Genitori a scuola
Questo forum è stato fondato ed è gestito in assoluta autonomia da alcuni genitori di studenti del liceo Parini.
E' un'occasione di libero scambio di opinioni per genitori, studenti, docenti e personale interno ed esterni al liceo.
Perchè la libertà non è star sopra un albero: </>
... libertà è partecipazione



Solo attraverso l'iscrizione è possibile pubblicare messaggi chiedere informazioni e rispondere ad argomenti già pubblicati.
Ultimi argomenti
» Dal sito del Parini i voti on line
Da l.c locatelli Sab Mag 16, 2015 4:28 pm

» Richiesta di informazioni
Da Paola M Dom Apr 26, 2015 8:00 pm

» Scuola: Italia fanalino di coda dell’Europa, 2 ragazzi su 10 abbandonano gli studi
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 7:00 pm

» Al via il premio per la scuola “Inventiamo una banconota”
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:57 pm

» funzionano come le lezioni tradizionali
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:53 pm

» Università: accolti 5000 ricorsi a Medicina ma mancano le aule
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:50 pm

» Crociata contro i fuoricorso. Meno fondi a chi ne ha troppi
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:53 pm

» Giannini : un “Erasmus per tutti” è uno degli obiettivi della presidenza italiana dell’Ue
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:51 pm

» Miur, on line l’elenco degli interventi #scuolebelle già realizzati
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:49 pm

» Giannini: alla maturità torneranno i commissari interni
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 7:01 pm

» Più studenti, stessi prof: parte l’anno scolastico del sovraffollamento
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:58 pm

» La Buona Scuola al via, sale l’attesa per le consultazioni online
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:55 pm

» Corso di inglese in Irlanda, la mia esperienza!
Da aless90 Mar Ago 05, 2014 2:21 pm

» Scuola, in pensione il provveditore Francesco De Sanctis. Nuovi vertici anche nei licei storici
Da Gilberto Carron Gio Lug 31, 2014 12:43 pm

» Dario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della MatematicaDario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della Matematica
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 4:05 pm

» Olimpiadi di matematica: Cina prima, Italia lontana dal podio
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:56 pm

» Anief, tra gli studenti bocciati oltre la metà lascia gli studi
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:53 pm

» Contro il caro-libri si ricorre all’usato
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:51 pm

» Università, per 1 studente su 2 ha come priorità gli sconti sui libri di testo
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:50 pm

» Con 100 alla Maturità niente tasse all’Università
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:49 pm

Parole chiave

premia il forum con un click
Sito segnalato su Small Advertise!
blog tools

“Insegnate la psicologia ai prof”

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

“Insegnate la psicologia ai prof”

Messaggio  Gilberto Carron il Ven Nov 09, 2012 5:02 pm

Il disagio mentale negli adolescenti raramente viene interpretato in modo corretto a scuola

I docenti: “Siamo formati solo sulle discipline”. Senza armi contro disturbi alimentari e fobie


torino

Riunirà educatori, neuropsichiatri infantili, psicologi, docenti della Scuola in ospedale, il convegno «Studenti invisibili» che si terrà alla Certosa del Gruppo Abele, ad Avigliana, giovedì e venerdì della prossima settimana. Invitato a partecipare, anzi «caldamente» invitato, è il mondo della scuola, ancora impreparato a cogliere i segnali del disagio mentale in adolescenza, condizione che ha la sua manifestazione estrema nei tentativi di suicidio, nei disturbi alimentari, ma che in tutte le sue sfumature di intensità significa sofferenza profonda. Non importa se all’origine c’è senso di inadeguatezza, fragilità, mancanza di punti di riferimento o scelte sbagliate.



I dati più toccanti, quelli sui ricoveri di 14-17enni all’Ospedale Regina Margherita per tentato suicidio, sono stati illustrati lunedì alla presentazione del convegno: passati da 5 a 20 all’anno in 5 anni. Numeri - solo la punta dell’iceberg - che chiedono alla scuola, in un tempo in cui spesso la famiglia è evanescente, un’attenzione che non può limitarsi alla didattica. «Il rischio per questi ragazzi è che siano “invisibili” fuori e spesso anche dentro la scuola», ha osservato alla presentazione del convegno Andrea Piazza, preside dell’Itc Carlo Levi, istituto responsabile della sezione superiore della Scuola in ospedale. Piazza ha sottolineato l’importanza del collegamento tra docenti ospedalieri, neuropsichiatri infantili e scuola di origine. «Anche la scuola partecipa alla cura».



Riccardo Gallarà, preside del liceo Alfieri, ha proposto una riflessione: «Il liceo classico è impegnativo, ci sono studenti sotto stress anche per le aspettative dei genitori. E gli insegnanti, al ritorno dei ragazzi, dopo le cure, troppo spesso pensano ancora soprattutto ai voti... Ma questi ragazzi ce la fanno solo se intorno hanno una rete di cui fanno parte medici e docenti».



Testimonianza toccante anche quella di Stefania Sagramora del professionale Birago: «Ogni anno per disagio mentale noi perdiamo 5-6 studenti del biennio. Sono ragazzi che non hanno i libri, che sono figli di immigrati, di famiglie colpite dalla precarietà del lavoro. La disabilità certificata ha qualche garanzia, ma gli “invisibili”? Si dovrebbe ricordare che il disagio è anche questione di censo». Parole confortanti sono venute dalle dirigenti dei licei delle Scienze Umane, scuole considerate «amiche» da medici e famiglie. «Abbiamo studentesse con disturbi alimentari - ha detto Paola Gasco del Berti -, che hanno compiuto atti di autolesionismo, in crisi per la scelta sbagliata della scuola, indotta dai genitori. Alcuni nostri docenti hanno fatto formazione. L’obiettivo è identificare i disturbi prima che esplodano».



Maria Torelli del Regina Margherita: «Le nostre scuole ricevono parecchi ragazzi che in prima battuta si iscrivono ai licei classici». Per Bruna Trucchi, preside che per 15 anni ha curato il progetto «Provaci ancora Sam», «la scuola manca totalmente di formazione psicologica e sociologica. Gli insegnanti si formano sulle discipline e basta. Così, succede che chiamiamo “pelandrone” chi invece è vittima di una fobia. E combiniamo disastri». «Bisogna saper vedere “dentro” i ragazzi», ha suggerito il dottor Marco Rolando, responsabile della Neuropsichiatria infantile dell’Asl To3. Il convegno della prossima settimana è un’occasione per imparare a farlo.

lastampa .it

avatar
Gilberto Carron

Numero di messaggi : 518
utente : genitore
Data d'iscrizione : 15.02.10

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum