavoce della rete studentesca Link -. Si va fuori corso per motivi diversi, non è cacciandoli dalle aule che si aiuta chi rimane indietro con gli studi, ma con un buon orientamento, tutor preparati e qualche appello in più per chi lavora».

Negli anni i criteri sono cambiati diverse volte: anche in passato si è pensato di basarsi sul conto degli studenti in corso, ma accompagnato dal sistema dei crediti. Così se uno studente, anche se non in regola, supera un esame viene conteggiato nelle attività didattiche. «C’è il rischio che si sia costretti ad abbassare l’asticella della qualità per far quadrare i conti - commenta Flavio Corradini, rettore dell’Università di Camerino -. Certo che la mia università ideale non ha fuoricorso, ma i ragazzi vanno accompagnati e indirizzati, soprattutto all'inizio: noi per esempio abbiamo scelto per il primo anni dei docenti particolarmente adatti ai più giovani. Ma per risolvere il problema non servono altri tagli, ma più risorse». «Mettiamo il caso che per decreto io regali a tutti i miei studenti un esame l’anno - commenta il rettore dell’Università di Pisa Massimo Mario Augello -. Allora risolverei in un attimo i problema dei fuoricorso. Assurdo no? Noi dobbiamo puntare a una formazione rigorosa, ma la condizione dei nostri giovani è difficile, quel che cerchiamo di fare è capire le loro difficoltà e aiutarli a superarle. Dovremmo poter fare di più per loro, non di meno, e fin dalle superiori, nel momento cruciale della scelta dell’università. Se sbagliano, non sarà un danno solo per loro, ma per tutti».
NADIA FERRIGO
TORINO
avatar
Gilberto Carron

Numero di messaggi : 518
utente : genitore
Data d'iscrizione : 15.02.10

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum