Genitori a scuola
Questo forum è stato fondato ed è gestito in assoluta autonomia da alcuni genitori di studenti del liceo Parini.
E' un'occasione di libero scambio di opinioni per genitori, studenti, docenti e personale interno ed esterni al liceo.
Perchè la libertà non è star sopra un albero: </>
... libertà è partecipazione



Solo attraverso l'iscrizione è possibile pubblicare messaggi chiedere informazioni e rispondere ad argomenti già pubblicati.
Ultimi argomenti
» Dal sito del Parini i voti on line
Da l.c locatelli Sab Mag 16, 2015 4:28 pm

» Richiesta di informazioni
Da Paola M Dom Apr 26, 2015 8:00 pm

» Scuola: Italia fanalino di coda dell’Europa, 2 ragazzi su 10 abbandonano gli studi
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 7:00 pm

» Al via il premio per la scuola “Inventiamo una banconota”
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:57 pm

» funzionano come le lezioni tradizionali
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:53 pm

» Università: accolti 5000 ricorsi a Medicina ma mancano le aule
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:50 pm

» Crociata contro i fuoricorso. Meno fondi a chi ne ha troppi
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:53 pm

» Giannini : un “Erasmus per tutti” è uno degli obiettivi della presidenza italiana dell’Ue
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:51 pm

» Miur, on line l’elenco degli interventi #scuolebelle già realizzati
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:49 pm

» Giannini: alla maturità torneranno i commissari interni
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 7:01 pm

» Più studenti, stessi prof: parte l’anno scolastico del sovraffollamento
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:58 pm

» La Buona Scuola al via, sale l’attesa per le consultazioni online
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:55 pm

» Corso di inglese in Irlanda, la mia esperienza!
Da aless90 Mar Ago 05, 2014 2:21 pm

» Scuola, in pensione il provveditore Francesco De Sanctis. Nuovi vertici anche nei licei storici
Da Gilberto Carron Gio Lug 31, 2014 12:43 pm

» Dario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della MatematicaDario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della Matematica
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 4:05 pm

» Olimpiadi di matematica: Cina prima, Italia lontana dal podio
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:56 pm

» Anief, tra gli studenti bocciati oltre la metà lascia gli studi
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:53 pm

» Contro il caro-libri si ricorre all’usato
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:51 pm

» Università, per 1 studente su 2 ha come priorità gli sconti sui libri di testo
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:50 pm

» Con 100 alla Maturità niente tasse all’Università
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:49 pm

premia il forum con un click
Sito segnalato su Small Advertise!
blog tools

Medicina senza test in Romania Novemila euro e passa la paura

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

madonna

Messaggio  arno mandelbaum il Lun Set 13, 2010 10:32 pm

madonna 'sti discorsi mi fanno paura.
non troveranno dunque mai lavoro, i nostri figli?
dovranno laurearsi in romania o in congo pagando un sacco di soldi e fare l'esame di stato europeo a vaduz per poi praticare una professione nel terzo mondo (l'italia?)
madonna...
io raccomando a tutti di iscriversi, iscriversi assolutamente al corso di cinese di prossima partenza al parini grazie all'interessamento di qualche genitore idealista.
così, tra 25 anni, i nostri figli potranno rispondere compiutamente al governatore locale cinese che li redarguisce per non avere compiuto bene la loro mansione (pulizie domestiche, di luoghi pubblici, ecc.)
si scherza, ovviamente...ma...



AM What a Face

arno mandelbaum

Numero di messaggi : 71
Età : 57
utente : genitore
Data d'iscrizione : 30.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Medicina senza test in Romania Novemila euro e passa la paura

Messaggio  Bond il Sab Set 11, 2010 12:18 am

So che non serve fermarsi all'estero per tutti gli anni di corso...
dopo pochi mesi... si può chiedere il trasferimento.

come sono andati i pariniani al test di medicina???
avatar
Bond
Admin

Numero di messaggi : 509
utente : genitore
Data d'iscrizione : 07.10.08

http://genitoriliceoparini.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Medicina senza test in Romania Novemila euro e passa la paura

Messaggio  Gilberto Carron il Ven Set 10, 2010 12:34 pm

Molti espatriano per "saltare" il quiz, poi tornano in Italia

di Alessandra Migliozzi

ROMA (4 settembre) - Ottanta domande in centoventi minuti. Funziona così la roulette russa dei corsi a numero chiuso per le professioni sanitar
ie. Ma anche no. Nel senso che lo sbarramento si può dribblare. Se si hanno abbastanza soldi da spendere e la voglia di imparare una lingua straniera come il rumeno o lo spagnolo, c’è la possibilità di volare all’estero e di entrare in una facoltà che consente di ottenere un titolo spendibile in tutta Europa senza doversi affidare al massacro dei quiz a crocette. Solo nell’ultimo anno accademico nelle università di Madrid pubbliche e private c’erano oltre 400 italiani che studiavano odontoiatria, la facoltà medica più gettonata fra gli espatriati del numero chiuso.

Ormai la presenza di nostri studenti negli indirizzi sanitari è tale che ci sono istituzioni come la Uax, la Universidad Alfonso X El Sabio, ateneo privato di Madrid, che si sono attrezzati con personale che parla italiano e un sito web scritto nella nostra lingua. Il test? È psicoattitudinale, niente quizzone. Si parla con il personale di ateneo, si cerca di capire se il ragazzo è adatto alla professione medica e si viene iscritti. Tre anni fa, ci spiegano dalla Uax, gli studenti italiani di odontoiatria erano 30, due anni fa sono saliti a 100, l’anno scorso erano 300. Quest’anno il ministero ha messo un limite ai posti. La Uax ne avrà 200, già si sa che la metà saranno italiani. «La maggior parte di quelli che vengono da noi - ci raccontano - sono figli di dentisti che hanno uno studio avviato e che vogliono avere la certezza di poter fare questi studi. Ci sono quelli che hanno già provato più volte il test in Italia e sono stufi, e quelli che cominciano a venire direttamente dopo il liceo».

L’avventura spagnola costa, in un ateneo privato, poco meno di 16mila euro all’anno. In questi giorni c’è un flusso ininterrotto di famiglie italiane che stanno visitando il campus. Il titolo vale in tutta Europa come quello che si prende in alcuni atenei privati rumeni collegati con società di servizi italiane che rispondono per lo più a telefoni cellulari chiamando i quali si scopre che, sostanzialmente, l’ammissione si può comprare. Non che il test sia difficile. Anche in Romania non c’è lo stesso quiz italiano. Ma ci sono società che dicono di poter garantire l’entrata in alcuni atenei con 6.000 euro di tariffa per il servizio di documentazione e un corso di lingua intensivo. Il 50% si paga subito, l’altra metà dopo il test, ci dicono mentre ci fingiamo interessati al servizio. E se non si passa? «Assolutamente non c’è questa possibilità», assicurano, «abbiamo un protocollo di intesa con la facoltà da sette anni, abbiamo portato un sacco di studenti, abbiamo canali privilegiati». La lingua? «Si impara in 3-5 mesi. E gli esami al primo semestre si fanno al computer: se si prende un certo voto non serve fare l’orale». I posti per gli stranieri sono 150 nell’università proposta che non è lontana dall’aeroporto internazionale di Timisoara, città in cui operano molti dentisti italiani.

La tariffa per studiare è di 8-9mila euro all’anno di cui poco più di 3mila di iscrizione,
il resto sono divisi fra alloggio, aerei, vitto. E si riesce a lavorare in Italia: «Assolutamente sì», garantiscono, confermando anche qui che molti figli di professionisti scelgono questa via per avere la sicurezza di poter continuare sulla strada dei genitori. Ci viene poi spiegato che, una volta presa la residenza in Romania, si può anche tentare il rientro in Italia occupando i posti liberi lasciati dagli stranieri e sostenendo una prova di lingua italiana. «Questi fenomeni migratori ci sono noti - spiega Gianfranco Prada, presidente dell’Andi, l’Associazione nazionale dei dentisti - Da una parte andrebbe rivisto il numero chiuso che è penalizzante e non sempre seleziona i migliori. Dall’altra, però, bisognerebbe che a livello europeo si riuscisse ad avere una normativa comune sugli accessi alle facoltà mediche. In Spagna stanno introducendo una maggiore selezione, in Romania non so».

Michele Bonetti, avvocato che segue le cause che l’Unione degli studenti fa da anni contro il numero chiuso, lamenta: «Il numero chiuso danneggia il paese. Ne sono prova il trasferimento dei nostri studenti all’estero e il trasferimento dei nostri professionisti in altri paesi come la Gran Bretagna». Secondo i dati della Fnomceo, la Federazione nazionale degli ordini dei medici e degli odontoiatri, negli albi ci sono 1.368 medici nati in Italia che hanno conseguito il titolo all’estero. I dentisti sono 189, ad oggi. Ma per formare queste figure ci vogliono 5-6 anni. I ragazzi che emigrano si iscriveranno fra qualche tempo. «E’ certo anche davanti a questi fenomeni - chiude Amedeo Bianco, presidente Fnomceo - che bisognerà fare pressioni sull’Europa affinché tutti si adeguino a parametri comuni di programmazione dei posti di queste facoltà».
avatar
Gilberto Carron

Numero di messaggi : 518
utente : genitore
Data d'iscrizione : 15.02.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Medicina senza test in Romania Novemila euro e passa la paura

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum