Genitori a scuola
Questo forum è stato fondato ed è gestito in assoluta autonomia da alcuni genitori di studenti del liceo Parini.
E' un'occasione di libero scambio di opinioni per genitori, studenti, docenti e personale interno ed esterni al liceo.
Perchè la libertà non è star sopra un albero: </>
... libertà è partecipazione



Solo attraverso l'iscrizione è possibile pubblicare messaggi chiedere informazioni e rispondere ad argomenti già pubblicati.
Ultimi argomenti
» Dal sito del Parini i voti on line
Da l.c locatelli Sab Mag 16, 2015 4:28 pm

» Richiesta di informazioni
Da Paola M Dom Apr 26, 2015 8:00 pm

» Scuola: Italia fanalino di coda dell’Europa, 2 ragazzi su 10 abbandonano gli studi
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 7:00 pm

» Al via il premio per la scuola “Inventiamo una banconota”
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:57 pm

» funzionano come le lezioni tradizionali
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:53 pm

» Università: accolti 5000 ricorsi a Medicina ma mancano le aule
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:50 pm

» Crociata contro i fuoricorso. Meno fondi a chi ne ha troppi
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:53 pm

» Giannini : un “Erasmus per tutti” è uno degli obiettivi della presidenza italiana dell’Ue
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:51 pm

» Miur, on line l’elenco degli interventi #scuolebelle già realizzati
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:49 pm

» Giannini: alla maturità torneranno i commissari interni
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 7:01 pm

» Più studenti, stessi prof: parte l’anno scolastico del sovraffollamento
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:58 pm

» La Buona Scuola al via, sale l’attesa per le consultazioni online
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:55 pm

» Corso di inglese in Irlanda, la mia esperienza!
Da aless90 Mar Ago 05, 2014 2:21 pm

» Scuola, in pensione il provveditore Francesco De Sanctis. Nuovi vertici anche nei licei storici
Da Gilberto Carron Gio Lug 31, 2014 12:43 pm

» Dario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della MatematicaDario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della Matematica
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 4:05 pm

» Olimpiadi di matematica: Cina prima, Italia lontana dal podio
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:56 pm

» Anief, tra gli studenti bocciati oltre la metà lascia gli studi
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:53 pm

» Contro il caro-libri si ricorre all’usato
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:51 pm

» Università, per 1 studente su 2 ha come priorità gli sconti sui libri di testo
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:50 pm

» Con 100 alla Maturità niente tasse all’Università
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:49 pm

Parole chiave

obama  

premia il forum con un click
Sito segnalato su Small Advertise!
blog tools

Studenti delle superiori insoddisfatti delle loro scelte

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Studenti delle superiori insoddisfatti delle loro scelte

Messaggio  Gilberto Carron il Gio Dic 15, 2011 10:24 am

Quasi uno su 2 cambierebbe la scuola

bologna

Secondo i dati raccolti da Almadiploma su 246 istituti italiani molti degli studenti delle superiori non sono soddisfatti delle loro scelte. I risultati della ricerca sono stati presentati a Bologna in occasione del convegno nazionale "Efficacia dell'istruzione e orientamento dei diplomati". Ne emergono anche diplomati ancora pesantemente condizionati dal contesto socio-culturale di origine e che, se scelgono di entrare direttamente al mondo del lavoro, faticano a trovare spazi.

«I dati sull'insoddisfazione - ha detto il sottosegretario all'Istruzione, Elena Ugolini, a margine del convegno - più che un problema di orientamento riguardano il tipo di proposte e esperienze fatte degli studenti sui banchi di scuola. Dobbiamo lavorare per migliorare il livello della preparazione per il mondo del lavoro e per l'università. La crisi può essere l'occasione per mettere a sistema le forze migliori del paese e valorizzare il mondo della scuola».

La fotografia dei diplomati 2011 mostra studenti che escono con un voto medio di 76. Soddisfatti della scuola (32% decisamente e 54% moderatamente) e in particolare dei docenti (giudizio positivo da 86 ragazzi su 100). Meno delle aule (53%) e dei laboratori (57%). Comunque, cambierebbero nel 46% la loro scelta: principalmente (39%) perché avrebbero voluto studiare altre materie, poi perché vorrebbero essere meglio preparati al mondo del lavoro (25%) o all'università (15%).

Ancora fortissima la correlazione tra iscrizione all'università e presenza di laureati in famiglia: proseguono gli studi, infatti, l'83% dei diplomati con almeno un genitore con alto titolo di studio. Una quota che precipita al 49% tra i figli di genitori con un titolo di scuola dell'obbligo e al 27% tra quelli con genitori con licenza elementare. Una differenza socioculturale che riproduce quella di accesso ai licei classici e scientifici dove gli studenti provenienti dalla classe operaia sono ancora sottorappresentati.

A un anno dal diploma, è disoccupato il 33% dei diplomati. Un numero che sale al 40 tra quelli usciti dai professionali. Dato, questo, che si scontra con la diffusione degli stage svolti nel 95% dei professionali e nel 60% dei tecnici e giudicati largamente positivi dagli studenti.

«Andreas Schleicher - ha ricordato il direttore di AlmaLaurea, Andrea Cammelli - responsabile della divisione indicatori e analisi, direzione istruzione dell'Ocse, ha detto che i sistemi di istruzione devono preparare per lavori che non sono stati ancora creati, per problemi che ancora non sappiamo che nasceranno».

critica garbata ad un orientamento finalizzato a rispondere rigidamente alla domanda di lavoro, «anche perché mi domando se in Italia ci sia un solo dirigente che sappia quale professionalità serviranno tra cinque anni che è il tempo che un ragazzo ci mette a diplomarsi o a laurearsi».

Ma scuola a parte, come passano il tempo libero gli studenti? Il 65% ha più o meno occasionalmente lavorato. Un po' meno (61) quelli che durante le superiori hanno fatto sport. Il 15% ha fatto del volontariato. Il 60% frequenta quotidianamente i social network. Senza differenze di rilievo tra istituti professionali e licei
lastampa
avatar
Gilberto Carron

Numero di messaggi : 518
utente : genitore
Data d'iscrizione : 15.02.10

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum