Genitori a scuola
Questo forum è stato fondato ed è gestito in assoluta autonomia da alcuni genitori di studenti del liceo Parini.
E' un'occasione di libero scambio di opinioni per genitori, studenti, docenti e personale interno ed esterni al liceo.
Perchè la libertà non è star sopra un albero: </>
... libertà è partecipazione



Solo attraverso l'iscrizione è possibile pubblicare messaggi chiedere informazioni e rispondere ad argomenti già pubblicati.
Ultimi argomenti
» Dal sito del Parini i voti on line
Da l.c locatelli Sab Mag 16, 2015 4:28 pm

» Richiesta di informazioni
Da Paola M Dom Apr 26, 2015 8:00 pm

» Scuola: Italia fanalino di coda dell’Europa, 2 ragazzi su 10 abbandonano gli studi
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 7:00 pm

» Al via il premio per la scuola “Inventiamo una banconota”
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:57 pm

» funzionano come le lezioni tradizionali
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:53 pm

» Università: accolti 5000 ricorsi a Medicina ma mancano le aule
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:50 pm

» Crociata contro i fuoricorso. Meno fondi a chi ne ha troppi
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:53 pm

» Giannini : un “Erasmus per tutti” è uno degli obiettivi della presidenza italiana dell’Ue
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:51 pm

» Miur, on line l’elenco degli interventi #scuolebelle già realizzati
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:49 pm

» Giannini: alla maturità torneranno i commissari interni
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 7:01 pm

» Più studenti, stessi prof: parte l’anno scolastico del sovraffollamento
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:58 pm

» La Buona Scuola al via, sale l’attesa per le consultazioni online
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:55 pm

» Corso di inglese in Irlanda, la mia esperienza!
Da aless90 Mar Ago 05, 2014 2:21 pm

» Scuola, in pensione il provveditore Francesco De Sanctis. Nuovi vertici anche nei licei storici
Da Gilberto Carron Gio Lug 31, 2014 12:43 pm

» Dario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della MatematicaDario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della Matematica
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 4:05 pm

» Olimpiadi di matematica: Cina prima, Italia lontana dal podio
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:56 pm

» Anief, tra gli studenti bocciati oltre la metà lascia gli studi
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:53 pm

» Contro il caro-libri si ricorre all’usato
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:51 pm

» Università, per 1 studente su 2 ha come priorità gli sconti sui libri di testo
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:50 pm

» Con 100 alla Maturità niente tasse all’Università
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:49 pm

Parole chiave

obama  

premia il forum con un click
Sito segnalato su Small Advertise!
blog tools

Dal Corriere della Sera il contributo dell'Arcivescovo di Milano

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Dal Corriere della Sera il contributo dell'Arcivescovo di Milano

Messaggio  Pasquino il Sab Apr 23, 2011 8:49 pm

"GIOVEDÌ SANTO - IL CARDINALE HA LAVATO I PIEDI AGLI OPERATORI DEL MONDO DELL'«EDUCAZIONE»
Tettamanzi: desta meraviglia chi compie il proprio dovere
Monito contro la «normalità dell'arbitrio». «È urgente che sia la verità e non l'ipocrisia a brillare»

La lavanda dei piedi in Duomo.
MILANO - Lo ha detto dopo aver lavato i piedi - come Gesù agli apostoli - a dodici tra insegnanti, istruttori, inservienti di scuola, educatori, operatori di oratorio e allenatori sportivi, insomma dodici uomini e donne impegnati a vario titolo in quel settore fondamentale del mondo che è «l'educazione». E forse non è stato un caso che il cardinale Dionigi Tettamanzi, ieri sera in Duomo per la messa dell'Ultima cena, abbia scelto di avere attorno proprio loro proprio loro per lanciare di nuovo il suo messaggio più accorato e ripetuto degli ultimi tempi: «È paradossale - ha insistito allora - che oggi chi compie il proprio dovere susciti addirittura meraviglia. Eppure questa è la realtà attorno a noi». Un monito contro quella che ormai è diventata la «normalità» dell'arbitrio: ecco, ripete Tettamanzi, ciò a cui bisogna reagire.

«C'è un dato - dice nella sua omelia - strano ma reale, paradossale eppure spesso e tranquillamente accettato, che contagia la nostra società e la inquina nella sua cultura. Lo rilevava in verità già San Carlo lamentando che "la gente si meraviglia più per uno che faccia il suo dovere che per chi lo tralasci". ma è una fotografia sotto gli occhi di tutti anche oggi: chi compie il proprio dovere appare ormai come "uno non normale", mentre viene considerato normale chi si lascia guidare dall'egoismo, dal proprio interesse d'ogni genere, e dunque dalla ricerca del successo e del potere, dalla brama del denaro e del piacere, dalla superbia e dall'affermazione di se stesso di fronte e contro tutti e sempre».

«In realtà - prosegue il cardinale Tettamanzi - l'esigenza fondamentale di una società che deve rinnovarsi è che sia la verità e non l'ipocrisia a brillare nel nostro vissuto quotidiano, nei nostri gesti concreti. Abbiamo bisogno di una grande umiltà, che solo la grazia di Dio ci può dare». E il cardinale conclude con una lunga citazione, ancora, delle parole di San Carlo: «Resto confuso tutte le volte che confronto la superbia di me, che sono polvere e cenere, con l'umiltà del mio Signore. Egli che è Dio e Signore degli Angeli non ha sdegnato di servire i poveri: noi spesso ricusiamo di metterci a servizio di coloro che sono servi come noi. Il Figlio di Dio si è alzato da tavola per servire i servitori che restavano seduti: noi riteniamo lesivo della nostra dignità se un povero compagno di servizio non dico si metta a tavola con noi, ma solo si accosti a noi che stiamo pranzando...».
Paolo Foschini
22 aprile 2011"

Domanda per il Provveditore e per il Preside del Liceo Parini: "Quanto auspica il Cardinale al Liceo Parini è già realtà quotidiana da tutti gli addetti praticata?"

Buona Pasqua a tutti.

Pasquino

Numero di messaggi : 15
utente : genitore
Data d'iscrizione : 18.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Il sincronismo del destino

Messaggio  Arrigo Berenghi il Lun Apr 25, 2011 9:09 pm

La notizia riportata è di quelle che aiuta. A poco più di un mese dalla partenza del dibattito che occupa il liceo, sul tema sollevato, ebbene sì, proprio su quello, arriva il contributo dell'Arcivescovo di Milano, offerto peraltro nell'ambito delle celebrazioni pasquali.

Autorevolezza e levatura, morale e culturale, del personaggio sono indiscutibili.

Ma, guarda caso, la sua sintesi è anche la sintesi di quello che i genitori del Parini hanno chiesto e hanno proposto facesse parte integrante addirittura del piano formativo. Se avessimo male espresso e male fatto comprendere, ci scusiamo. Per fortuna ora arriva l'Arcivescovo a scongiurare ogni equivoco comunicativo sul contenuto del nostro pensiero.

Perché stiano a contatto con i giovani, al Parini così come ovunque, le persone, i docenti e i non docenti, devono saper comunicare, riconoscere per comunicare, devono saper coltivare la formazione del sé dei giovani e non devono esser capaci di assecondare solo il loro "ego" incapaci di vedere gli altri e in primis i ragazzi. L'umiltà è il viatico dell'ascolto, senza il quale non esiste docenza né didattica. Tutti, addetti ai lavori e non, sanno cosa l'approccio egocentrico ai doveri di ufficio comporti e questo sia in termini di efficienza del messaggio didattico ed educativo che di clima quotidiano scolastico; eppure tanti, troppi, fanno finta di non capire.

Per buona pace poi dei laici, per scongiurare che idee e valori così elevati e così comuni a tutte le culture, possano essere discussi, non in sé quanto per l'abito di chi li propone, nell'inobiettività diffusa dei nostri giorni, anche Umberto Galimberti propone esattamente gli stessi concetti e gli stessi contenuti. Per chi voglia, "L'ospite inquietante" dell'Autore è a disposizione.

E se il problema è sollevato dall'Arcivescovo che certamente non è né un visionario né tanto meno un urlante, e, comunque, dai principali pensatori italiani, vuol dire che esiste ed è serio e che allora qualcuno, istituzionalmente preposto, lo deve affrontare seriamente, se ne è capace, nell'interesse di tutti, invece di perdere tempo a dare risposte, come l'unica finora data, a problemi inesistenti perché risolti, come quello della partecipazione dei genitori ai consigli di classe!

Questo il tema. Noi attendiamo le risposte, come sempre con grande pazienza, umiltà, compostezza, educazione e rispetto, quell'educazione e quel rispetto che il sistema scuola, per fortuna solo nei suoi massimi esponenti, certo non ci accorda.


Arrigo Berenghi

Numero di messaggi : 42
utente : genitore
Data d'iscrizione : 24.02.10

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum