Genitori a scuola
Questo forum è stato fondato ed è gestito in assoluta autonomia da alcuni genitori di studenti del liceo Parini.
E' un'occasione di libero scambio di opinioni per genitori, studenti, docenti e personale interno ed esterni al liceo.
Perchè la libertà non è star sopra un albero: </>
... libertà è partecipazione



Solo attraverso l'iscrizione è possibile pubblicare messaggi chiedere informazioni e rispondere ad argomenti già pubblicati.
Ultimi argomenti
» Dal sito del Parini i voti on line
Da l.c locatelli Sab Mag 16, 2015 4:28 pm

» Richiesta di informazioni
Da Paola M Dom Apr 26, 2015 8:00 pm

» Scuola: Italia fanalino di coda dell’Europa, 2 ragazzi su 10 abbandonano gli studi
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 7:00 pm

» Al via il premio per la scuola “Inventiamo una banconota”
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:57 pm

» funzionano come le lezioni tradizionali
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:53 pm

» Università: accolti 5000 ricorsi a Medicina ma mancano le aule
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:50 pm

» Crociata contro i fuoricorso. Meno fondi a chi ne ha troppi
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:53 pm

» Giannini : un “Erasmus per tutti” è uno degli obiettivi della presidenza italiana dell’Ue
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:51 pm

» Miur, on line l’elenco degli interventi #scuolebelle già realizzati
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:49 pm

» Giannini: alla maturità torneranno i commissari interni
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 7:01 pm

» Più studenti, stessi prof: parte l’anno scolastico del sovraffollamento
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:58 pm

» La Buona Scuola al via, sale l’attesa per le consultazioni online
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:55 pm

» Corso di inglese in Irlanda, la mia esperienza!
Da aless90 Mar Ago 05, 2014 2:21 pm

» Scuola, in pensione il provveditore Francesco De Sanctis. Nuovi vertici anche nei licei storici
Da Gilberto Carron Gio Lug 31, 2014 12:43 pm

» Dario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della MatematicaDario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della Matematica
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 4:05 pm

» Olimpiadi di matematica: Cina prima, Italia lontana dal podio
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:56 pm

» Anief, tra gli studenti bocciati oltre la metà lascia gli studi
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:53 pm

» Contro il caro-libri si ricorre all’usato
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:51 pm

» Università, per 1 studente su 2 ha come priorità gli sconti sui libri di testo
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:50 pm

» Con 100 alla Maturità niente tasse all’Università
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:49 pm

premia il forum con un click
Sito segnalato su Small Advertise!
blog tools

In classe l’impopolarità «stressa» più della matematicatà

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

In classe l’impopolarità «stressa» più della matematicatà

Messaggio  Gilberto Carron il Lun Set 05, 2011 1:47 pm

Tramonta la preoccupazione per i voti insufficienti, sale (molto) quella per il consenso sociale. Il giudizio del gruppo è il primo problema all’ingresso in aula

MILANO- Adulti, annotatevi due termini, che forse non conoscete ma che ormai definiscono le categorie in cui si riconoscono i nostri figli: popular, popolare, e loser, perdente. Due parole che non hanno nulla a che vedere con il «vecchio» timore di passare per asini e di non essere stimati dagli insegnati: quello che conta è essere considerati ragazzi di successo (ed essere quindi popular) nel gruppo dei pari e, ovviamente, di evitare di essere etichettato come un perdente, un oser. «Oggi come quarant’anni fa il ritorno a scuola può essere fonte di preoccupazione, ma la minaccia non è più quella di un castigo — conferma Gustavo Pietropolli Charmet, psichiatra esperto di adolescenti —. Il timore per ragazzi è di fare brutta figura con i compagni sulla passerella della scuola e di deludere le aspettative dei genitori che vogliono ragazzi di successo. Non si tratta più di una paura etica, ma di una paura estetica, non legata al sentimento di colpa, ma a quello di vergogna». L’eventuale fallimento in una prova scolastica non è qualcosa che mette in discussione quanto il ragazzo abbia studiato, ma il suo valore di persona in quanto tale: l’adolescente (che già si sente inadeguato ai modelli estetici che la società gli presenta) pensa di essere anche stupido e incapace, di non essere all’altezza della scuola che i genitori hanno scelto per lui. L’ansia che genera questa prospettiva è quindi molto più profonda e difficile da gestire.

STRESS DA TEST - Partendo da questo presupposto è più facile capire i risultati di uno studio pubblicato questa estate da un gruppo di ricercatori dell’Università di Chicago, che da anni tentano di capire perché, a pari capacità, nel momento dell’esame qualcuno riesca meglio di altri. «In una settantina di studenti universitari che dovevano affrontare un importante test di matematica — spiega Sian Beilock, che ha coordinato il lavoro — abbiamo misurato le capacità di calcolo e, al momento dell’esame, i livelli di cortisolo, l’ormone dello stress, nella saliva». Tra i meno dotati, lo stress non faceva differenza. «Tra quelli candidati ai voti più alti, invece, l’effetto esame metteva in luce l’idea che il ragazzo aveva di sé: se era convinto di essere bravo in matematica, la pressione psicologica non faceva che potenziare i risultati; se invece, a pari capacità, si sentiva insicuro, la tensione finiva per penalizzarlo». C’è però un trucco apparentemente banale per cercare di superare questo ostacolo. Con uno studio pubblicato sulla rivista Science, gli stessi autori hanno dimostrato che è possibile neutralizzare l’effetto negativo dello stress dedicando il quarto d’ora prima dell’esame a mettere per iscritto le proprie ansie e preoccupazioni: «Con questa semplice valvola di sfogo, i risultati tornano quelli che avrebbero dovuto essere» conclude la psicologa americana. «Ben prima dell’esame, quel che conta però è l’ambiente che il bambino o il ragazzo trova in classe — puntualizza lo psichiatra Vittorino Andreoli. —. La paura del fallimento nasce da un clima molto "giudicante", in cui grande considerazione è data soprattutto ai voti. La scuola dovrebbe invece essere un luogo di incontro e di crescita». «Nelle elementari questa ormai è la regola — rassicura l’insegnante Laura Ferrari, con la sua ormai trentennale esperienza nelle scuole milanesi —. E se i piccoli non hanno le ansie da prestazione dei più grandi, anche quella da separazione sembra sia sotto controllo. I bambini per lo più vengono a scuola sereni e anche quelli di prima classe, ormai quasi tutti provenienti dalla scuola dell’infanzia, superano meglio il distacco dai genitori». Anche i risultati possono dipendere dalla famiglia. «Se i ragazzi sentono continuamente ripetere che studiare non serve a niente, che i programmi sono troppo difficili o i compiti troppo onerosi, è ovvio che non possano poi affrontare con entusiasmo il loro impegno quotidiano» conclude Anna Oliverio Ferraris, docente di psicologia dello sviluppo.

R.Villa corriere.it
ma........ ci sono ancora tanti sordi Embarassed Embarassed Embarassed
avatar
Gilberto Carron

Numero di messaggi : 518
utente : genitore
Data d'iscrizione : 15.02.10

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum