Genitori a scuola
Questo forum è stato fondato ed è gestito in assoluta autonomia da alcuni genitori di studenti del liceo Parini.
E' un'occasione di libero scambio di opinioni per genitori, studenti, docenti e personale interno ed esterni al liceo.
Perchè la libertà non è star sopra un albero: </>
... libertà è partecipazione



Solo attraverso l'iscrizione è possibile pubblicare messaggi chiedere informazioni e rispondere ad argomenti già pubblicati.
Ultimi argomenti
» Dal sito del Parini i voti on line
Da l.c locatelli Sab Mag 16, 2015 4:28 pm

» Richiesta di informazioni
Da Paola M Dom Apr 26, 2015 8:00 pm

» Scuola: Italia fanalino di coda dell’Europa, 2 ragazzi su 10 abbandonano gli studi
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 7:00 pm

» Al via il premio per la scuola “Inventiamo una banconota”
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:57 pm

» funzionano come le lezioni tradizionali
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:53 pm

» Università: accolti 5000 ricorsi a Medicina ma mancano le aule
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:50 pm

» Crociata contro i fuoricorso. Meno fondi a chi ne ha troppi
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:53 pm

» Giannini : un “Erasmus per tutti” è uno degli obiettivi della presidenza italiana dell’Ue
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:51 pm

» Miur, on line l’elenco degli interventi #scuolebelle già realizzati
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:49 pm

» Giannini: alla maturità torneranno i commissari interni
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 7:01 pm

» Più studenti, stessi prof: parte l’anno scolastico del sovraffollamento
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:58 pm

» La Buona Scuola al via, sale l’attesa per le consultazioni online
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:55 pm

» Corso di inglese in Irlanda, la mia esperienza!
Da aless90 Mar Ago 05, 2014 2:21 pm

» Scuola, in pensione il provveditore Francesco De Sanctis. Nuovi vertici anche nei licei storici
Da Gilberto Carron Gio Lug 31, 2014 12:43 pm

» Dario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della MatematicaDario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della Matematica
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 4:05 pm

» Olimpiadi di matematica: Cina prima, Italia lontana dal podio
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:56 pm

» Anief, tra gli studenti bocciati oltre la metà lascia gli studi
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:53 pm

» Contro il caro-libri si ricorre all’usato
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:51 pm

» Università, per 1 studente su 2 ha come priorità gli sconti sui libri di testo
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:50 pm

» Con 100 alla Maturità niente tasse all’Università
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:49 pm

Parole chiave

obama  

premia il forum con un click
Sito segnalato su Small Advertise!
blog tools

"Valutare i professori funziona" La sperimentazione passa l'esame

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

"Valutare i professori funziona" La sperimentazione passa l'esame

Messaggio  Gilberto Carron il Mer Dic 07, 2011 10:53 am

Rapporto Fondazione per la scuola e Treellle: giudizi positivi sul metodo del Miur


roma

Ma questo metodo del ministero dell’Istruzione per valutare i prof funziona oppure no? Gli esperti consultati da viale Trastevere - la Fondazione per la Scuola della Compagnia di San Paolo e Treellle - hanno risposto di sì, funziona: si può andare avanti.

Era stato l’ex-ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini a introdurre un progetto pilota sugli insegnanti. Fra mille resistenze, e dopo una sonora bocciatura iniziale, l’esperimento era partito in 33 scuole di tre regioni: Piemonte, Lombardia e Campania.

Alla fine dello scorso anno scolastico erano stati individuati i prof da premiare ma il ministero aveva affidato alle due fondazioni il compito di redigere un Rapporto sull’efficacia del metodo usato che tenesse conto di tutte le critiche e i suggerimenti delle scuole.

Il risultato è decisamente positivo per il ministero, sostengono le due fondazioni e lo diranno stamattina al nuovo ministro Francesco

Profumo nel presentare il loro studio nella sede del Cnr di Roma.

Il progetto del Miur «ha individuato un metodo diverso e originale rispetto a quelli tradizionali, a tutt’oggi poco sperimentato. Anche questo metodo non è una bacchetta magica e non è esente da problemi e controindicazioni. Ma alla luce delle riflessioni teoriche sulla questione e nei limiti delle evidenze empiriche rilevate, lascia ben sperare e quindi merita di essere considerato, per ora almeno in via sperimentale», è il giudizio contenuto nel rapporto.

Non solo. La valutazione voluta dal ministero ha «intercettato un desiderio diffuso tra gli insegnanti di vedere riconosciuta la loro professionalità e comunque l’apprezzamento per essere stati messi al centro dell’attenzione dei loro dirigenti e colleghi, nonché di famiglie e studenti». Insomma, al di là delle proteste di una minoranza, i prof vogliono essere valutati dal ministero, sostengono gli esperti.

Alcuni docenti sono stati intervistati e dalle loro parole è emerso uno scarso apprezzamento verso il questionario di autovalutazione e il curriculum usati per giudicarli: li hanno trovati inadeguati rispetto al loro ruolo e alle caratteristiche del loro lavoro.

Diverso il giudizio rispetto ai premiati. A trovare errori nella lista dei premiati è una minoranza di scuole e, alla fine, a non meritare il premio è un insegnante su tre. Sugli altri invece i giudizi di tutti sono concordi. «Nella maggioranza delle scuole spiegano le fondazioni - coloro che non rilevano errori nella lista dei premiati sono stati più numerosi di chi invece ha rilevato errori. Questo è accaduto nell’87% delle scuole per i genitori, nel 75% delle scuole per gli studenti e nel 61% delle scuole per i docenti. Comunque, i giudizi negativi, oltre ad essere generalmente minoritari, non dissentono interamente con le decisioni del nucleo: per lo più implicano che solo un terzo dei premiati non sia meritevole. Sembra quindi possibile ipotizzare che esista una convergenza di giudizi tra le componenti scolastiche su almeno due terzi degli insegnanti premiati dal nucleo, cioè, in definitiva, sul 20% dei candidati anziché sul 30% previsto dalla sperimentazione: il metodo «Valorizza» quindi sembra raggiungere il suo obiettivo almeno per due insegnanti premiati su tre».

Ultimo punto da chiarire per le fondazioni è l’eventuale presenza di altri docenti che avrebbero meritato il premio. «In tutte le scuole sembrano essere relativamente pochi i meritevoli che non si sono candidati», rispondono gli esperti.

Il rapporto si conclude con alcune raccomandazioni. Innanzitutto ripetere la sperimentazione anche in questo anno scolastico. E, poi, erogare un premio al 20% degli insegnanti e per tre anni consecutivi, non «una tantum». Infine, evitare di imporre l’adesione ma «offrirlo come opportunità da cogliere solo alle scuole interessate a farlo proprio».
Flavia Amabile
avatar
Gilberto Carron

Numero di messaggi : 518
utente : genitore
Data d'iscrizione : 15.02.10

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum