Genitori a scuola
Questo forum è stato fondato ed è gestito in assoluta autonomia da alcuni genitori di studenti del liceo Parini.
E' un'occasione di libero scambio di opinioni per genitori, studenti, docenti e personale interno ed esterni al liceo.
Perchè la libertà non è star sopra un albero: </>
... libertà è partecipazione



Solo attraverso l'iscrizione è possibile pubblicare messaggi chiedere informazioni e rispondere ad argomenti già pubblicati.
Ultimi argomenti
» Dal sito del Parini i voti on line
Da l.c locatelli Sab Mag 16, 2015 4:28 pm

» Richiesta di informazioni
Da Paola M Dom Apr 26, 2015 8:00 pm

» Scuola: Italia fanalino di coda dell’Europa, 2 ragazzi su 10 abbandonano gli studi
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 7:00 pm

» Al via il premio per la scuola “Inventiamo una banconota”
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:57 pm

» funzionano come le lezioni tradizionali
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:53 pm

» Università: accolti 5000 ricorsi a Medicina ma mancano le aule
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:50 pm

» Crociata contro i fuoricorso. Meno fondi a chi ne ha troppi
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:53 pm

» Giannini : un “Erasmus per tutti” è uno degli obiettivi della presidenza italiana dell’Ue
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:51 pm

» Miur, on line l’elenco degli interventi #scuolebelle già realizzati
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:49 pm

» Giannini: alla maturità torneranno i commissari interni
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 7:01 pm

» Più studenti, stessi prof: parte l’anno scolastico del sovraffollamento
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:58 pm

» La Buona Scuola al via, sale l’attesa per le consultazioni online
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:55 pm

» Corso di inglese in Irlanda, la mia esperienza!
Da aless90 Mar Ago 05, 2014 2:21 pm

» Scuola, in pensione il provveditore Francesco De Sanctis. Nuovi vertici anche nei licei storici
Da Gilberto Carron Gio Lug 31, 2014 12:43 pm

» Dario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della MatematicaDario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della Matematica
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 4:05 pm

» Olimpiadi di matematica: Cina prima, Italia lontana dal podio
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:56 pm

» Anief, tra gli studenti bocciati oltre la metà lascia gli studi
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:53 pm

» Contro il caro-libri si ricorre all’usato
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:51 pm

» Università, per 1 studente su 2 ha come priorità gli sconti sui libri di testo
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:50 pm

» Con 100 alla Maturità niente tasse all’Università
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:49 pm

premia il forum con un click
Sito segnalato su Small Advertise!
blog tools

Assenze per occupazioni, un rebus per insegnanti, presidi e studenti

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Assenze per occupazioni, un rebus per insegnanti, presidi e studenti

Messaggio  Gilberto Carron il Gio Dic 09, 2010 2:25 pm

Il Regolamento sulla valutazione limita a 50 il numero dei giorni in cui non si va a scuola. Pena la bocciatura. Ma non è chiaro se vanno calcolati quelli persi a causa delle proteste (già almeno una quindicina). E il ministero non chiarisce

E ora sulla protesta studentesca cala l'incubo della bocciatura per troppe assenze. Le occupazioni scolastiche di questi giorni mettono a nudo i "buchi" della norma, entrata in vigore proprio quest'anno, che limita il numero di assenze alle superiori. Dei 50 giorni di assenza disponibili, per le occupazioni studentesche se ne sono andati almeno una quindicina. E già, senza precise direttive da parte del ministero, si prefigura il "fai da te" da parte delle scuole: in alcuni istituti le assenze saranno conteggiate, in altri il periodo dell'occupazione non inciderà sulle assenze complessive.

Eppure la norma contenuta nel Regolamento sulla valutazione, oltre ad essere di carattere nazionale, è tassativa.
"Per procedere alla valutazione finale di ciascuno studente - recita il decreto del giugno 2009 - è richiesta la frequenza dell'orario annuale personalizzato". Che, per semplificare i conteggi, vengono assimilati in 50 giorni, visto che per essere valido l'anno scolastico deve avere almeno 200 giorni di lezione. Ma cos'è "l'orario scolastico personalizzato"? Si riferisce al monte ore annuale complessivo o a quello delle singole materie? E se un ragazzo ha saltato un terzo delle ore di lezione di una qualsiasi materia, ma nel complesso le sue assenze non superano un quarto delle lezioni, sarà inesorabilmente bocciato?

E ancora. Le assenze per l'occupazione sono da conteggiare in ogni caso? O c'è qualche scappatoia? E perché dovrebbero essere computate anche
nei confronti di quegli studenti che, se la scuola fosse stata libera, avrebbero frequentato le lezioni? Le deroghe per motivi "eccezionali" che le scuole possono deliberare sul limite delle 50 assenze possono contemplare anche il caso delle occupazioni? Ecco alcune delle domande che si pongono in questi giorni presidi, professori e studenti. Anche perché non è detto che la protesta studentesca sia arrivata al capolinea e mancano ancora sei mesi di scuola.

A Palermo, alcuni giorni fa, 13 presidi si sono espressi in maniera chiara: le assenze per l'occupazione conteranno tutte. E in un caso, al rientro in classe dopo l'agitazione il capo d'istituto ha preteso da tutti gli alunni (1.800 circa) il certificato medico. Ma i ragazzi che continuano ad occupare, per tutta risposta, sfidano i loro presidi: "Bocciateci tutti", rispondono alla linea dura. In Italia sono ancora parecchie le scuole occupate e le manifestazioni continueranno almeno fino al 14 dicembre (giorno in cui la Camera voterà la fiducia al governo Berlusconi) o fino a quando la riforma dell'università farà il suo passaggio al Senato per il voto finale.

Intanto, tutti si aspettano una circolare chiarificatrice da parte del ministero che risolva alcuni dei quesiti che assillano professori e capi d'istituto. Mentre, da parte di tutti coloro che dovessero incappare nella bocciatura automatica per eccesso di assenze si prevede una valanga di ricorsi. Anche perché la norma, a settembre, è entrata in vigore senza che famiglie e studenti fossero a conoscenza delle modalità di applicazione. E neppure le singole scuole, nella maggior parte dei casi, hanno ancora deliberato in tal senso comunicando in anticipo ad alunni e genitori il regolamento sulle assenze.
SALVO INTRAVAIA
avatar
Gilberto Carron

Numero di messaggi : 518
utente : genitore
Data d'iscrizione : 15.02.10

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum