Genitori a scuola
Questo forum è stato fondato ed è gestito in assoluta autonomia da alcuni genitori di studenti del liceo Parini.
E' un'occasione di libero scambio di opinioni per genitori, studenti, docenti e personale interno ed esterni al liceo.
Perchè la libertà non è star sopra un albero: </>
... libertà è partecipazione



Solo attraverso l'iscrizione è possibile pubblicare messaggi chiedere informazioni e rispondere ad argomenti già pubblicati.
Ultimi argomenti
» Dal sito del Parini i voti on line
Da l.c locatelli Sab Mag 16, 2015 4:28 pm

» Richiesta di informazioni
Da Paola M Dom Apr 26, 2015 8:00 pm

» Scuola: Italia fanalino di coda dell’Europa, 2 ragazzi su 10 abbandonano gli studi
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 7:00 pm

» Al via il premio per la scuola “Inventiamo una banconota”
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:57 pm

» funzionano come le lezioni tradizionali
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:53 pm

» Università: accolti 5000 ricorsi a Medicina ma mancano le aule
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:50 pm

» Crociata contro i fuoricorso. Meno fondi a chi ne ha troppi
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:53 pm

» Giannini : un “Erasmus per tutti” è uno degli obiettivi della presidenza italiana dell’Ue
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:51 pm

» Miur, on line l’elenco degli interventi #scuolebelle già realizzati
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:49 pm

» Giannini: alla maturità torneranno i commissari interni
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 7:01 pm

» Più studenti, stessi prof: parte l’anno scolastico del sovraffollamento
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:58 pm

» La Buona Scuola al via, sale l’attesa per le consultazioni online
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:55 pm

» Corso di inglese in Irlanda, la mia esperienza!
Da aless90 Mar Ago 05, 2014 2:21 pm

» Scuola, in pensione il provveditore Francesco De Sanctis. Nuovi vertici anche nei licei storici
Da Gilberto Carron Gio Lug 31, 2014 12:43 pm

» Dario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della MatematicaDario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della Matematica
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 4:05 pm

» Olimpiadi di matematica: Cina prima, Italia lontana dal podio
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:56 pm

» Anief, tra gli studenti bocciati oltre la metà lascia gli studi
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:53 pm

» Contro il caro-libri si ricorre all’usato
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:51 pm

» Università, per 1 studente su 2 ha come priorità gli sconti sui libri di testo
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:50 pm

» Con 100 alla Maturità niente tasse all’Università
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:49 pm

Parole chiave

premia il forum con un click
Sito segnalato su Small Advertise!
blog tools

“Trova Scuola” on line: guida ai pregi e difetti per la scelta dell’istituto

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

“Trova Scuola” on line: guida ai pregi e difetti per la scelta dell’istituto

Messaggio  Gilberto Carron il Mer Dic 29, 2010 12:06 pm

Finite le vacanze di Natale, nelle scuole sarà tempo di iscrizioni

Il ministero sta predisponendo l’apposita circolare che arriverà sulle scrivanie dei presidi al rientro, dopo la Befana. Con qualche novità. Quest’anno si torna alla scadenza unica per piccoli e grandi: ci sarà tempo fino al 12 febbraio per scegliere la scuola dei sogni. L’anno passato c’erano state due scadenze diverse a causa dei ritardi nella predisposizione della riforma delle superiori. Confermate le sezioni “primavera” alla scuola dell’infanzia (quelle ponte per i bimbi di due anni e mezzo) e la possibilità, anche alla primaria, di iscrivere i bambini al primo anno anche se un po’ più piccoli rispetto all’età prevista. L’altra grossa novità che riguarderà le iscrizioni, comunque, non è contenuta nella circolare: quest’anno il ministero, per aiutare la scelta dei genitori, metterà on line delle vere e proprie carte di identità delle scuole.

A gennaio tutte le strutture esistenti (oltre 10mila) finiranno in una enorme banca dati collegata con Google maps che consentirà alle famiglie di esplorare da casa i dati generali (dal telefono all’indirizzo), i percorsi di studio attivati, ma anche le condizioni fisiche di ciascuna struttura scolastica. Per la prima volta i genitori non dovranno accontentarsi del passaparola per sapere cosa si studia in una determinata sede, se ci sono aule a sufficienza, se ci sono la palestra o la biblioteca, quanti sono i laboratori. Basterà collegarsi al sito del ministero. Indicando la propria città e area di residenza, sullo schermo compariranno, grazie ad un accordo con Google, una mappa con tutta una serie di markers, i puntini rossi che servono di solito per indicare la presenza di servizi come alberghi o ristoranti.

Ogni marker corrisponderà ad una scuola. Cliccandoci sopra i genitori potranno accedere ad una scheda, una carta di identità dell’istituto, con indirizzo, telefono, tipologia di scuola (primaria, secondaria, etc). E non solo. Il ministero incrocerà due banche dati: quella degli istituti con quella dell’edilizia scolastica. Grazie al nuovo strumento di ricerca ogni famiglia potrà sapere con anticipo se un plesso ha o meno la palestra, quanti e quali sono i laboratori, se ci sono la mensa, l’infermeria, campi sportivi, si potrà sapere anche quanti metri quadri ci sono a disposizione per ciascun alunno. Il “Trova Scuola” targato Viale Trastevere è in via di ultimazione e mixerà i dati a disposizione dell’amministrazione con la tecnologia messa sul tavolo da Google.

Per alcune zone, soprattutto delle grandi città, sarà possibile visualizzare anche una foto dal vivo dell’istituto selezionato grazie alla street view messa a punto dal motore di ricerca. «Queste carte di identità delle scuole - spiega Giovanni Biondi, capo del dipartimento per la Programmazione del ministero dell’Istruzione - metteranno insieme i dati essenziali di ciascuna struttura: dall’offerta formativa allo stato dell’edilizia scolastica.

Saranno operative a gennaio e costituiranno uno strumento innovativo che offriremo ai genitori, uno strumento di trasparenza». Mettere on line le informazioni sull’edilizia delle scuole potrebbe creare qualche svantaggio agli istituti pubblici più fatiscenti: le scuole statali non sono responsabili della condizione delle strutture che dipendono da province e comuni. Se manca la palestra non è colpa del preside. Ma al ministero pensano che l’operazione trasparenza innescherà un circolo virtuoso sollecitando l’intervento degli enti locali. Le carte di identità delle scuole, poi, saranno presto integrate anche con i dati sui risultati scolastici, dalle ripetenze ai test Invalsi.

Alessandra Migliozzi
avatar
Gilberto Carron

Numero di messaggi : 518
utente : genitore
Data d'iscrizione : 15.02.10

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum