Genitori a scuola
Questo forum è stato fondato ed è gestito in assoluta autonomia da alcuni genitori di studenti del liceo Parini.
E' un'occasione di libero scambio di opinioni per genitori, studenti, docenti e personale interno ed esterni al liceo.
Perchè la libertà non è star sopra un albero: </>
... libertà è partecipazione



Solo attraverso l'iscrizione è possibile pubblicare messaggi chiedere informazioni e rispondere ad argomenti già pubblicati.
Ultimi argomenti
» Dal sito del Parini i voti on line
Da l.c locatelli Sab Mag 16, 2015 4:28 pm

» Richiesta di informazioni
Da Paola M Dom Apr 26, 2015 8:00 pm

» Scuola: Italia fanalino di coda dell’Europa, 2 ragazzi su 10 abbandonano gli studi
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 7:00 pm

» Al via il premio per la scuola “Inventiamo una banconota”
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:57 pm

» funzionano come le lezioni tradizionali
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:53 pm

» Università: accolti 5000 ricorsi a Medicina ma mancano le aule
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:50 pm

» Crociata contro i fuoricorso. Meno fondi a chi ne ha troppi
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:53 pm

» Giannini : un “Erasmus per tutti” è uno degli obiettivi della presidenza italiana dell’Ue
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:51 pm

» Miur, on line l’elenco degli interventi #scuolebelle già realizzati
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:49 pm

» Giannini: alla maturità torneranno i commissari interni
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 7:01 pm

» Più studenti, stessi prof: parte l’anno scolastico del sovraffollamento
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:58 pm

» La Buona Scuola al via, sale l’attesa per le consultazioni online
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:55 pm

» Corso di inglese in Irlanda, la mia esperienza!
Da aless90 Mar Ago 05, 2014 2:21 pm

» Scuola, in pensione il provveditore Francesco De Sanctis. Nuovi vertici anche nei licei storici
Da Gilberto Carron Gio Lug 31, 2014 12:43 pm

» Dario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della MatematicaDario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della Matematica
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 4:05 pm

» Olimpiadi di matematica: Cina prima, Italia lontana dal podio
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:56 pm

» Anief, tra gli studenti bocciati oltre la metà lascia gli studi
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:53 pm

» Contro il caro-libri si ricorre all’usato
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:51 pm

» Università, per 1 studente su 2 ha come priorità gli sconti sui libri di testo
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:50 pm

» Con 100 alla Maturità niente tasse all’Università
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:49 pm

Parole chiave

premia il forum con un click
Sito segnalato su Small Advertise!
blog tools

Gli insegnati italiani tra stress e passione

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Gli insegnati italiani tra stress e passione

Messaggio  Gilberto Carron il Lun Gen 30, 2012 7:57 pm

Oltre il 57% non cambierebbe professione

Nell'ultimo decennio l'insegnante è diventato il bersaglio di una operazione di demolizione del riconoscimento sociale che lo ha invece accompagnato per lungo tempo nel secolo scorso. Accusato di fare un pat-time di fatto, di esercitare un doppio lavoro e di evadere le tasse attraverso le lezioni private. La figura e il ruolo del docente è sempre più "sotto esame". Con il risultato di una sempre maggiore disaffezione, stress, percezione della perdita del proprio prestigio sociale, disorientamento, da parte del corpo docente che continua comunque a svolgere, nella gran parte dei casi, con "passione" la propria professione.

è uno dei dati che emerge da una recente indagine sugli insegnanti italiani "Valori costituzionali e comportamenti professionali", condotta dal Cidi (Centro di iniziativa democratica degli insegnanti),per conto del Comitato Italia 150, attraverso la quale 2.300 insegnanti hanno evidenziato le proprie motivazioni e disillusioni, idee e comportamenti, valori e prospettive della loro professione in un momento particolarmente delicato della scuola italiana.

Il primo dato che emerge è che contrariamente a quanto si pensi comunemente, «quella dell'insegnante è un'attività che raramente si sceglie per caso, mentre rimane in genere decisivo l'aspetto vocazionale». Infatti alla domanda sul perché si insegna, oltre la metà del campione (53,1% ha scelto l'opzione "per realizzare una mia aspirazione personale" mentre 4 su 10 (41,1% hanno indicato "per contribuire alla formazione dei giovani"). Una percentuale molto contenuta (13,5%) riconduce tale scelta alla volontà di "trasmettere le conoscenze apprese".

«Insegnare, al di là di quella che può essere l'immagine veicolata dai media o legata al senso comune di chi vede la scuola dal di fuori - evidenzia la ricerca del Cidi - è un'attività lavorativa difficile e impegnativa. è innanzitutto un lavoro che provoca stress perché si è direttamente a contatto con altre persone, in questo caso gli allievi ma anche colleghi, dirigenti e genitori». D'altra parte, però, proprio il rapporto diretto con bambini, ragazzi e giovani costituisce una delle fonti di maggior riconoscimento, soddisfazione e gratificazione di questo lavoro.

Analizzando i motivi di insoddisfazione la ricerca conferma i sintomi di una profonda insoddisfazione per una professione che ha scarso riconoscimento sociale (per il 69,4% del campione) e che è caratterizzata dalla mancanza di una progressione economica (per il 52,7%).

Gli insegnanti puntano il dito anche sul alcune trasformazione della scuola : ben il 34% del campione esprime, ad esempio, un giudizio negativo sull'autonomia scolastica, ritenuta colpevole di aver "trasformato la scuola in un'azienda". Sempre rispetto all'autonomia scolastica, un numero analogo di intervistati fa sentire la propria delusione, ritenendola "un'occasione perduta perché applicata male e senza risorse" (per il 35,5%).

Ma, quando si chiede di indicare i motivi di soddisfazione, la stragrande maggioranza degli insegnanti (55,7%) risponde "Mi mette a contatto con i giovani" ( nella scuola secondaria tale risposta raggiunge il 74,5%), ben il 48,5% indica tra i motivi di soddisfazione il fatto di sapere il proprio lavoro "è molto importante per la società" oppure che "è una lavoro creativo" (48,2%). La maggioranza assoluta degli intervistati (57,3%) confermerebbe comunque la scelta di insegnare contro il 7,7% che cambierebbe in ogni caso.

Anche nel caso delle funzioni della scuola pubblica l'indicazione che prevale è quella valoriale. Ben oltre l'82% degli intervistati, infatti, indicano quella di "educare ai valori e alle regole della convivenza civile" la più importante funzione della scuola pubblica.

Tale finalità ottiene un ampio consenso e distacca nettamente le altre importanti funzioni tra le quali "acquisire un metodi di apprendimento" (54,1%) e "acquisire conoscenze e competenze disciplinari" (51%). Poca rilevanza assumono, invece "preparare e orientare ad una professione" (17,7%) e "fornire un'occasione di conoscere cose nuove" (17%).

Sempre per quanto riguarda i valori, per la quasi totalità del campione la scuola dovrebbe educare soprattutto a "rispettare le norme", "all'importanza della cultura" (entrambi i valori per il 98,7% dei rispondenti dovrebbero essere trasmessi "molto o abbastanza" dalla scuola ) e alla "libertà di pensiero e di espressione" (per il 98,5%), a insegnare il "rispetto degli altri e la loro integrazione" (per il 98,5%). Seguono, di poco, "l'uguaglianza delle persone" (98%), la "solidarietà, l'impegno e il senso di giustizia" (per il 97,5%).

Per quanto riguarda la valutazione, secondo gli insegnanti serve poco "a premiare chi studia e a punire chi non lo fa" ( appena il 5,8% del campione); la sua funzione è soprattutto quella di "verificare quali contenuti e quali competenze non sono adeguarti e vanno ripresi nella lezione" (lo ritiene poco più del 60% degli intervistati), ma anche a far "comprendere agli allievi e alle famiglie quali sono i miglioramenti e le carenze nello studio" (60,9%) e a "individuare gli allievi più deboli sui quali intervenire con azioni di recupero oppure quelli più meritevoli di approfondimento" (58,5%).

Per quanto concerne, invece, ciò che effettivamente è trasmesso a scuola , i dati mostrano tutto sommato una congruenza tra "dover essere" ed "essere", anche se con percentuali che denotano forse una efficacia inferiore alle attese: restano ai primi posti "la libertà di pensiero e di espressione" (per il 77,7), "l'uguaglianza delle persone" (76,4%), "il rispetto degli altri e la loro integrazione" (per il 73,5%), "la solidarietà" (68,4%), «l'impegno» (66,6%) e «il rispetto delle norme (66,7%). Sempre per oltre due terzi del campione, la scuola insegna "il valore della pace" (70,9%).

Il giudizio sugli studenti della propria scuola , infine, appare piuttosto articolato. Per la maggioranza degli studenti "l'arte di arrangiarsi" è la caratteristica più diffusa tra gli allievi (per il 73,9%). Seguono "lo scarso senso civico" (69%) e il "pressappochismo" (68,5%). Ttra le principali qualità indicate la "creatività" (67,5%) e la "solidarietà"(65,9%).
lastampa
avatar
Gilberto Carron

Numero di messaggi : 518
utente : genitore
Data d'iscrizione : 15.02.10

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum