Genitori a scuola
Questo forum è stato fondato ed è gestito in assoluta autonomia da alcuni genitori di studenti del liceo Parini.
E' un'occasione di libero scambio di opinioni per genitori, studenti, docenti e personale interno ed esterni al liceo.
Perchè la libertà non è star sopra un albero: </>
... libertà è partecipazione



Solo attraverso l'iscrizione è possibile pubblicare messaggi chiedere informazioni e rispondere ad argomenti già pubblicati.
Ultimi argomenti
» Dal sito del Parini i voti on line
Da l.c locatelli Sab Mag 16, 2015 4:28 pm

» Richiesta di informazioni
Da Paola M Dom Apr 26, 2015 8:00 pm

» Scuola: Italia fanalino di coda dell’Europa, 2 ragazzi su 10 abbandonano gli studi
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 7:00 pm

» Al via il premio per la scuola “Inventiamo una banconota”
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:57 pm

» funzionano come le lezioni tradizionali
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:53 pm

» Università: accolti 5000 ricorsi a Medicina ma mancano le aule
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:50 pm

» Crociata contro i fuoricorso. Meno fondi a chi ne ha troppi
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:53 pm

» Giannini : un “Erasmus per tutti” è uno degli obiettivi della presidenza italiana dell’Ue
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:51 pm

» Miur, on line l’elenco degli interventi #scuolebelle già realizzati
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:49 pm

» Giannini: alla maturità torneranno i commissari interni
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 7:01 pm

» Più studenti, stessi prof: parte l’anno scolastico del sovraffollamento
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:58 pm

» La Buona Scuola al via, sale l’attesa per le consultazioni online
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:55 pm

» Corso di inglese in Irlanda, la mia esperienza!
Da aless90 Mar Ago 05, 2014 2:21 pm

» Scuola, in pensione il provveditore Francesco De Sanctis. Nuovi vertici anche nei licei storici
Da Gilberto Carron Gio Lug 31, 2014 12:43 pm

» Dario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della MatematicaDario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della Matematica
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 4:05 pm

» Olimpiadi di matematica: Cina prima, Italia lontana dal podio
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:56 pm

» Anief, tra gli studenti bocciati oltre la metà lascia gli studi
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:53 pm

» Contro il caro-libri si ricorre all’usato
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:51 pm

» Università, per 1 studente su 2 ha come priorità gli sconti sui libri di testo
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:50 pm

» Con 100 alla Maturità niente tasse all’Università
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:49 pm

Parole chiave

premia il forum con un click
Sito segnalato su Small Advertise!
blog tools

Nuovi programmi per l'insegnamento della religione cattolica

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Nuovi programmi per l'insegnamento della religione cattolica

Messaggio  Bond il Ven Ago 06, 2010 11:11 pm

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Dipartimento per l'Istruzione

Roma, 3 agosto 2010
Oggetto: Indicazioni per l'insegnamento della religione cattolica nelle scuole secondarie superiori.


In relazione al riordino dei licei, degli istituti tecnici e degli istituti professionali, che troverà attuazione dal 1 settembre prossimo, la Conferenza episcopale italiana ha fatto pervenire a questo Ministero una proposta di indicazioni didattiche per l'insegnamento della religione cattolica nelle suddette scuole secondarie superiori allo scopo di aggiornare le precedenti indicazioni ed i programmi di insegnamento vigenti.
Tenuto conto che tali indicazioni si collocano nel quadro delle finalità della scuola, si ritiene di poterne accogliere il contenuto e lo si trasmette in allegato alle scuole affinché dall'anno scolastico 2010-11 il documento sia adottato a titolo provvisorio per l'insegnamento della religione cattolica a partire dalle classi prime dei licei, degli istituti tecnici e degli istituti professionali, in attesa che una versione definitiva sia emanata secondo le modalità previste dal DPR 16-12-1985, n. 751, previa intesa tra le competenti autorità scolastica ed ecclesiastica.


IL MINISTRO
F.to Mariastella Gelmini

Indicazioni sperimentali[left]
avatar
Bond
Admin

Numero di messaggi : 509
utente : genitore
Data d'iscrizione : 07.10.08

http://genitoriliceoparini.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Almeno qualche spicciolo, del suo, a Cesare

Messaggio  arno mandelbaum il Lun Ago 30, 2010 12:53 pm

Bentornati a tutti,
qualche osservazione libera e ludica, in ordine sparso, sull’argomento proposto:

1) Pur avendo le mie idee (è vero che ho aderito al movimento CNAELP - crocifissi nelle aule e luoghi pubblici – ma avevo capito male e sono stato espulso dopo pochissimo tempo perché secondo me dovevano restare appesi solo a memento della “crocifissione teologica” che le varie chiese cristiane hanno operato sulla purezza del messaggio originario) non ho nulla da obiettare sullo stato attuale della questione: chi vuole liberamente avvalersi dell’ora di religione lo fa, chi no no, può fare taglio e cucito o scivolare nei corridoi del liceo con le pattine (non ho mai capito cosa si faccia veramente, forse si esce l’ora prima).
Credo serva, l’ora di religione cattolica, a migliore comprensione della realtà in cui comunque sei immerso e in cui devi crescere in tutti i sensi.
Se conosci o conoscerai bene Socrate o Seneca l’ultimo rischio è che un Don Pino (nome di fantasia, puramente esemplificativo) possa indottrinarti in qualche modo forzato.

2) Quello che piuttosto non comprendo è: se molti nel fronte cattolico, certamente la parte più vitale, chiede su tutto e continuamente “sussidiarietà” in luogo di Stato, perché proprio la cosa centrale, l’insegnamento religioso, non può allo stesso modo essere delegata alle famiglie?
E’ una forma di garanzia, il cui desiderio dimostra paura.

3) Rispettosamente parlando e in regime di libera opinione ogni scritto della CEI mi fa venire in mente un grande articolo di Pasolini negli Scritti Corsari (“Vuoto di carità, vuoto di cultura: un linguaggio senza origini”) dedicato alla sintassi di alcune sentenze della Sacra Rota.
Sulle indicazioni in allegato, sempre che sia la versione originale della CEI:

- che senso ha dividere conoscenze e abilità in due bienni e in un ultimo anno quando è chiaro in premessa che stai parlando di un “altro”, cioè l’approfondimento della sfera religiosa? sappiamo bene che le leggi che governano tale sfera sono assolutamente particolari, così come il suo fiorire e crescere…; casomai si tratta di porre sotto un cristallo per così dire “religioso” il proprio crescente apprendere…

- visto il contesto, le finalità, l’attinenza con la dimensione trascendente, non sarebbe meglio evitare un brutto acronimo come Irc per l’insegnamento di cui si parla? Direte che è poco importante ma io leggo, in un piccolo segno, proprio l’impossibilità della Chiesa di oggi a trattare i temi che dovrebbe (morte, resurrezione, mondo che verrà, anima e corpo: avete mai provato a chiedere qualcosa in questo senso al parroco di fiducia? dopo bisogna mettersi a guardare un film di fantascienza per riprendersi) ed è anche per questo che si affanna a contaminarsi con la vita politica e sociale corrente; evidentemente le parole del fondatore sulla divisione tra Cesare e Dio (anche quelle sullo scandalo dei piccoli, stando almeno alle cronache, sembrano non essere state meditate a sufficienza da alcuni membri dell'Istituzione) non contano; propongo di sostituire Irc con "Vangelo" (mi pare contenga anche ciò che lo precede e sia l'essenziale, o no?;

-per gli istituti tecnici l’Irc si colloca “…nell’area di istruzione generale, arricchendo la preparazione di base e lo sviluppo degli assi culturali attraverso una peculiare opzione epistemologica per l’interpretazione e la valutazione critica della realtà…”
quale sarebbe, la “peculiare opzione epistemologica” riferita agli istituti tecnici?
è proprio lì – poiché è indubbio che agli studenti dei licei vengano messi in mano TUTTI gli strumenti possibili per la propria autodeterminazione in senso anche religioso - che l’attenzione dovrebbe essere più alta.
avete mai visto un istituto tecnico prima dell’entrata al mattino? una metà è extracomunitaria e una congrua percentuale vive probabilmente una vita difficile in senso familiare e sotto ogni riguardo.
a me sta bene che si risolva il problema con la “peculiare opzione epistemologica” ma almeno ditemi cos’ è.

- last e per mia non conoscenza del dato: chi sceglie gli insegnanti di religione? la curia arcivescovile e il preside approva? viceversa? può un preside porre veti nel primo caso? chi decide che gli insegnanti vadano cambiati? qui l’argomento è importante perché sento genitori lamentarsi del professore di qui di quello di là, l’hanno mandato via altre volte ecc. e su quell’ora di religione, un’ora sola ma delicata, cosa ne sappiamo?

un saluto umile e rispettoso a tutti

AM


arno mandelbaum

Numero di messaggi : 71
Età : 58
utente : genitore
Data d'iscrizione : 30.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum