Genitori a scuola
Questo forum è stato fondato ed è gestito in assoluta autonomia da alcuni genitori di studenti del liceo Parini.
E' un'occasione di libero scambio di opinioni per genitori, studenti, docenti e personale interno ed esterni al liceo.
Perchè la libertà non è star sopra un albero: </>
... libertà è partecipazione



Solo attraverso l'iscrizione è possibile pubblicare messaggi chiedere informazioni e rispondere ad argomenti già pubblicati.
Ultimi argomenti
» Dal sito del Parini i voti on line
Da l.c locatelli Sab Mag 16, 2015 4:28 pm

» Richiesta di informazioni
Da Paola M Dom Apr 26, 2015 8:00 pm

» Scuola: Italia fanalino di coda dell’Europa, 2 ragazzi su 10 abbandonano gli studi
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 7:00 pm

» Al via il premio per la scuola “Inventiamo una banconota”
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:57 pm

» funzionano come le lezioni tradizionali
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:53 pm

» Università: accolti 5000 ricorsi a Medicina ma mancano le aule
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:50 pm

» Crociata contro i fuoricorso. Meno fondi a chi ne ha troppi
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:53 pm

» Giannini : un “Erasmus per tutti” è uno degli obiettivi della presidenza italiana dell’Ue
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:51 pm

» Miur, on line l’elenco degli interventi #scuolebelle già realizzati
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:49 pm

» Giannini: alla maturità torneranno i commissari interni
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 7:01 pm

» Più studenti, stessi prof: parte l’anno scolastico del sovraffollamento
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:58 pm

» La Buona Scuola al via, sale l’attesa per le consultazioni online
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:55 pm

» Corso di inglese in Irlanda, la mia esperienza!
Da aless90 Mar Ago 05, 2014 2:21 pm

» Scuola, in pensione il provveditore Francesco De Sanctis. Nuovi vertici anche nei licei storici
Da Gilberto Carron Gio Lug 31, 2014 12:43 pm

» Dario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della MatematicaDario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della Matematica
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 4:05 pm

» Olimpiadi di matematica: Cina prima, Italia lontana dal podio
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:56 pm

» Anief, tra gli studenti bocciati oltre la metà lascia gli studi
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:53 pm

» Contro il caro-libri si ricorre all’usato
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:51 pm

» Università, per 1 studente su 2 ha come priorità gli sconti sui libri di testo
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:50 pm

» Con 100 alla Maturità niente tasse all’Università
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:49 pm

premia il forum con un click
Sito segnalato su Small Advertise!
blog tools

Ue, presto "grave carenza" di insegnanti, anche l'Italia a rischio

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Ue, presto "grave carenza" di insegnanti, anche l'Italia a rischio

Messaggio  Gilberto Carron il Lun Feb 13, 2012 12:46 pm

Oltre la metà è vicina a pensione ma le nuove leve sono sempre meno

bruxelles

Diversi paesi Ue, tra cui l'Italia, rischiano tra pochi anni di ritrovarsi senza un numero sufficiente di insegnanti nella scuola primaria e secondaria. è l'allarme lanciato oggi dalla Commissione europea, secondo cui Germania, Gran Bretagna, Italia, Olanda, Austria e Belgio «potrebbero trovarsi di fronte a una grave penuria di insegnanti», in quanto il numero di coloro che sono prossimi alla pensione supera o è vicino alla metà di tutti gli effettivi, mentre sempre meno nuove leve entrano nella professione.

In Italia, in particolare, nell'insegnamento primario il gruppo di docenti over 50 è al 44,8%, mentre in quello secondario sale al 57,9%. In Italia, lo scarto tra giovani e nuovi insegnanti è notevole. Nelle scuole elementari, a fronte del 44,8% di maestri ultracinquantenni, quindi quasi la metà, solo lo 0,9% ha meno di 30 anni, e appena il 17,1% ha meno di 40 anni. Sono il 37,2%, invece, gli insegnanti che hanno tra i 41 e i 49 anni.

Anche Germania e Svezia hanno circa la metà di docenti elementari over 50, rispettivamente 49,3% e 48,1%, ma hanno comunque un maggior numero di 'nuove levè rispetto all'Italia (gli under 30 tedeschi sono il 6,6%, quelli svedesi il 5%, mentre gli under 40 sono rispettivamente il 22,1% e il 23,1%). I maestri sono invece soprattutto giovani in Belgio, Irlanda, Cipro, Lussemburgo, Malta e Gran Bretagna, dove oltre il 20% ha meno di trent'anni e quasi il 30% meno di quaranta.

Nelle scuole secondarie, dove in generale in Europa l'età media dei professori è maggiore rispetto a quella dei maestri, per l'Italia la situazione è ancora peggiore, detenendo il record assoluto nell'Ue di anzianità. A fronte della stragrande maggioranza costituita da un corpo docente ultracinquantenne (57,8%), secondo i dati di Bruxelles appena lo 0,5% è under 30, solo il 10,2% è under 40 e il 31,4% ha tra i 40 e i 49 anni. A seguire la Germania, con il 50,7% di ultracinquantenni, che compensa però con il 3,6% di under 30 e il 20,8% di under 40. Mancano nuove leve anche in Austria, Spagna e Bulgaria, mentre Malta è il paese con i docenti più giovani (oltre la metà ha meno di quarant'anni), seguita da Polonia e Portogallo dove la fascia tra i 30 e i 39 anni è quella più folta.

La maggior parte degli insegnanti, mette in evidenza lo studio di Bruxelles realizzato da Eurydice ed Eurostat, tendono ad andare in pensione appena hanno i requisiti per farlo, tranne oltre un 5% di maestri che continua a lavorare in Danimarca oltre l'età minima pensionabile, e oltre il 5% nella scuola secondaria in Italia, Cipro, Polonia, Finlandia.

In Germania, Svezia e Norvegia questo avviene in entrambi i livelli scolastici, mentre nella Repubblica Ceca, Estonia, Lettonia e Slovenia più del 5% continua a lavorare anche oltre l'età pensionabile ufficiale. E sebbene a partire dal 2001 i requisiti per andare in pensione siano stati resi più stringenti, «se le condizioni rimangono invariate», avvertono gli esperti della scuola di Bruxelles, «i paesi dove le proporzioni di insegnanti in gruppi di età successivi ai 40 anni prima raggiungono un picco e poi calano, come in Germania, Italia e Austria, si troveranno di fronte a pensionamenti di massa nel vicino futuro».
lastampa
avatar
Gilberto Carron

Numero di messaggi : 518
utente : genitore
Data d'iscrizione : 15.02.10

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum