Genitori a scuola
Questo forum è stato fondato ed è gestito in assoluta autonomia da alcuni genitori di studenti del liceo Parini.
E' un'occasione di libero scambio di opinioni per genitori, studenti, docenti e personale interno ed esterni al liceo.
Perchè la libertà non è star sopra un albero: </>
... libertà è partecipazione



Solo attraverso l'iscrizione è possibile pubblicare messaggi chiedere informazioni e rispondere ad argomenti già pubblicati.
Ultimi argomenti
» Dal sito del Parini i voti on line
Da l.c locatelli Sab Mag 16, 2015 4:28 pm

» Richiesta di informazioni
Da Paola M Dom Apr 26, 2015 8:00 pm

» Scuola: Italia fanalino di coda dell’Europa, 2 ragazzi su 10 abbandonano gli studi
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 7:00 pm

» Al via il premio per la scuola “Inventiamo una banconota”
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:57 pm

» funzionano come le lezioni tradizionali
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:53 pm

» Università: accolti 5000 ricorsi a Medicina ma mancano le aule
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:50 pm

» Crociata contro i fuoricorso. Meno fondi a chi ne ha troppi
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:53 pm

» Giannini : un “Erasmus per tutti” è uno degli obiettivi della presidenza italiana dell’Ue
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:51 pm

» Miur, on line l’elenco degli interventi #scuolebelle già realizzati
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:49 pm

» Giannini: alla maturità torneranno i commissari interni
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 7:01 pm

» Più studenti, stessi prof: parte l’anno scolastico del sovraffollamento
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:58 pm

» La Buona Scuola al via, sale l’attesa per le consultazioni online
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:55 pm

» Corso di inglese in Irlanda, la mia esperienza!
Da aless90 Mar Ago 05, 2014 2:21 pm

» Scuola, in pensione il provveditore Francesco De Sanctis. Nuovi vertici anche nei licei storici
Da Gilberto Carron Gio Lug 31, 2014 12:43 pm

» Dario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della MatematicaDario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della Matematica
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 4:05 pm

» Olimpiadi di matematica: Cina prima, Italia lontana dal podio
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:56 pm

» Anief, tra gli studenti bocciati oltre la metà lascia gli studi
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:53 pm

» Contro il caro-libri si ricorre all’usato
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:51 pm

» Università, per 1 studente su 2 ha come priorità gli sconti sui libri di testo
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:50 pm

» Con 100 alla Maturità niente tasse all’Università
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:49 pm

premia il forum con un click
Sito segnalato su Small Advertise!
blog tools

Faresti amico il tuo prof?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Faresti amico il tuo prof?

Messaggio  Gilberto Carron il Mar Feb 22, 2011 1:30 pm

Studenti e docenti divisi. In entrambe le categorie c’è chi
vede nel social network un ottimo mezzo per la didattica
e chi ne teme un uso improprio che facilita la perdita di autorevolezza

«Se dovessi comunicare stasera che domani non c’è la verifica, non avrei dubbi. Userei Facebook: i miei studenti l’hanno sempre aperto». Marina Francesa Gherra insegna Italiano e Storia all’Istituto Avogadro e del social network dal logo blu ha fatto uno strumento di lavoro. Ma Fb, cliccato in Italia da 18 milioni di persone, a scuola divide ancora. E non solo i professori. Sono gli studenti i più gelosi della - si fa per dire - privacy on line, i più convinti che varcare il confine dell’amicizia possa portare spiacevoli confusioni di ruoli.

«Io sono su Facebook - dice Tommaso De Luca, preside dell’Avogadro - e penso che la confusione dei ruoli sia facilmente evitabile. Il social network è utile per molte comunicazioni e in fatto di didattica sarebbe follia se le scuole dove si studia informatica non ne tenessero conto. Se uno studente ti scrive “Ha visto che brutta figura la Juve?”, puoi non rispondergli». Marina Francesa Gherra è alleata del suo dirigente. «Abbiamo parlato di Fb con i ragazzi e ho visto il loro entusiasmo. Sono stati loro a proporre di aprire un contatto della classe nel quale mettere tutto ciò che ci può servire per l’attività didattica. Siccome per una parte di programma mi baso sugli appunti, la soluzione si è rivelata ottima. Poi, vero che ho il mio profilo personale e loro mi hanno chiesto il contatto, ma l’autorevolezza non si conquista solo stando lontani da Facebook. Certo, mi limito un po’ quando mi viene da scrivere un pensiero schierato ideologicamente». Ancora: «I ragazzi ci vedono vecchi: non esserlo almeno mentalmente mi fa piacere».

Riccardo Gallarà, preside del liceo classico Alfieri - 800 amici -, non ha mai trovato su Fb studenti che perdessero di rispetto: «Ti dicono le stesse cose che ti direbbero in corridoio. Tipo “Per favore, non ci dia le pagelle venerdì, perché ci farebbe passare un brutto weekend”. Ma se mi chiedono qualcosa di personale, suggerisco di scriverci per mail. Se uno padroneggia la conversazione in classe, non c’è molta differenza. Bisogna fare delle scelte, questo sì: ho messo le mie foto alla manifestazione dell’altra domenica, non metterei quelle fatte del mare».

Giovanni Maurella, vice preside dell’Itis Grassi, ha un’idea diversa: «Tra le amicizie ho solo ex allievi. Mi pare più corretto. So invece di colleghi che danno l’amicizia per conoscere meglio gli studenti». Soprattutto, il professor Maurella ha rilevato un vero fenomeno di costume: «Quando ero ragazzo i litigi con i compagni di scuola si chiudevano in giornata. Ora proseguono su Fb, con i genitori che si mettono in mezzo e danno rilevanza a sciocchezze. Fb diventa il luogo della lite per eccellenza».

Facebook visto dai banchi? Per Martina Ongaro, una delle «Primule rosse», gruppo rock del liceo artistico Cottini, «Fb può esserci utile a livello scolastico per chiedere qualche spiegazione. Certo, l’autorevolezza del prof diminuisce un po’. Ci sono insegnanti che tendono a invadere il nostro privato, mentre il rapporto professore-studente deve rimanere quello che c’è in classe». Martina ha le idee chiare: «Gli insegnanti che raccontano i loro disastri amorosi in classe, su Fb fanno sicuramente danni».

Alla larga dai prof si tiene Simone Moricca, nell’esecutivo d’istituto dell’Avogadro. «Presa la maturità possiamo parlare di amicizia, prima preferisco di no. Se diventi amico dei docednti devi autocensurarti: a scuola i rapporti vanno salvaguardati». Di parere opposto è Alessandra Farkas, dell’Itis Grassi: «A me piace l’idea di essere amica dei professori. Certo, dopo non sei più tanto libero, ti blocchi un po’. Ma i rapporti non si modificano: i professori sono rispettati come prima».
MARIA TERESA MARTINENGO
avatar
Gilberto Carron

Numero di messaggi : 518
utente : genitore
Data d'iscrizione : 15.02.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Faresti amico il tuo prof?

Messaggio  Bond il Mar Feb 22, 2011 10:16 pm

No, io il mio prof non lo vorrei tra gli amici di facebook,

Per la didattica o gli avvisi scolastici la tecnologia offre strumenti migliori, basta informarsi ed aggiornarsi.
Facebook è il muretto, la piazzetta di una volta: chi avrebbe accettato di passarci il pomeriggio con il suo prof!

I professori, come anche i genitori devono stare al proprio posto, accettando il loro ruolo e compito che non è proprio quello di essere "amici" e meno di tutto gli amici del muretto.

Surfando ( !) 2 minuti, ho trovato conferma al mio pensiero, questa la risposta di docenti studenti e genitori informati sulle tecnologie che danno un parere sulla congruità d'uso dei mezzi proposti: facebook ha i voti più bassi, rispetto all'utilità nell'uso scolastico.
Interessante e molti istruttivo per chi pensa ancora che facebook sia il solo modo di rapportarsi agli studenti il report di " for tutor 2009"
di abriella D'Alfonso sugli strumenti di integrazione del web 2.0 nella scuola.
avatar
Bond
Admin

Numero di messaggi : 509
utente : genitore
Data d'iscrizione : 07.10.08

http://genitoriliceoparini.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Faresti amico il tuo prof?

Messaggio  Gilberto Carron il Gio Feb 24, 2011 2:33 pm

Ciao mitico Bond,
Condivido tutto quello che dici, il mio post e stato inserito per sondare il pensiero di qualche genitore!!!!!



Embarassed gil
avatar
Gilberto Carron

Numero di messaggi : 518
utente : genitore
Data d'iscrizione : 15.02.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Faresti amico il tuo prof?

Messaggio  essepi il Gio Feb 24, 2011 7:54 pm

Anch'io sono dell'idea che i genitori non debbano essere "amici" dei propri figli su Facebook. E per questo neppure i prof.
Esistono altre situazioni e luoghi in cui dialogare.
E' importante potersi parlare, capire, spiegare, ecc., ma FB rappresenta un mondo tutto loro ed è giusto che sia così.
Ma vi ricordate come eravamo noi a 15 anni?

essepi

Numero di messaggi : 27
Data d'iscrizione : 12.02.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Faresti amico il tuo prof?

Messaggio  Gilberto Carron il Ven Feb 25, 2011 4:52 pm

Quelli della mia generazione non credo che abbiano avuto come amici genitori o prof,
Parlare con un genitore dovevi stare attento di quello che si parlava, senza oltrepassare le righe,
figurarsi con un prof, che quando parlavi ti squadrava dall'alto al basso,con quell'aria da uomo saputo.
Chissà se la troppa rigidità fa bene,oppure e meglio l'elasticita che stiamo dando!!!!
La morale e che: nonostante qualsiasi cosa si faccia non sarà quella giusta, o si poteva fare meglio!!!!!!
gil




avatar
Gilberto Carron

Numero di messaggi : 518
utente : genitore
Data d'iscrizione : 15.02.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Faresti amico il tuo prof?

Messaggio  Gilberto Carron il Ven Mar 04, 2011 5:51 pm

E un po che non leggo quache news dell'amico Arno,
mi sarebbe piaciuto leggere il suo pensiero su questo 3ad
Ciao,gil
avatar
Gilberto Carron

Numero di messaggi : 518
utente : genitore
Data d'iscrizione : 15.02.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Faresti amico il tuo prof?

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum