Genitori a scuola
Questo forum è stato fondato ed è gestito in assoluta autonomia da alcuni genitori di studenti del liceo Parini.
E' un'occasione di libero scambio di opinioni per genitori, studenti, docenti e personale interno ed esterni al liceo.
Perchè la libertà non è star sopra un albero: </>
... libertà è partecipazione



Solo attraverso l'iscrizione è possibile pubblicare messaggi chiedere informazioni e rispondere ad argomenti già pubblicati.
Ultimi argomenti
» Dal sito del Parini i voti on line
Da l.c locatelli Sab Mag 16, 2015 4:28 pm

» Richiesta di informazioni
Da Paola M Dom Apr 26, 2015 8:00 pm

» Scuola: Italia fanalino di coda dell’Europa, 2 ragazzi su 10 abbandonano gli studi
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 7:00 pm

» Al via il premio per la scuola “Inventiamo una banconota”
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:57 pm

» funzionano come le lezioni tradizionali
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:53 pm

» Università: accolti 5000 ricorsi a Medicina ma mancano le aule
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:50 pm

» Crociata contro i fuoricorso. Meno fondi a chi ne ha troppi
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:53 pm

» Giannini : un “Erasmus per tutti” è uno degli obiettivi della presidenza italiana dell’Ue
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:51 pm

» Miur, on line l’elenco degli interventi #scuolebelle già realizzati
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:49 pm

» Giannini: alla maturità torneranno i commissari interni
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 7:01 pm

» Più studenti, stessi prof: parte l’anno scolastico del sovraffollamento
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:58 pm

» La Buona Scuola al via, sale l’attesa per le consultazioni online
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:55 pm

» Corso di inglese in Irlanda, la mia esperienza!
Da aless90 Mar Ago 05, 2014 2:21 pm

» Scuola, in pensione il provveditore Francesco De Sanctis. Nuovi vertici anche nei licei storici
Da Gilberto Carron Gio Lug 31, 2014 12:43 pm

» Dario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della MatematicaDario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della Matematica
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 4:05 pm

» Olimpiadi di matematica: Cina prima, Italia lontana dal podio
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:56 pm

» Anief, tra gli studenti bocciati oltre la metà lascia gli studi
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:53 pm

» Contro il caro-libri si ricorre all’usato
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:51 pm

» Università, per 1 studente su 2 ha come priorità gli sconti sui libri di testo
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:50 pm

» Con 100 alla Maturità niente tasse all’Università
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:49 pm

Parole chiave

premia il forum con un click
Sito segnalato su Small Advertise!
blog tools

Obbligatorio studiare l’inno di Mameli

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Obbligatorio studiare l’inno di Mameli

Messaggio  Gilberto Carron il Ven Nov 09, 2012 4:56 pm

Approvato in via definitiva il ddl.
La Lega protesta: norma illiberale

D’ora in poi l’Inno di Mameli, conosciuto anche come Fratelli d’ Italia dal suo verso introduttivo, dovrà esser studiato e cantato nelle scuole italiane. Il Senato ha, infatti, approvato in via definitiva con la sola opposizione tenace e chiassosa della Lega Nord, il ddl che introduce questo canto risorgimentale, scritto da Goffredo Mameli e musicato da Michele Novaro, nei programmi scolastici. Nello stesso tempo, viene istituito il 17 marzo di ogni anno, in continuità con il festeggiamento dei 150 anni, il «Giorno dell’Unità nazionale, della Costituzione, dell’inno e della bandiera», allo scopo di promuovere i valori di cittadinanza e di consolidare l’identità nazionale.



Questo inno che, in crescendo, incita alla ribellione verso lo straniero e alla libertà con la chiusa «l’ Italia chiamò» non sarà più solo motivo di applausi (e fischi) negli Stadi quando gioca la nazionale e dovrebbe avere una diffusione capillare. Ma, si sa, l’inno di Mameli non è mai piaciuto ai leghisti che nell’ Aula del Senato hanno dato il meglio di sé nella contestazione di un simbolo della Repubblica e non digeriscono che in terre padane gli scolari siano tenuti a conoscerlo. Solo il segretario Roberto Maroni ha gettato acqua sul fuoco cavandosela con una battuta:«Quando si canta, purché non sia stonato, per me va sempre bene».

Il Carroccio è intervenuto, tra ieri sera e stamane, in massa definendo, via via, l’iniziativa, legata ai festeggiamenti per i 150 anni dell’ Unità d’Italia, «inutile», «retorica», «antistorica», «ideologica», «coercitiva», «illiberale», «totalitaria». «Io sono sempre stato convinto che Metternich avesse ragione» ha detto l’ex Guardasigilli Roberto Castelli precisando di «esser legato più» alla sua terra che alla penisola italiana. Sentimento di «non appartenenza» all’ Italia espressa anche da altri esponenti del Carroccio che hanno parlato di «carattere fittizio» di un’unità nazionale non ispirata al federalismo e «svuotata di sovranità» dalle richieste dell’ Unione europea.



«Sdegno» per le bordate leghiste è stato espresso dai senatori degli altri gruppi. Il senatore democratico Giovanni Procacci, tra gli applausi, ha chiesto: «perché demonizzate la storia e la memoria del Paese? Alberto da Giussano, vostro simbolo, è ricordato nell’ inno che disprezzate». Ma la Lega fino all’ ultimo, con il giochetto di interventi in dichiarazione di voto in dissenso dal gruppo, ha continuato a protestare contro quella che ha definito «una imposizione» alle «libere genti della Padania». Alla fine, il capogruppo del Pdl Maurizio Gasparri ha salutato il «voto storico» del Senato che «riafferma i valori dell’identità nazionale».

avatar
Gilberto Carron

Numero di messaggi : 518
utente : genitore
Data d'iscrizione : 15.02.10

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum