Genitori a scuola
Questo forum è stato fondato ed è gestito in assoluta autonomia da alcuni genitori di studenti del liceo Parini.
E' un'occasione di libero scambio di opinioni per genitori, studenti, docenti e personale interno ed esterni al liceo.
Perchè la libertà non è star sopra un albero: </>
... libertà è partecipazione



Solo attraverso l'iscrizione è possibile pubblicare messaggi chiedere informazioni e rispondere ad argomenti già pubblicati.
Ultimi argomenti
» Dal sito del Parini i voti on line
Da l.c locatelli Sab Mag 16, 2015 4:28 pm

» Richiesta di informazioni
Da Paola M Dom Apr 26, 2015 8:00 pm

» Scuola: Italia fanalino di coda dell’Europa, 2 ragazzi su 10 abbandonano gli studi
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 7:00 pm

» Al via il premio per la scuola “Inventiamo una banconota”
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:57 pm

» funzionano come le lezioni tradizionali
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:53 pm

» Università: accolti 5000 ricorsi a Medicina ma mancano le aule
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:50 pm

» Crociata contro i fuoricorso. Meno fondi a chi ne ha troppi
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:53 pm

» Giannini : un “Erasmus per tutti” è uno degli obiettivi della presidenza italiana dell’Ue
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:51 pm

» Miur, on line l’elenco degli interventi #scuolebelle già realizzati
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:49 pm

» Giannini: alla maturità torneranno i commissari interni
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 7:01 pm

» Più studenti, stessi prof: parte l’anno scolastico del sovraffollamento
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:58 pm

» La Buona Scuola al via, sale l’attesa per le consultazioni online
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:55 pm

» Corso di inglese in Irlanda, la mia esperienza!
Da aless90 Mar Ago 05, 2014 2:21 pm

» Scuola, in pensione il provveditore Francesco De Sanctis. Nuovi vertici anche nei licei storici
Da Gilberto Carron Gio Lug 31, 2014 12:43 pm

» Dario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della MatematicaDario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della Matematica
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 4:05 pm

» Olimpiadi di matematica: Cina prima, Italia lontana dal podio
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:56 pm

» Anief, tra gli studenti bocciati oltre la metà lascia gli studi
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:53 pm

» Contro il caro-libri si ricorre all’usato
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:51 pm

» Università, per 1 studente su 2 ha come priorità gli sconti sui libri di testo
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:50 pm

» Con 100 alla Maturità niente tasse all’Università
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:49 pm

Parole chiave

premia il forum con un click
Sito segnalato su Small Advertise!
blog tools

"Il liceo sociopsicopedagogico? Hanno rovinato un'ottima idea"

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

"Il liceo sociopsicopedagogico? Hanno rovinato un'ottima idea"

Messaggio  Gilberto Carron il Ven Dic 23, 2011 10:27 am

Il papà della "scuola inutile" risponde alle critiche di Ricolfi: nel '92 funzionava

roma

Il liceo sociopsicopedagogico? Da uno studio dell'Università di Sassari risultò essere tra i più efficaci nella preparazione degli allievi». Beniamino Brocca, oggi docente universitario a Bolzano e a Urbino, da sottosegretario alla Pubblica Istruzione coordinò, a partire dal 1988, la commissione ministeriale che ha ridisegnato le scuole superiori. Creando anche la sperimentazione del liceo sociopsicopedagogico.

Un lettore ci ha scritto per raccontare la sua pessima esperienza con quel liceo, ieri anche il professor Ricolfi su la Stampa lo ha criticato.
«Quando è nato, nel '92, quel liceo aveva un impianto ambizioso e rigoroso, e come quantità di saperi era più pesante del liceo classico o scientifico. E questo venne monitorato dal Cede (ora Invalsi, l'Istituto per la valutazione del sistema educativo, ndr), secondo cui risultò uno dei migliori percorsi, e da uno studio dell'Università di Sassari. Ma stiamo parlando dell'operazione originaria».

Poi cos'è successo?
«Tutto questo aveva carattere sperimentale, e l'esito era incoraggiante. Se poi le cose si sono degradate bisogna pensare a cosa è successo dopo: le singole scuole hanno introdotto modifiche, riduzioni e adattamenti che hanno fatto scomparire l'identità originaria, mentre man mano se ne sono andati i docenti formati per quel progetto. Poi ci sono state nuove leggi, la 30 del 2000 e la 53 del 2003, che hanno operato modifiche sulla base del principio nefasto della discontinuità».

Quindi dice che quel liceo di fondo è ancora valido?
«Andrebbe modificato e adattato ai tempi, perché sono passati vent'anni. Ma i contenuti e le esperienze positive fatte, le idee buone, vanno mantenute».

Però il nostro lettore ha evidenziato molte difficoltà nell'accesso all'Università.
«Ma quello è un caso, e come docente universitario conosco centinaia di migliaia di allievi che hanno avuto esperienze diverse!».

C'è qualcosa delle sperimentazioni del progetto Brocca che oggi le sembra sbagliato?
«In ogni indirizzo c'era qualche pecca, per esempio negli istituti tecnologici avremmo dovuto alzare il livello culturale. Ma vede, il fatto è che quelle erano sperimentazioni. Dovevano durare un tempo limitato, poi si sarebbe dovuta verificare la bontà delle iniziative, e quelle che funzionavano si sarebbero dovute portare a regime con una legge del Parlamento. Non è mai stato fatto».

Recentemente però è stata fatta la riforma Gelmini.
«Non chiamiamola riforma, io la definisco col termine medievale di "riformagione". Siamo tornati ai tempi di De Amicis, siamo andati avanti guardando indietro e recuperando vecchi armamentari come il maestro unico».

Il problema più grande è creare corsi di studio adeguati alle reali possibilità di lavoro.
«Per trovare una soluzione è necessario prima di tutto lavorare a una modifica del sistema scolastico. Ma anche trovare un ponte tra la scuola e il mercato del lavoro, come possono essere percorsi post-secondari non universitari che diano una specializzazione. E poi ci vuole una maggiore attenzione anche del mercato del lavoro rispetto ai nuovi ingressi».

Serve fornire un orientamento alle famiglie nella scelta del corso di studi? Il professor Ricolfi dice che tende a essere pubblicità.
«Serve. Troppo spesso le famiglie hanno un rapporto non obiettivo coi loro figli, non tengono conto delle loro inclinazioni, è importante affiancarle per aiutarle a orientarsi nella scelta».

F.Schianchi
avatar
Gilberto Carron

Numero di messaggi : 518
utente : genitore
Data d'iscrizione : 15.02.10

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum