Genitori a scuola
Questo forum è stato fondato ed è gestito in assoluta autonomia da alcuni genitori di studenti del liceo Parini.
E' un'occasione di libero scambio di opinioni per genitori, studenti, docenti e personale interno ed esterni al liceo.
Perchè la libertà non è star sopra un albero: </>
... libertà è partecipazione



Solo attraverso l'iscrizione è possibile pubblicare messaggi chiedere informazioni e rispondere ad argomenti già pubblicati.
Ultimi argomenti
» Dal sito del Parini i voti on line
Da l.c locatelli Sab Mag 16, 2015 4:28 pm

» Richiesta di informazioni
Da Paola M Dom Apr 26, 2015 8:00 pm

» Scuola: Italia fanalino di coda dell’Europa, 2 ragazzi su 10 abbandonano gli studi
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 7:00 pm

» Al via il premio per la scuola “Inventiamo una banconota”
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:57 pm

» funzionano come le lezioni tradizionali
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:53 pm

» Università: accolti 5000 ricorsi a Medicina ma mancano le aule
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:50 pm

» Crociata contro i fuoricorso. Meno fondi a chi ne ha troppi
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:53 pm

» Giannini : un “Erasmus per tutti” è uno degli obiettivi della presidenza italiana dell’Ue
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:51 pm

» Miur, on line l’elenco degli interventi #scuolebelle già realizzati
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:49 pm

» Giannini: alla maturità torneranno i commissari interni
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 7:01 pm

» Più studenti, stessi prof: parte l’anno scolastico del sovraffollamento
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:58 pm

» La Buona Scuola al via, sale l’attesa per le consultazioni online
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:55 pm

» Corso di inglese in Irlanda, la mia esperienza!
Da aless90 Mar Ago 05, 2014 2:21 pm

» Scuola, in pensione il provveditore Francesco De Sanctis. Nuovi vertici anche nei licei storici
Da Gilberto Carron Gio Lug 31, 2014 12:43 pm

» Dario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della MatematicaDario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della Matematica
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 4:05 pm

» Olimpiadi di matematica: Cina prima, Italia lontana dal podio
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:56 pm

» Anief, tra gli studenti bocciati oltre la metà lascia gli studi
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:53 pm

» Contro il caro-libri si ricorre all’usato
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:51 pm

» Università, per 1 studente su 2 ha come priorità gli sconti sui libri di testo
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:50 pm

» Con 100 alla Maturità niente tasse all’Università
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:49 pm

premia il forum con un click
Sito segnalato su Small Advertise!
blog tools

Prof e alunni su Facebook le amicizie sono da vietare?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Prof e alunni su Facebook le amicizie sono da vietare?

Messaggio  Gilberto Carron il Mar Dic 06, 2011 1:27 pm

n Liguria la prima circolare di una scuola italiana sul tema, mentre negli Usa, in Missouri, c'è già una legge sul tema. L'esperto: "Il rischio è quello di perdere autorevolezza senza creare un rapporto reale"
PROFESSORI non possono dare l'amicizia su Facebook ai loro studenti". Poche parole, scritte nero su bianco nella circolare scolastica, sono arrivate all'improvviso a dettar legge nei rapporti di classe di un piccolo borgo ligure sulla Riviera di ponente. E la notizia del provvedimento, dalle medie di Albisola superiore, in un clic è arrivata in tutt'Italia.

Si riapre così il dibattito sull'opportunità di condividere bacheche, foto private, conversazioni virtuali tra chi sta in cattedra e chi dovrebbe imparare, dopo che quest'estate una legge identica era stata approvata in Missouri provocando proteste e ricorsi.

Il rapporto online tra chi insegna e chi studia continua a far discutere. Questione di opportunità, ruoli, privacy e libertà, dicono studenti e insegnanti. Divisi tra chi considera il social network solo un altro mezzo di comunicazione - come il preside torinese che ha 899 amici tra gli alunni - e chi teme di "perdere autorevolezza in cambio di una impossibile amicizia reale".

Mentre molti ragazzi, se non lo usano per continuare le lezioni dopo scuola via web, lo vivono come un "mezzo di controllo da parte dei prof sulle nostre vite". Perché, come dice lo psichiatra Pietropolli Charmet, favorevole al social network per motivi di studio, "la relazione con gli studenti deve essere educativa, il controllo è sull'apprendimento, non sulle emozioni".

Il nodo resta sempre quello: in rete o in classe, al centro c'è il legame tra insegnanti
e alunni. Come deve essere, cosa vogliono i ragazzi e cosa si aspettano i docenti. "Non bisogna creare confusione di ruoli né fingere un'impossibile parità: perché il rapporto è sbilanciato visto che noi diamo i voti". Tiziana Sallusti è preside del liceo Mamiani di Roma e il suo "non amore" per Facebook condiviso, non significa distanza, anzi: "È rispetto per i ragazzi, per il loro mondo, che non deve essere invaso dagli adulti, genitori compresi". E

a confermare la sua ipotesi arrivano i commenti dei ragazzi sul web: temono di essere inquadrati, giudicati, vittime di pregiudizi dei loro insegnanti per commenti, politici e non, letti sulle loro bacheche. E mamma e papà su Facebook non li vorrebbero mai. A differenza di Federica Cenci, 17 anni, presidente della consulta provinciale degli studenti laziali, che ha parenti e professori sul network. "Perché non ho nulla da nascondere e poi mica racconto i fatti miei! I rapporti con i docenti possono migliorare, senza contare che la mia classe usa Facebook per fare lezione".

Tino Pessina, preside del liceo milanese Berchet, è della scuola di Don Milani: severità, rispetto e partecipazione. "La nostra generazione voleva abbattere la vecchia scuola e abbiamo condannato il concetto di autorità, ma l'autorevolezza è fondamentale. Si può essere amichevoli, ma l'amicizia come in ogni rapporto asimmetrico, è impossibile. E poi i ragazzi non vogliono docenti amici, stimano chi insegna con passione anche se è severo, chi li rispetta. Io per capire come sta un alunno ho bisogno di guardarlo negli occhi".

Un altro professore, precario, ha rifiutato l'amicizia degli studenti in rete. Ermanno Ferretti è autore del libro "Per chi suona la campanella" (Fazi). "Non voglio vedere quello scrivono, sono ingenui non si rendono conto cosa rischiano se leggo che saltano scuola per un compito in classe o scrivono che si fanno le canne".

Preferisce quattro chiacchiere in corridoio piuttosto che navigare in rete Mario Rusconi, vicepresidente dell'associazione nazionale presidi che insegna al liceo Newton di Roma, ma di colleghi e professori che hanno rapporti con gli alunni su Facebook ne conosce schiere. "L'importante è che prevalga la ragionevolezza dell'adulto, la capacità di non confondere i ruoli".

Anche perché, racconta Nina studentessa di quarta ginnasio, a lei interessa che la prof insegni "in modo che io capisca, che mi interroghi senza essere spietata. Non voglio sapere se è stata mollata dal fidanzato". Così, tra allievi e docenti chi decide di essere amico in rete, deve comunque autocensurarsi un po'. E nascondere un pezzo di sé agli altri.

CATERINA PASOLINI

Gilberto Carron

Numero di messaggi : 518
utente : genitore
Data d'iscrizione : 15.02.10

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum