Genitori a scuola
Questo forum è stato fondato ed è gestito in assoluta autonomia da alcuni genitori di studenti del liceo Parini.
E' un'occasione di libero scambio di opinioni per genitori, studenti, docenti e personale interno ed esterni al liceo.
Perchè la libertà non è star sopra un albero: </>
... libertà è partecipazione



Solo attraverso l'iscrizione è possibile pubblicare messaggi chiedere informazioni e rispondere ad argomenti già pubblicati.
Ultimi argomenti
» Dal sito del Parini i voti on line
Da l.c locatelli Sab Mag 16, 2015 4:28 pm

» Richiesta di informazioni
Da Paola M Dom Apr 26, 2015 8:00 pm

» Scuola: Italia fanalino di coda dell’Europa, 2 ragazzi su 10 abbandonano gli studi
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 7:00 pm

» Al via il premio per la scuola “Inventiamo una banconota”
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:57 pm

» funzionano come le lezioni tradizionali
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:53 pm

» Università: accolti 5000 ricorsi a Medicina ma mancano le aule
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:50 pm

» Crociata contro i fuoricorso. Meno fondi a chi ne ha troppi
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:53 pm

» Giannini : un “Erasmus per tutti” è uno degli obiettivi della presidenza italiana dell’Ue
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:51 pm

» Miur, on line l’elenco degli interventi #scuolebelle già realizzati
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:49 pm

» Giannini: alla maturità torneranno i commissari interni
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 7:01 pm

» Più studenti, stessi prof: parte l’anno scolastico del sovraffollamento
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:58 pm

» La Buona Scuola al via, sale l’attesa per le consultazioni online
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:55 pm

» Corso di inglese in Irlanda, la mia esperienza!
Da aless90 Mar Ago 05, 2014 2:21 pm

» Scuola, in pensione il provveditore Francesco De Sanctis. Nuovi vertici anche nei licei storici
Da Gilberto Carron Gio Lug 31, 2014 12:43 pm

» Dario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della MatematicaDario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della Matematica
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 4:05 pm

» Olimpiadi di matematica: Cina prima, Italia lontana dal podio
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:56 pm

» Anief, tra gli studenti bocciati oltre la metà lascia gli studi
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:53 pm

» Contro il caro-libri si ricorre all’usato
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:51 pm

» Università, per 1 studente su 2 ha come priorità gli sconti sui libri di testo
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:50 pm

» Con 100 alla Maturità niente tasse all’Università
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:49 pm

Parole chiave

premia il forum con un click
Sito segnalato su Small Advertise!
blog tools

Licei classici, la guerra del latino e greco professori l'un contro l'altro armati

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Licei classici, la guerra del latino e greco professori l'un contro l'altro armati

Messaggio  Gilberto Carron il Mar Lug 26, 2011 3:11 pm

I docenti abilitati nelle discipline letterarie contro la liberalizzazione della Gelmini. E i presidi avanzano un sospetto

ROMA - Prof contro prof. Al liceo classico c'è maretta fra i docenti di latino e greco, colonne portanti dell'indirizzo, e quelli delle discipline letterarie abilitati, da quest'anno, a rosicchiare un po' delle loro ore.

La storia è questa. Da sempre il prof di latino e greco è il re del classico. Al ginnasio la maggior parte delle ore sono le sue. Al super insegnante di lettere antiche spetta la formazione di base dello studente. Fino ad oggi, almeno, era così.

Ma la Gelmini ha cambiato le carte in tavola e nei licei monta la protesta, con un appello firmato da oltre 200 docenti che sta facendo il giro delle redazioni e delle scuole. Da quest'anno, infatti, il ministero spalanca le porte del ginnasio per l'insegnamento di italiano, storia, geografia, latino anche a chi è abilitato per queste materie ma non per il greco.

I tagli hanno fatto saltare tanti posti e bisogna piazzare gli insegnanti in esubero. Ai super laureati di lettere antiche è stato chiesto di fare spazio ai colleghi. Molti di loro perderanno ore e saranno suddivisi su più classi e cattedre e, soprattutto, come scrivono i docenti nel loro appello, ci sarà una caduta della «qualità della didattica delle lingue classiche: diventerà prassi abituale dividere l’insegnamento ginnasiale del latino e del greco, discipline caratterizzate da un elevatissimo grado di interdisciplinarità e pertanto comprensibili più efficacemente se affidate ad uno stesso docente».

D'ora in poi i due mondi si separeranno. Ai ragazzi potrà capitare che il loro bravissimo insegnante di latino debba fare un collegamento con un testo greco di cui, però, saprà leggere solo la versione italiana. Per non parlare di eventuali comparazioni fra autori. Insomma, inevitabilmente chi avrà le due materie assegnate a insegnanti diversi si troverà di fronte ad una preparazione un po' depotenziata.

Ma non finisce qui. Mentre ai prof di latino e greco è stato chiesto di fare spazio ai colleghi, per loro le porte degli altri licei e istituti restano sbarrate: «In seguito alla revisione delle classi di concorso, gli insegnanti abilitati in italiano, storia e geografia, oltre che negli istituti tecnici e professionali, potranno accedere ai licei (escluso il classico) - spiegano i docenti nel loro appello che riporta oltre duecento firme - gli insegnanti abilitati anche in latino, oltre che nei licei e istituti magistrali, potranno accedere al biennio del liceo classico (la loro presenza nel triennio del suddetto liceo era già contemplata)».


E gli insegnanti abilitati anche in greco? «Anziché essere promossi, sono stati bocciati. Potranno insegnare solo al liceo classico, come del resto è sempre stato, e fin qui nulla di male, ma se prima avevano, per così dire, l’esclusiva, adesso dovranno cedere una parte delle loro ore ad altri docenti». Insomma, è guerra fra poveri. E c'è già chi parla di «morte del liceo classico».

Mentre fra i presidi serpeggia un sospetto: «Ora che il latino è diventato opzionale allo scientifico, il passo perché il greco sia opzionale al classico è breve». Il tutto per motivi di risparmio. E se per i docenti di ruolo la nuova vita sarà dura, per i precari si tradurrà con una minore possibilità di accaparrarsi contratti e assunzioni. Eppure il super prof di latino e greco ha anni di studi duri e approfonditi alle spalle. Chi vorrà, in futuro, sobbarcarsi questo sforzo se le porte dell'insegnamento, poi, restano sbarrate? Per questo i prof chiedono al ministro Gelmini che «venga attribuito esclusivamente ai docenti della classe A052 (latino e greco) l'insegnamento di materie letterarie nel biennio del classico, come avveniva prima del riordino e come è previsto dalla legislazione vigente».
Alessandra Migliozzi
avatar
Gilberto Carron

Numero di messaggi : 518
utente : genitore
Data d'iscrizione : 15.02.10

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum