Genitori a scuola
Questo forum è stato fondato ed è gestito in assoluta autonomia da alcuni genitori di studenti del liceo Parini.
E' un'occasione di libero scambio di opinioni per genitori, studenti, docenti e personale interno ed esterni al liceo.
Perchè la libertà non è star sopra un albero: </>
... libertà è partecipazione



Solo attraverso l'iscrizione è possibile pubblicare messaggi chiedere informazioni e rispondere ad argomenti già pubblicati.
Ultimi argomenti
» Dal sito del Parini i voti on line
Da l.c locatelli Sab Mag 16, 2015 4:28 pm

» Richiesta di informazioni
Da Paola M Dom Apr 26, 2015 8:00 pm

» Scuola: Italia fanalino di coda dell’Europa, 2 ragazzi su 10 abbandonano gli studi
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 7:00 pm

» Al via il premio per la scuola “Inventiamo una banconota”
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:57 pm

» funzionano come le lezioni tradizionali
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:53 pm

» Università: accolti 5000 ricorsi a Medicina ma mancano le aule
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:50 pm

» Crociata contro i fuoricorso. Meno fondi a chi ne ha troppi
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:53 pm

» Giannini : un “Erasmus per tutti” è uno degli obiettivi della presidenza italiana dell’Ue
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:51 pm

» Miur, on line l’elenco degli interventi #scuolebelle già realizzati
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:49 pm

» Giannini: alla maturità torneranno i commissari interni
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 7:01 pm

» Più studenti, stessi prof: parte l’anno scolastico del sovraffollamento
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:58 pm

» La Buona Scuola al via, sale l’attesa per le consultazioni online
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:55 pm

» Corso di inglese in Irlanda, la mia esperienza!
Da aless90 Mar Ago 05, 2014 2:21 pm

» Scuola, in pensione il provveditore Francesco De Sanctis. Nuovi vertici anche nei licei storici
Da Gilberto Carron Gio Lug 31, 2014 12:43 pm

» Dario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della MatematicaDario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della Matematica
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 4:05 pm

» Olimpiadi di matematica: Cina prima, Italia lontana dal podio
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:56 pm

» Anief, tra gli studenti bocciati oltre la metà lascia gli studi
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:53 pm

» Contro il caro-libri si ricorre all’usato
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:51 pm

» Università, per 1 studente su 2 ha come priorità gli sconti sui libri di testo
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:50 pm

» Con 100 alla Maturità niente tasse all’Università
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:49 pm

Parole chiave

obama  

premia il forum con un click
Sito segnalato su Small Advertise!
blog tools

Un'occasione di crescita anche per l'università

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Un'occasione di crescita anche per l'università

Messaggio  Gilberto Carron il Mar Gen 31, 2012 12:58 pm

FRANCESCO PROFUMO

Se l’Unione europea saprà essere sempre più coesa e capace di affrontare le sfide politiche, sociali ed economiche che l’attendono, sarà merito anche di tutti quei suoi giovani cittadini che, da venticinque anni, decidono di mescolare il proprio sangue con quello di altri loro colleghi, partecipando al progetto Erasmus.

È anche grazie a tutte queste ragazze e ragazzi che decidono di passare un periodo della propria formazione universitaria in un altro Paese europeo che, sempre di più, si sta imponendo nelle generazioni più giovani una solida e diffusa identità europea.

Saranno questi giovani come è di tutta evidenza in questo periodo - il miglior serbatoio di novità e idee in grado di rinnovare e implementare il processo di integrazione politica ed economica dell’Unione. E ciò avverrà proprio perché, nel loro caso, il senso di appartenenza a questo grande progetto politico e sociale parte dal basso.

La valenza del progetto Erasmus è grandissima e semplice: formare nuove generazioni di cittadini europei attraverso la conoscenza reciproca e la condivisione degli obiettivi. Ma non solo.

Se è vero che studiare all’estero, lontano dalle proprie famiglie e da sicurezze cementate nel tempo, rappresenta una sfida e insieme una prova di maturità per gli studenti, è anche vero che si tratta di un’opportunità di crescita e miglioramento per le nostre istituzioni universitarie. Dover insegnare a studenti stranieri, e offrire lezioni e servizi accessibili a chi proviene da un’altra cultura e parla una lingua diversa, hanno rappresentato il motore che ha spinto sempre di più i nostri atenei verso l’internazionalizzazione dell’offerta didattica.

Dopo venticinque anni sono ormai molti gli italiani che hanno studiato all’estero. Negli ultimi tempi alcuni di essi hanno potuto anche beneficiare di tirocini formativi presso aziende europee, aggiungendo ai benefici della formazione internazionale anche quelli dell’esperienza professionale in altre realtà economiche e sociali.

I vantaggi si vedranno tra non molto, nell’arco di pochissimi anni: nuove generazioni di cittadini a loro agio con le lingue straniere, le culture diverse e le più svariate opportunità professionali saranno il vero cemento dell’Unione europea.

Per facilitare questo processo si potrebbe fare anche di più. Per esempio, favorire la creazione di comunità di ex studenti dell’Erasmus: community on line che, sull’onda delle proprie esperienze, possano mettere a fattore comune le idee e le buone pratiche sperimentate su se stessi, a vantaggio di chi deve progettare l’offerta formativa del prossimo futuro, ma anche di chi vuole guardare in avanti verso la nascita di un nuovo cittadino europeo.
avatar
Gilberto Carron

Numero di messaggi : 518
utente : genitore
Data d'iscrizione : 15.02.10

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum