Genitori a scuola
Questo forum è stato fondato ed è gestito in assoluta autonomia da alcuni genitori di studenti del liceo Parini.
E' un'occasione di libero scambio di opinioni per genitori, studenti, docenti e personale interno ed esterni al liceo.
Perchè la libertà non è star sopra un albero: </>
... libertà è partecipazione



Solo attraverso l'iscrizione è possibile pubblicare messaggi chiedere informazioni e rispondere ad argomenti già pubblicati.
Ultimi argomenti
» Dal sito del Parini i voti on line
Da l.c locatelli Sab Mag 16, 2015 4:28 pm

» Richiesta di informazioni
Da Paola M Dom Apr 26, 2015 8:00 pm

» Scuola: Italia fanalino di coda dell’Europa, 2 ragazzi su 10 abbandonano gli studi
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 7:00 pm

» Al via il premio per la scuola “Inventiamo una banconota”
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:57 pm

» funzionano come le lezioni tradizionali
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:53 pm

» Università: accolti 5000 ricorsi a Medicina ma mancano le aule
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:50 pm

» Crociata contro i fuoricorso. Meno fondi a chi ne ha troppi
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:53 pm

» Giannini : un “Erasmus per tutti” è uno degli obiettivi della presidenza italiana dell’Ue
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:51 pm

» Miur, on line l’elenco degli interventi #scuolebelle già realizzati
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:49 pm

» Giannini: alla maturità torneranno i commissari interni
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 7:01 pm

» Più studenti, stessi prof: parte l’anno scolastico del sovraffollamento
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:58 pm

» La Buona Scuola al via, sale l’attesa per le consultazioni online
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:55 pm

» Corso di inglese in Irlanda, la mia esperienza!
Da aless90 Mar Ago 05, 2014 2:21 pm

» Scuola, in pensione il provveditore Francesco De Sanctis. Nuovi vertici anche nei licei storici
Da Gilberto Carron Gio Lug 31, 2014 12:43 pm

» Dario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della MatematicaDario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della Matematica
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 4:05 pm

» Olimpiadi di matematica: Cina prima, Italia lontana dal podio
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:56 pm

» Anief, tra gli studenti bocciati oltre la metà lascia gli studi
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:53 pm

» Contro il caro-libri si ricorre all’usato
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:51 pm

» Università, per 1 studente su 2 ha come priorità gli sconti sui libri di testo
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:50 pm

» Con 100 alla Maturità niente tasse all’Università
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:49 pm

premia il forum con un click
Sito segnalato su Small Advertise!
blog tools

Il nuovo trend, studenti e professori “amici “ su Facebook

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Il nuovo trend, studenti e professori “amici “ su Facebook

Messaggio  Gilberto Carron il Mar Ott 02, 2012 12:40 pm

Se ci si limita a un approfondimento di temi scolastici, va bene
roma


Sempre più spesso, ultimamente, si sente parla di insegnanti e studenti che diventano amici virtuali. Succede che i ragazzi abbiano tantissimi amici su Facebook e che non si facciano nessun tipo di problema ad aggiungere fra questi anche i loro insegnanti. Ma, il più delle volte, l’insegnante rappresenta solo un amico in più sul social network con il quale non hanno nessun tipo di rapporto.



In realtà, da un sondaggio di Skuola.net emerge che sebbene ci sia fra gli studenti un 40% che ha fra le sue amicizie virtuali sia insegnanti che genitori, c’è poi solo un 8% ha fra gli amici di Facebook i suoi professori e, fra l’altro, non sembrano avere con loro alcun tipo di rapporto.



Infatti, da quanto possiamo leggere dai commenti della pagina Facebook del sito specializzato, sembrerebbe che sul social network regni l’indifferenza più totale tra professori e studenti, come commenta, per esempio un utente: «Fra gli amici ho solo due ex prof. delle medie e non ci chatto mai».



Sono pochi i ragazzi che con i loro insegnanti hanno dei rapporti virtuali e, quando li hanno, si fermano alla scuola, come confessa un’altra utente: «La mia prof. di italiano scrive i compiti sul gruppo della nostra classe».



Non sono pochi quei ragazzi che hanno anche confessato, liberamente, di non aver aggiunto i loro insegnanti fra gli amici di Facebook: «Perché dovrei averli come amici? Per fare numero nella lista degli amici come fanno quasi tutti? Non mi va che leggano i fatti miei» racconta una studentessa, ma non è la sola. Anche altri ragazzi affermano: «Non li aggiungo perché se leggessero le cose che pubblico mi boccerebbero a prescindere».



Insomma, sembrerebbe che gli studenti vogliano far terminare il loro rapporto con gli insegnanti al suono della campanella. Infatti, anche se si potrebbe utilizzare il social network in maniera costruttiva chiedendo spiegazioni della lezione o i compiti fuori l’orario scolastico, i ragazzi preferiscono aspettare il giorno successivo per parlare con il loro insegnante, magari utilizzando Facebook solo in maniera ludica.



La docente di psicologia dell’età evolutiva dell’università Sapienza di Roma, Anna Oliverio Ferrarise invita alla prudenza per queste amicizie tra studenti e professori. «Qualche volta può essere utile, ma con molta cautela. Se il contatto virtuale punta ad approfondire argomenti di cui si è parlato a scuola, allora va bene. Ma se il social network diventa un canale per un dialogo su questioni più personali ed intime, potrebbe essere troppo invadente».



«Molto dipende da come viene impostato questo rapporto. Se ci si limita a un approfondimento di temi scolastici, va bene. Discorso differente se l’insegnante in questo modo - dice la psicologa dello sviluppo - vuole mettersi sullo stesso piano dei suoi alunni. Questo non va affatto bene, i ragazzi non lo vogliono affatto. A loro serve l’autorevolezza di un adulto, una figura di riferimento e non un altro amico».



Insomma, tutto considerato molto dipende dalla «personalità degli uni e degli altri», conclude la psicologa, che concede un «via libera con cautela e senza esagerare” al nuovo trend.

Gilberto Carron

Numero di messaggi : 518
utente : genitore
Data d'iscrizione : 15.02.10

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum