Genitori a scuola
Questo forum è stato fondato ed è gestito in assoluta autonomia da alcuni genitori di studenti del liceo Parini.
E' un'occasione di libero scambio di opinioni per genitori, studenti, docenti e personale interno ed esterni al liceo.
Perchè la libertà non è star sopra un albero: </>
... libertà è partecipazione



Solo attraverso l'iscrizione è possibile pubblicare messaggi chiedere informazioni e rispondere ad argomenti già pubblicati.
Ultimi argomenti
» Dal sito del Parini i voti on line
Da l.c locatelli Sab Mag 16, 2015 4:28 pm

» Richiesta di informazioni
Da Paola M Dom Apr 26, 2015 8:00 pm

» Scuola: Italia fanalino di coda dell’Europa, 2 ragazzi su 10 abbandonano gli studi
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 7:00 pm

» Al via il premio per la scuola “Inventiamo una banconota”
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:57 pm

» funzionano come le lezioni tradizionali
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:53 pm

» Università: accolti 5000 ricorsi a Medicina ma mancano le aule
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:50 pm

» Crociata contro i fuoricorso. Meno fondi a chi ne ha troppi
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:53 pm

» Giannini : un “Erasmus per tutti” è uno degli obiettivi della presidenza italiana dell’Ue
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:51 pm

» Miur, on line l’elenco degli interventi #scuolebelle già realizzati
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:49 pm

» Giannini: alla maturità torneranno i commissari interni
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 7:01 pm

» Più studenti, stessi prof: parte l’anno scolastico del sovraffollamento
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:58 pm

» La Buona Scuola al via, sale l’attesa per le consultazioni online
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:55 pm

» Corso di inglese in Irlanda, la mia esperienza!
Da aless90 Mar Ago 05, 2014 2:21 pm

» Scuola, in pensione il provveditore Francesco De Sanctis. Nuovi vertici anche nei licei storici
Da Gilberto Carron Gio Lug 31, 2014 12:43 pm

» Dario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della MatematicaDario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della Matematica
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 4:05 pm

» Olimpiadi di matematica: Cina prima, Italia lontana dal podio
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:56 pm

» Anief, tra gli studenti bocciati oltre la metà lascia gli studi
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:53 pm

» Contro il caro-libri si ricorre all’usato
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:51 pm

» Università, per 1 studente su 2 ha come priorità gli sconti sui libri di testo
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:50 pm

» Con 100 alla Maturità niente tasse all’Università
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:49 pm

premia il forum con un click
Sito segnalato su Small Advertise!
blog tools

Dal POF al Bilancio Sociale esperienze dalla Scuola che vorrei:

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Dal POF al Bilancio Sociale esperienze dalla Scuola che vorrei:

Messaggio  Bond il Mer Mag 11, 2011 12:44 pm

Ci sono esperienze attraverso le quali si intravvede il futuro.
Rendicontazione, bene comune, trasparenza, dialogo, collaborazione, corresponsabilità istituzionale, sono i termini di riferimento della scuola che sarà!

il Bilancio sociale è una rendicontazione che porta la scuola a dare conto del “patto di corresponsabilità” assunto con i diretti interessati (studenti e famiglie), ma anche nei confronti di tutta la comunità sociale e civile. Quindi non più un POF vetrina di presentazione delle attività, ma pubblica verifica di obiettivi e risultati.

Un esempio è l'esperienza del Liceo Brocchi; essa costituisce un valido e innovativo punto di riferimento, una “buona pratica” destinata, mi auguro, ad aprire certamente la strada a tutte le scuole che vorranno utilizzare il bilancio sociale come uno strumento volontario di rendicontazione, per accompagnare la crescita di una comunità scolastica aperta al territorio.
In questi tempi in cui vi è la tentazione di chiudersi in una improduttiva autoreferenzialità, è importante diffondere la cultura della trasparenza amministrativa, favorendo l’indispensabile dialogo tra cittadini e istituzioni, per la ricerca del bene comune.

Il dialogo tra le agenzie educative e produttive del territorio deve diventare una “rete permanente” di collaborazione per lo sviluppo delle persone e della comunità. Se la scuola vuole svolgere il suo compito formativo non solo nei confronti degli alunni a lei affidati ma nei riguardi di tutta la realtà sociale del territorio, la rendicontazione sociale diventa strumento di crescita civile, di corresponsabilità istituzionale, di condivisione culturale.
Adattare le regole del bilancio sociale, in modo organico e coerente, alle specifiche finalità di un contesto formativo, richiede un coinvolgimento delle diverse componenti e una capacità di ricomprensione delle finalità, degli obiettivi, delle scelte metodologiche e didattiche e del percorso attraverso cui l’istituzione scolastica sa dare efficacia al processo di insegnamento/apprendimento, rispondendo, nello stesso tempo, alla domanda di istruzione e alle sfide educative provenienti dalle nuove generazioni, dalle famiglie, dalle Istituzioni, dalla società, dal territorio.

Il riconoscimento dell’autonomia ha dato alle istituzioni scolastiche capacità decisionale sulle scelte organizzative, didattiche e nel campo della sperimentazione e della ricerca di nuovi modelli di sviluppo.

Ma - come è stato detto e scritto - non ci può essere autonomia senza responsa- bilità. Il Bilancio sociale costringe la scuola a dare conto del “patto di corresponsabilità” assunto con i diretti interessati (studenti e famiglie), ma anche nei confronti di tutta la comunità sociale e civile.

C’è stata la tendenza, da parte delle scuole, ad utilizzare il Piano dell’offerta formativa come vetrina delle opportunità, senza spesso il controllo di effettiva praticabilità delle proposte; il bilancio sociale, indicando gli strumenti operativi di realizzazione, può diventare uno strumento di fattibilità, di controllo, di verifica.

Non ci si può limitare ad una semplice indicazione di intenti, ma la scuola deve essere giudicata sulla sua efficacia e sugli effetti che la sua azione produce nei confronti della crescita umana, sociale, culturale delle persone e della comunità.

Una scuola che ritrova il senso del proprio compito, che è capace di dare significato alle proprie scelte, di intessere relazioni, di costruire rapporti di fiducia con gli altri soggetti, che si lascia interpellare dalle difficoltà e dalle fatiche che sperimentano soprattutto le nuove generazioni, in questa società “liquida” vuota spesso di ideali e di futuro, è una scuola che si pone come strada maestra e come compagna per quel viaggio fondamentale da compiere all’interno della coscienza, per essere persone libere e responsabili, cittadini costruttori di un mondo nuovo di fraternità e di pace.
E’ l’augurio, la speranza, il compito impegnativo che ci attende.

http://www.bilanciosocialescuola.it/nella-scuola/bs-2007-g.b.brocchi.pdf
avatar
Bond
Admin

Numero di messaggi : 509
utente : genitore
Data d'iscrizione : 07.10.08

http://genitoriliceoparini.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum