Genitori a scuola
Questo forum è stato fondato ed è gestito in assoluta autonomia da alcuni genitori di studenti del liceo Parini.
E' un'occasione di libero scambio di opinioni per genitori, studenti, docenti e personale interno ed esterni al liceo.
Perchè la libertà non è star sopra un albero: </>
... libertà è partecipazione



Solo attraverso l'iscrizione è possibile pubblicare messaggi chiedere informazioni e rispondere ad argomenti già pubblicati.
Ultimi argomenti
» Dal sito del Parini i voti on line
Da l.c locatelli Sab Mag 16, 2015 4:28 pm

» Richiesta di informazioni
Da Paola M Dom Apr 26, 2015 8:00 pm

» Scuola: Italia fanalino di coda dell’Europa, 2 ragazzi su 10 abbandonano gli studi
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 7:00 pm

» Al via il premio per la scuola “Inventiamo una banconota”
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:57 pm

» funzionano come le lezioni tradizionali
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:53 pm

» Università: accolti 5000 ricorsi a Medicina ma mancano le aule
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:50 pm

» Crociata contro i fuoricorso. Meno fondi a chi ne ha troppi
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:53 pm

» Giannini : un “Erasmus per tutti” è uno degli obiettivi della presidenza italiana dell’Ue
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:51 pm

» Miur, on line l’elenco degli interventi #scuolebelle già realizzati
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:49 pm

» Giannini: alla maturità torneranno i commissari interni
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 7:01 pm

» Più studenti, stessi prof: parte l’anno scolastico del sovraffollamento
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:58 pm

» La Buona Scuola al via, sale l’attesa per le consultazioni online
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:55 pm

» Corso di inglese in Irlanda, la mia esperienza!
Da aless90 Mar Ago 05, 2014 2:21 pm

» Scuola, in pensione il provveditore Francesco De Sanctis. Nuovi vertici anche nei licei storici
Da Gilberto Carron Gio Lug 31, 2014 12:43 pm

» Dario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della MatematicaDario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della Matematica
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 4:05 pm

» Olimpiadi di matematica: Cina prima, Italia lontana dal podio
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:56 pm

» Anief, tra gli studenti bocciati oltre la metà lascia gli studi
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:53 pm

» Contro il caro-libri si ricorre all’usato
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:51 pm

» Università, per 1 studente su 2 ha come priorità gli sconti sui libri di testo
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:50 pm

» Con 100 alla Maturità niente tasse all’Università
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:49 pm

Parole chiave

premia il forum con un click
Sito segnalato su Small Advertise!
blog tools

I ragazzi sono attendibili: e i genitori?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

060411

Messaggio 

I ragazzi sono attendibili: e i genitori?




IL CASO
LA DOCENTE DENUNCIÒ PRESSIONI DEI GENITORI. GLI STUDENTI: SPIEGA MALE
Caso Parini, gli ispettori: «I ragazzi sono attendibili»
Ma per il giudizio definitivo sulla «prof severa» servono altre indagini
Il provveditore «L' intervento se necessario sarà immediato, non ha senso aspettare la fine dell' anno»

«Va rivalutata la posizione dei ragazzi. Non sono capricciosi figli di papà, sono maturi, seri, attendibili. Hanno espresso giudizi sulla vicenda e sui loro insegnanti con serenità e toni pacati».
È questo il primo commento a caldo del provveditore di Milano dopo aver letto la relazione sul caso Parini presentata ieri sera dall' ispettore inviato nel liceo di via Goito per accertare «le dimensioni del conflitto». Una professoressa in una lettera pubblica consegnata a studenti e colleghi dieci giorni fa disse di essere stata costretta a chiedere il trasferimento. Parlò di pressioni, di genitori urlanti, di prof delegittimati. Il caso dello storico liceo classico finisce sui giornali e il giorno dopo a scuola arriva un ispettore inviato dall' Ufficio scolastico. In questi dieci giorni ha raccolto le testimonianze della diretta interessata e dei colleghi, del preside, dei ragazzi. Anche i genitori sono stati sentiti. «Non hanno urlato con noi, ma le loro affermazioni sono spesso molto pesanti», ha raccontato il provveditore Giuseppe Petralia dopo aver letto pagine e pagine di verbali.

Ma le accuse contro la prof sono risultate fondate? «Occorrono altri elementi per arrivare ad una valutazione completa. Se alcuni sospetti dovessero essere confermati interverremo subito». Quali provvedimenti verrebbero presi? «Se dovesse emergere che la professoressa seppur momentaneamente non può svolgere l' insegnamento, si potrebbe decidere per una sospensione. Ma non è escluso nemmeno il licenziamento o un' altra soluzione potrebbe essere lo spostamento per incompatibilità».
Intervento immediato, promette Petralia. «Non avrebbe senso aspettare. I ragazzi devono essere tutelati, proprio perché si avvicina la fine dell' anno e tutti devono lavorare serenamente, studenti e professori. Entro la fine della prossima settimana chiuderemo il caso. Stiamo agendo a tutela soprattutto degli studenti, del buon nome della scuola e degli insegnanti. E ormai siamo vicini alla conclusione». Federica Cavadini RIPRODUZIONE RISERVATA

Cavadini Federica

Pagina 7
(2 aprile 2011) - Corriere della Sera

corriere.it


Ultima modifica di Bond il Gio Apr 07, 2011 10:44 am, modificato 2 volte
avatar
Bond
Admin

Numero di messaggi : 509
utente : genitore
Data d'iscrizione : 07.10.08

http://genitoriliceoparini.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Condividi questo articolo su: Excite BookmarksDiggRedditDel.icio.usGoogleLiveSlashdotNetscapeTechnoratiStumbleUponNewsvineFurlYahooSmarking

I ragazzi sono attendibili: e i genitori? :: Commenti

Messaggio il Mer Apr 06, 2011 8:44 pm  alessandra crovetti

Vi invito a leggere anche questa lettera, comparsa sul corsera del 6/4
http://milano.corriere.it/milano/notizie/caso_del_giorno/11_aprile_6/caso-190381299462.shtml

Il caso Parini, sono una prof ma do ragione ai ragazzi

Gentile signora Fedrigotti,
sono la madre di un ex pariniano, ormai prossimo alla laurea, e di una ragazza che frequenta la quarta ginnasio del liceo Parini. Data l'esperienza positiva con il figlio maggiore (ottimi insegnanti, di grande spessore intellettuale e umano, didattica ineccepibile, proficua collaborazione scuola-famiglia) mai avrei pensato di trovarmi nella condizione di dover spezzare una lancia in favore degli studenti e dei cosiddetti «genitori urlanti». Sono anch'io una docente, e di conseguenza, per «esprit de corp», mi sono sempre schierata dalla parte dei colleghi, condannando le ingerenze dei genitori, spesso francamente immotivate. Ma, a distanza di pochi anni, sono mio malgrado costretta a registrare una situazione di difficoltà per gli studenti e per i genitori del blasonato liceo, dovuta alla presenza di alcuni docenti inadeguati a svolgere il loro compito sia dal punto di vista didattico che da quello educativo. Pur restando inalterata la mia stima per gran parte del corpo insegnante, devo constatare che l'attuale inasprimento dei rapporti scuola/famiglia è dovuto all'atteggiamento di alcuni docenti, palesemente incapaci di svolgere il proprio compito per ragioni di instabilità emotiva, a cui si somma l'incapacità di calibrare le proprie richieste alle effettive capacità degli alunni e a quanto prescritto dai famigerati Pof, i piani dell'offerta formativa. Non è la loro severità a essere messa in discussione —gli studenti apprezzano i docenti severi e autorevoli —ma le vessazioni gratuite, i provvedimenti inutilmente punitivi cui sottopongono i ragazzi. Intimare pubblicamente a uno studente di «andare dallo psicologo», appioppare un due o un tre se si risponde in maniera errata a una sola domanda, minacciare ritorsioni nei confronti di tutta la classe se s'iscriverà ai corsi di lingua estivi all'estero proposti dal collega di un'altra sezione, sono alcuni degli esempi delle vessazioni che subiscono i ragazzi. Credo sia mio dovere, in questo caso, schierarmi al loro fianco, non per giustificarli, ma per aiutarli a far rispettare i loro diritti, per impedire che si disamorino della scuola, e, soprattutto, per difendere la nostra scuola pubblica dai troppi attacchi.
Lettera firmata

Ho ricevuto numerosi interventi sul caso Parini da tutte le parti coinvolte, genitori, insegnanti, presidi e anche studenti, ai quali spero di poter dare voce al più presto, di modo che i lettori possano valutare i diversi punti di vista. Servirà, spero, a fare un po' di chiarezza su un tema che non riguarda soltanto il liceo milanese bensì l'intera istituzione scolastica.

Isabella Bossi Fedrigotti
06 aprile 2011

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Gio Apr 07, 2011 4:33 am  LaRagazzadiBamby

Finalmente qualcosa si muove per il verso giusto. Speriamo sappiano interpretare tutti in maniera equilibrata e finalmente ascoltare i ragazzi.

Tornare in alto Andare in basso

Messaggio   Contenuto sponsorizzato

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum