Genitori a scuola
Questo forum è stato fondato ed è gestito in assoluta autonomia da alcuni genitori di studenti del liceo Parini.
E' un'occasione di libero scambio di opinioni per genitori, studenti, docenti e personale interno ed esterni al liceo.
Perchè la libertà non è star sopra un albero: </>
... libertà è partecipazione



Solo attraverso l'iscrizione è possibile pubblicare messaggi chiedere informazioni e rispondere ad argomenti già pubblicati.
Ultimi argomenti
» Dal sito del Parini i voti on line
Da l.c locatelli Sab Mag 16, 2015 4:28 pm

» Richiesta di informazioni
Da Paola M Dom Apr 26, 2015 8:00 pm

» Scuola: Italia fanalino di coda dell’Europa, 2 ragazzi su 10 abbandonano gli studi
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 7:00 pm

» Al via il premio per la scuola “Inventiamo una banconota”
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:57 pm

» funzionano come le lezioni tradizionali
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:53 pm

» Università: accolti 5000 ricorsi a Medicina ma mancano le aule
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:50 pm

» Crociata contro i fuoricorso. Meno fondi a chi ne ha troppi
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:53 pm

» Giannini : un “Erasmus per tutti” è uno degli obiettivi della presidenza italiana dell’Ue
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:51 pm

» Miur, on line l’elenco degli interventi #scuolebelle già realizzati
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:49 pm

» Giannini: alla maturità torneranno i commissari interni
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 7:01 pm

» Più studenti, stessi prof: parte l’anno scolastico del sovraffollamento
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:58 pm

» La Buona Scuola al via, sale l’attesa per le consultazioni online
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:55 pm

» Corso di inglese in Irlanda, la mia esperienza!
Da aless90 Mar Ago 05, 2014 2:21 pm

» Scuola, in pensione il provveditore Francesco De Sanctis. Nuovi vertici anche nei licei storici
Da Gilberto Carron Gio Lug 31, 2014 12:43 pm

» Dario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della MatematicaDario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della Matematica
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 4:05 pm

» Olimpiadi di matematica: Cina prima, Italia lontana dal podio
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:56 pm

» Anief, tra gli studenti bocciati oltre la metà lascia gli studi
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:53 pm

» Contro il caro-libri si ricorre all’usato
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:51 pm

» Università, per 1 studente su 2 ha come priorità gli sconti sui libri di testo
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:50 pm

» Con 100 alla Maturità niente tasse all’Università
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:49 pm

Parole chiave

obama  

premia il forum con un click
Sito segnalato su Small Advertise!
blog tools

Università, rinuncia il 40% degli iscritti Napolitano: “Servono più risorse” I dati del rapporto biennale Anvur. Il presidente della Repubblica: «sistema insoddisfacente. Sensibile il divario territoriale tra il Nord e il Mezzogiorno»

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Università, rinuncia il 40% degli iscritti Napolitano: “Servono più risorse” I dati del rapporto biennale Anvur. Il presidente della Repubblica: «sistema insoddisfacente. Sensibile il divario territoriale tra il Nord e il Mezzogiorno»

Messaggio  Gilberto Carron il Mer Mar 19, 2014 4:52 pm

Gli studenti che intraprendono un corso di primo livello universitario senza concluderlo sono tantissimi: quasi il 40%. Lo sottolinea il primo rapporto biennale sullo stato del sistema dell’università e della ricerca realizzato dall’Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca (Anvur) e presentato questa mattina a Roma al ministro Stefania Giannini. E ha espresso preoccupazione il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, per le scarse risorse destinate dall’Italia per la ricerca e l’università. Nel messaggio inviato in occasione della presentazione del rapporto, rileva che «si conferma purtroppo la persistenza di difficoltà strutturali nel settore dell’istruzione superiore e della ricerca individuabili in primo luogo in un insoddisfacente livello complessivo della produttività del sistema, pur in presenza di innegabili punte di eccellenza, e nella permanenza di un sensibile divario territoriale a sfavore del Mezzogiorno». Per il presidente della Repubblica «ulteriore preoccupazione emerge dai dati relativi alle risorse destinate all’università e alla ricerca, che si attestano sui valori considerevolmente inferiori alle medie europee e dei Paesi Ocse, a fronte di una qualità dei risultati che è segno di potenzialità da sostenere e valorizzare».
Il documento precisa tuttavia che le cose vanno meglio nei corsi a ciclo unico, dove la percentuale di laureati è pari al 63,2% dopo nove anni dall’iscrizione e nei corsi di laurea di secondo livello dove si sale a circa l’80%. Inoltre, spiega ancora il rapporto Anvur, il tempo medio per il conseguimento del titolo nei corsi di primo livello, cioè la laurea triennale, è pari a 5,1 anni, ovvero circa il 70% in più rispetto alla durata legale del corso. È invece minore il ritardo per le lauree di secondo livello, cioè quelle magistrali che durano due anni: 2,8 anni in media.
Esiste anche una grossa differenza tra atenei del nord e atenei del centro-sud: in questi ultimi, il tasso di regolarità è nettamente inferiore a quelli settentrionali dove dopo due anni gli studenti conseguono un più elevato numero di crediti formativi, i laureati completano gli studi nei tempi previsti nel 43% dei casi contro il 23-27% nel mezzogiorno e nel centro. Gli studenti fuori corso costituiscono il 35% del totale contro il 45-47% negli atenei del centro e del mezzogiorno. Per quel che riguarda i dati sull’Europa i laureati in Italia sono aumentati ma restano sempre pochi rispetto al resto della Ue. Il rapporto spiega infatti che tra il 1993 e il 2012 la quota dei laureati sulla popolazione in età lavorativa è salita dal 5,5 al 12,7% e quella tra i giovani fra i 25 ed i 34 anni è passata dal 7,1 al 22,3%.
Nonostante questo miglioramento, sottolinea l’Anvur, l’Italia continua ad essere uno dei Paesi con la più bassa quota di laureati. Infatti, nel 2012, all’interno dell’Unione europea vi erano in media oltre 35 laureati ogni 100 abitanti in età compresa tra i 25 ed i 34 anni, contro il 22,3% dell’Italia.Una delle principali cause di questo divario, spiega il rapporto, è l’assenza nel nostro Paese di corsi di carattere professionalizzante che nella media europea rappresentano circa un quarto dei giovani in possesso di un titolo di istruzione terziaria.
 Embarassed  Embarassed  Embarassed  Embarassed  Embarassed  Embarassed  Embarassed  Embarassed  Embarassed  Embarassed  Embarassed  Embarassed  Embarassed 
avatar
Gilberto Carron

Numero di messaggi : 518
utente : genitore
Data d'iscrizione : 15.02.10

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum