Genitori a scuola
Questo forum è stato fondato ed è gestito in assoluta autonomia da alcuni genitori di studenti del liceo Parini.
E' un'occasione di libero scambio di opinioni per genitori, studenti, docenti e personale interno ed esterni al liceo.
Perchè la libertà non è star sopra un albero: </>
... libertà è partecipazione



Solo attraverso l'iscrizione è possibile pubblicare messaggi chiedere informazioni e rispondere ad argomenti già pubblicati.
Ultimi argomenti
» Dal sito del Parini i voti on line
Da l.c locatelli Sab Mag 16, 2015 4:28 pm

» Richiesta di informazioni
Da Paola M Dom Apr 26, 2015 8:00 pm

» Scuola: Italia fanalino di coda dell’Europa, 2 ragazzi su 10 abbandonano gli studi
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 7:00 pm

» Al via il premio per la scuola “Inventiamo una banconota”
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:57 pm

» funzionano come le lezioni tradizionali
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:53 pm

» Università: accolti 5000 ricorsi a Medicina ma mancano le aule
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:50 pm

» Crociata contro i fuoricorso. Meno fondi a chi ne ha troppi
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:53 pm

» Giannini : un “Erasmus per tutti” è uno degli obiettivi della presidenza italiana dell’Ue
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:51 pm

» Miur, on line l’elenco degli interventi #scuolebelle già realizzati
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:49 pm

» Giannini: alla maturità torneranno i commissari interni
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 7:01 pm

» Più studenti, stessi prof: parte l’anno scolastico del sovraffollamento
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:58 pm

» La Buona Scuola al via, sale l’attesa per le consultazioni online
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:55 pm

» Corso di inglese in Irlanda, la mia esperienza!
Da aless90 Mar Ago 05, 2014 2:21 pm

» Scuola, in pensione il provveditore Francesco De Sanctis. Nuovi vertici anche nei licei storici
Da Gilberto Carron Gio Lug 31, 2014 12:43 pm

» Dario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della MatematicaDario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della Matematica
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 4:05 pm

» Olimpiadi di matematica: Cina prima, Italia lontana dal podio
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:56 pm

» Anief, tra gli studenti bocciati oltre la metà lascia gli studi
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:53 pm

» Contro il caro-libri si ricorre all’usato
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:51 pm

» Università, per 1 studente su 2 ha come priorità gli sconti sui libri di testo
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:50 pm

» Con 100 alla Maturità niente tasse all’Università
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:49 pm

Parole chiave

premia il forum con un click
Sito segnalato su Small Advertise!
blog tools

Sei un liceale? Prova a raccontare la scienza

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Sei un liceale? Prova a raccontare la scienza

Messaggio  Gilberto Carron il Mer Nov 24, 2010 12:04 pm

Al via la nuova edizione de "La Scienza Narrata": in gara un gruppo di licei di 4 città. L'iniziativa è stata ideata dal gruppo Merck Serono in collaborazione con "Tuttoscienze"


«Il discorso scientifico tende a un linguaggio puramente formale, matematico, basato su una logica astratta, indifferente al proprio contenuto. Il discorso letterario tende a costruire un sistema di valori, in cui ogni parola, ogni segno è un valore per il solo fatto d'essere stato scelto e fissato sulla pagina. Non ci potrebbe essere nessuna coincidenza tra i due linguaggi, ma ci può essere (proprio per la loro estrema diversità) una sfida, una scommessa tra loro. In qualche situazione è la letteratura che può indirettamente servire da molla propulsiva per lo scienziato: come esempio di coraggio nell'immaginazione, nel portare alle estreme conseguenze un'ipotesi. E così in altre situazioni può avvenire il contrario. In questo momento, il modello del linguaggio matematico, della logica formale, può salvare lo scrittore dal logoramento in cui sono scadute parole e immagini per il loro falso uso. Con questo lo scrittore non deve però credere d'aver trovato qualcosa d'assoluto; anche qui può servirgli l'esempio della scienza: nella paziente modestia di considerare ogni risultato come facente parte di una serie forse infinita d'approssimazioni».

Con queste parole Italo Calvino già nel 1968 segnava, come sempre gli capitava di fare con un'enorme ed essenziale chiarezza, la strada che il concorso «La Scienza Narrata» si prefigura di far percorrere agli studenti delle scuole superiori che vorranno prenderne parte.

Arrivato alla 5ª edizione, «La Scienza Narrata» è un concorso indetto dalla Merck Serono - in collaborazione con «Tuttoscienze» - nell'ambito del premio letterario che ha l’intento di avvicinare il mondo scientifico a quello letterario. Oltre a premiare i grandi narratori che si avvicinano con i loro romanzi a temi scientifici, la Merck Serono sta investendo in questo interessante progetto indirizzato ai licei: spingere i ragazzi a scrivere un racconto che tratti di argomento scientifico.
Come spiega Paolo Grillo, promotore del progetto e direttore degli affari istituzionali della Merck Serono, «l'obiettivo dell'iniziativa è promuovere tra i giovani la curiosità verso il mondo della scienza, l'apertura nei confronti della conoscenza di ciò che li circonda e di se stessi. Essi devono diventare protagonisti attivi delle scelte che faranno, ascoltando ciò che è fuori per comprendere, interpretare e decidere, ma mantenendo saldi i propri valori, sempre coscienti che la scienza è un mezzo, non un fine».

Così da 5 anni un gruppo di scienziati, editor e scrittori si avvicenda nei licei di Torino, Milano, Roma e, da quest'anno, anche Napoli, per aiutare i ragazzi nel partecipare al concorso. Anche per questa nuova edizione, insieme con Giorgio Vasta, Marco Rossari, Luigi Ripamonti e Patrizia Carrano, verranno condotti dei veri e propri laboratori in classe, dove i ragazzi potranno trovare un confronto utile per la scelta dell'argomento da trattare, l'impostazione del lavoro e, in un secondo momento, nella stesura vera e propria del racconto e nell'editing.

L'iniziativa, quest'anno, è partita da Torino, con un evento di presentazione che si è svolto ieri, non a caso, nella biblioteca Italo Calvino. Il professor Carlo Alberto Redi ha dato il là agli studenti di 3 licei torinesi con una lectio magistralis sul futuro e le prospettive delle biotecnologie. Giorgio Vasta, invece, ha affrontato il problema dell'interazione tra scienza e letteratura dal punto di vista dello scrittore.

Ogni anno rimaniamo sorpresi dal livello dei racconti che, alla fine, vengono inviati per partecipare al concorso e per l'intelligenza e l'interesse che viene mostrato dai ragazzi. Un po' come se la scommessa, direbbe Calvino, che viene proposta affiancando così intrinsecamente scienza e letteratura non possa che portare a risultati molto validi sia sul piano letterario che su quello scientifico. D'altronde è chiaro: le grandi sfide offrono all'intelligenza e alla sensibilità artistica la possibilità di esprimersi al meglio. E gli studenti italiani sembrano non aspettare altro che occasioni come queste per poter raccontare il loro punto di vista sul mondo, le contraddizioni che ne intravedono e la passione che ci mettono per poterle affrontare.

Come partecipare
Per la nuova edizione del concorso «La Scienza Narrata» saranno coinvolti gli studenti di 15 licei e istituti tecnici di Torino, Milano, Roma e Napoli.
Si partecipa con un racconto di 12 mila battute, che dovrà essere consegnato entro il 30 aprile 2011, mentre la premiazione avverrà il prossimo giugno nell’ambito del 9° Premio Letterario Merck Serono.

Le informazioni sono disponibili sul sito www.premioletterariomerckserono.it.
GIOVANNI NUCCI
avatar
Gilberto Carron

Numero di messaggi : 518
utente : genitore
Data d'iscrizione : 15.02.10

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum