Genitori a scuola
Questo forum è stato fondato ed è gestito in assoluta autonomia da alcuni genitori di studenti del liceo Parini.
E' un'occasione di libero scambio di opinioni per genitori, studenti, docenti e personale interno ed esterni al liceo.
Perchè la libertà non è star sopra un albero: </>
... libertà è partecipazione



Solo attraverso l'iscrizione è possibile pubblicare messaggi chiedere informazioni e rispondere ad argomenti già pubblicati.
Ultimi argomenti
» Dal sito del Parini i voti on line
Da l.c locatelli Sab Mag 16, 2015 4:28 pm

» Richiesta di informazioni
Da Paola M Dom Apr 26, 2015 8:00 pm

» Scuola: Italia fanalino di coda dell’Europa, 2 ragazzi su 10 abbandonano gli studi
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 7:00 pm

» Al via il premio per la scuola “Inventiamo una banconota”
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:57 pm

» funzionano come le lezioni tradizionali
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:53 pm

» Università: accolti 5000 ricorsi a Medicina ma mancano le aule
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:50 pm

» Crociata contro i fuoricorso. Meno fondi a chi ne ha troppi
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:53 pm

» Giannini : un “Erasmus per tutti” è uno degli obiettivi della presidenza italiana dell’Ue
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:51 pm

» Miur, on line l’elenco degli interventi #scuolebelle già realizzati
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:49 pm

» Giannini: alla maturità torneranno i commissari interni
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 7:01 pm

» Più studenti, stessi prof: parte l’anno scolastico del sovraffollamento
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:58 pm

» La Buona Scuola al via, sale l’attesa per le consultazioni online
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:55 pm

» Corso di inglese in Irlanda, la mia esperienza!
Da aless90 Mar Ago 05, 2014 2:21 pm

» Scuola, in pensione il provveditore Francesco De Sanctis. Nuovi vertici anche nei licei storici
Da Gilberto Carron Gio Lug 31, 2014 12:43 pm

» Dario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della MatematicaDario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della Matematica
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 4:05 pm

» Olimpiadi di matematica: Cina prima, Italia lontana dal podio
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:56 pm

» Anief, tra gli studenti bocciati oltre la metà lascia gli studi
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:53 pm

» Contro il caro-libri si ricorre all’usato
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:51 pm

» Università, per 1 studente su 2 ha come priorità gli sconti sui libri di testo
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:50 pm

» Con 100 alla Maturità niente tasse all’Università
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:49 pm

Parole chiave

obama  

premia il forum con un click
Sito segnalato su Small Advertise!
blog tools

Come funziona la maturità?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Come funziona la maturità?

Messaggio  Gilberto Carron il Mer Feb 02, 2011 5:01 pm

Ieri il ministro Gelmini ha annunciato le seconde prove scritte per gli esami di maturità. Ci sono novità clamorose?
Non c’è nulla di eclatante. Si sa che la prima prova scritta, comune a tutti gli indirizzi di studio, è quella di italiano. Ma si conosce in anticipo (salvo scelte clamorose) anche la seconda prova, in quanto le materie che ruotano sono sempre le stesse. Per esempio: al classico una volta c’è latino e l’altra greco, allo scientifico sempre matematica, all’artistico ruotano un paio di materie ma sempre quelle, e così via.

Che cosa cambia di anno in anno?

Teoricamente il ministero potrebbe interrompere la continuità che si è ormai affermata e fare delle scelte del tutto innovative ma, poiché opzioni del genere andrebbero a detrimento dell’affidabilità dell’esame, non lo fa.

Gli esami scritti sono sempre gli stessi?
Assolutamente no. Ogni anno cambia, e anche radicalmente, il tipo di prova che, nell’ambito di ciascuna materia, viene assegnata. Il compito, insomma, è sempre nuovo e spesso fortemente innovativo.

Chi sceglie i compiti della maturità?
Il ministero istituisce all’inizio di ogni anno una commissione di esperti dei vari indirizzi di studio, i quali propongono delle tracce che poi, dopo un certo numero di riunioni e di confronti, vengono fissate per iscritto in forma definitiva. Per quanto riguarda il tema di italiano, normalmente, anche il ministro stesso partecipa alla scelta delle tracce.

Quando vengono scelti gli argomenti delle prove?
Non ci sono date fisse per questo. Tuttavia, alla luce della consuetudine, si può dire che già oggi il ministero conosce i temi di italiano (relativi alla prima prova scritta) e gran parte dei compiti relativi alla seconda prova. E questo proprio per il fatto che il lavoro delle commissioni è, a questo punto dell’anno scolastico, ormai in stato avanzato.

Il fatto che i compiti di maturità siano preparati con così largo anticipo giustifica le voci su possibili fughe di notizie che - ogni anno - si susseguono?
In effetti da sempre, alla vigilia della maturità, si rincorrono voci su possibili temi e perfino su eventuali tracce per la seconda prova. L’esperienza insegna, però, che si tratta sempre di voci mai confermate dalla realtà se non in casi rarissimi in cui ci si azzecca solo per ragioni di probabilità statistica: circolano così tante tracce che una potrebbe avvicinarsi a quella vera. Comunque cercare di sapere prima le cose è fatica sprecata, perché nulla è uguale a ciò che poi verrà effettivamente richiesto.

Perché la seconda prova si fa il giorno successivo alla prima, mentre la terza a distanza di quattro giorni?

Per il fatto che mentre la prima prova (il tema di italiano) si svolge in un’unica giornata, la seconda prova - negli istituti tecnici e professionali ma anche artistici - può essere costituita da un esame pratico o di laboratorio, per la quale sono previsti fino a tre giorni di impegno. Stando così le cose, la terza prova viene spostata in avanti per consentire a tutti gli indirizzi di studio di sostenerla nello stesso giorno.

Quanti studenti sono interessati dagli esami?

In numero, ovviamente, cambia, ma da una decina d’anni si oscilla tra i 430 e 500 mila studenti, con un tasso di promozione sempre superiore al 90 per cento (fino a punte del 96-97 per cento). E questo perché la selezione degli studenti avviene negli anni precedenti e perfino in sede di scrutinio di ammissione e chi arriva all’esame ha già superato tante valutazioni. Senza dire che chi non ha sufficienze in tutte le materie oppure ha un voto negativo in condotta, non può avere accesso alla maturità.

Quest’anno sosterranno l’esame anche le classi coinvolte nel progetto EsaBac. Di cosa si tratta?

L’EsaBac è un progetto educativo in vigore dal 2009 e frutto di un accordo tra i governi italiano e francese, che consente agli allievi dei due Paesi di conseguire simultaneamente due diplomi a partire da un solo esame, l'Esame di Stato italiano e il Baccalauréat francese. Chi fa l’esame di maturità dopo aver seguito questo progetto avrà un diploma automaticamente riconosciuto sia in Italia che in Francia e, ovviamente, dovrà essere bilingue.

Quante scuole sono coinvolte nell’EsaBac?

Gli istituti interessati sono, complessivamente, 47, ma quest’anno arriverà alla maturità solo una prima tranche di 29 scuole, presenti soprattutto nell’area nord-occidentale del Paese. Gli altri faranno l’esame nel 2013.
R:MASCI
avatar
Gilberto Carron

Numero di messaggi : 518
utente : genitore
Data d'iscrizione : 15.02.10

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum