Genitori a scuola
Questo forum è stato fondato ed è gestito in assoluta autonomia da alcuni genitori di studenti del liceo Parini.
E' un'occasione di libero scambio di opinioni per genitori, studenti, docenti e personale interno ed esterni al liceo.
Perchè la libertà non è star sopra un albero: </>
... libertà è partecipazione



Solo attraverso l'iscrizione è possibile pubblicare messaggi chiedere informazioni e rispondere ad argomenti già pubblicati.
Ultimi argomenti
» Dal sito del Parini i voti on line
Da l.c locatelli Sab Mag 16, 2015 4:28 pm

» Richiesta di informazioni
Da Paola M Dom Apr 26, 2015 8:00 pm

» Scuola: Italia fanalino di coda dell’Europa, 2 ragazzi su 10 abbandonano gli studi
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 7:00 pm

» Al via il premio per la scuola “Inventiamo una banconota”
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:57 pm

» funzionano come le lezioni tradizionali
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:53 pm

» Università: accolti 5000 ricorsi a Medicina ma mancano le aule
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:50 pm

» Crociata contro i fuoricorso. Meno fondi a chi ne ha troppi
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:53 pm

» Giannini : un “Erasmus per tutti” è uno degli obiettivi della presidenza italiana dell’Ue
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:51 pm

» Miur, on line l’elenco degli interventi #scuolebelle già realizzati
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:49 pm

» Giannini: alla maturità torneranno i commissari interni
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 7:01 pm

» Più studenti, stessi prof: parte l’anno scolastico del sovraffollamento
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:58 pm

» La Buona Scuola al via, sale l’attesa per le consultazioni online
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:55 pm

» Corso di inglese in Irlanda, la mia esperienza!
Da aless90 Mar Ago 05, 2014 2:21 pm

» Scuola, in pensione il provveditore Francesco De Sanctis. Nuovi vertici anche nei licei storici
Da Gilberto Carron Gio Lug 31, 2014 12:43 pm

» Dario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della MatematicaDario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della Matematica
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 4:05 pm

» Olimpiadi di matematica: Cina prima, Italia lontana dal podio
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:56 pm

» Anief, tra gli studenti bocciati oltre la metà lascia gli studi
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:53 pm

» Contro il caro-libri si ricorre all’usato
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:51 pm

» Università, per 1 studente su 2 ha come priorità gli sconti sui libri di testo
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:50 pm

» Con 100 alla Maturità niente tasse all’Università
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:49 pm

Parole chiave

premia il forum con un click
Sito segnalato su Small Advertise!
blog tools

Maturità, nuove norme per l'ammissione Gelmini: «Con un 5 non si boccia»

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Maturità, nuove norme per l'ammissione Gelmini: «Con un 5 non si boccia»

Messaggio  marconiccoli il Ven Giu 11, 2010 7:26 pm

Ciao a tutti,
avrete sicuramente letto la notizia.
come commentate? mi interessa direttamente la discussione, avendo una figli che sta per approdare alle superiori.

Grazie! Smile

marconiccoli

Numero di messaggi : 2
utente : genitore
Data d'iscrizione : 11.06.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Maturità, nuove norme per l'ammissione Gelmini: «Con un 5 non si boccia»

Messaggio  Bond il Sab Giu 12, 2010 9:58 am

Le ultime notizie riportano una percentuale pari 4% di non ammessi alla maturità come dato generale su tutte le scuole superiori. Questo dato si allinea con le percentuali degli anni scorsi.
E' evidente che non basta una legge per cambiare i costumi degli italiani. Docenti e studenti hanno fatto quello che hanno sempre fatto: i primi hanno continuato a dare voti miserabili quando necessari per spronare quando non reputavano adeguati i risultati. Gli studenti hanno continuato a fare ciò che potevano o volevano secondo abitudini e possibilità.

Per maturandi e prof inoltre, l'affetto dopo almeno 5 anni di conoscenza, la benevolenza perchè in Italia siamo tutti buoni, il senso di giustizia che comunque altri potranno liberamente esercitare in sede di maturità, ha fatto si che i professori italiani in maggioranza mamme hanno continuato a pensare:
COL TEMPO E CON IL SOLE MATURANO ANCHE LE NESPOLE...
e quindi MATURERA' anche questo.

E forse così si comporterebbe ciascuno di noi...
ma se i 5 sono + di 1 e ci sono anche 4 ...!?!
avatar
Bond
Admin

Numero di messaggi : 509
utente : genitore
Data d'iscrizione : 07.10.08

http://genitoriliceoparini.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Maturità, non ammessi in aumento: +0,6% Sale anche il numero dei bocciati: +1,4%

Messaggio  Gilberto Carron il Lun Giu 14, 2010 12:15 pm

I non ammessi potrebbero essere 28mila. Negli istituti tecnici promozioni in crescita. Cobas proseguono sciopero scrutini


ROMA (12 giugno) - Aumenta, anche se di
poco, il numero dei non ammessi alla maturità: sono il 6,1% degli
iscritti all'ultimo anno delle scuole superiori. Nel 2009 erano il
5,5%. In totale il numero dei non ammessi alla maturità potrebbe
aggirarsi intorno ai 28.500 studenti. In leggera risalita anche il
numero dei bocciati nelle altre classi: +1,4%. Un risultato che si
rileva soprattutto in istituti professionali e licei, mentre negli
istituti tecnici sono i promossi ad essere in aumento.

Il campione. Per il ministero dell'Istruzione, che ha curato lo
studio sugli scrutini di fine anno di un campione di istituti superiori
di Emilia Romagna, Marche, Veneto, Puglia, Lombardia e Campania, tra
cui licei, tecnici, professionali e artistici, questi dati «confermano
l'andamento di una progressiva maggiore severità delle scuole già
registrata l'anno precedente». I dati si riferiscono ai primi 200
istituti delle sei regioni dove sono già stati scrutinati 11.779
allievi.

Maturità. In queste scuole, gli studenti non ammessi all'esame
finale sono il 6,1% del totale degli iscritti all'ultimo anno, con un
aumento dello 0,6% rispetto a dodici mesi fa (l'anno precedente 5,5%).
Sono due anni che questa percentuale è in crescita. Le statistiche
complete saranno disponibili nei prossimi giorni. Se le prime
proiezioni saranno confermate, gli studenti non ammessi all'esame
finale saranno 28.500 in tutta Italia.

Ammissione all'anno successivo. Per quanto riguarda gli scrutini degli altri anni,i
bocciati sono in aumento dell'1,4%. Su 100 studenti che hanno finito le
lezioni a giugno, il 13,1% dovrà ripetere l'anno. L'anno scorso la
percentuale era dell'11,7%. Gli allievi promossi risultano quindi il
62,9% del totale, mentre per più del 24% il giudizio è sospeso.

Non ammessi con un 5 in pagella? L'insufficienza diventa un 6.
Succede in Alto Adige, dove la temuta regola introdotta dal ministro
Mariastella Gelmini per bloccare l'accesso all'esame agli alunni con un
cinque in pagella non sembra aver creato grossi scossoni. Secondo
l'inchiesta di un quotidiano regionale, nei consigli di classe di
alcune scuole il 5 è semplicemente diventato un 6, permettendo così
all'alunno l'accesso all'esame. «Diciamo che in sede di scrutinio i
docenti riuniti nel consiglio di classe hanno soppesato bene le cose»,
ha spiegato il dirigente di una scuola media di Bolzano. I ragazzi
“miracolati” «sono stati ammessi all'esame che adesso però si dovranno
guadagnare».

Un ispettore scolastico ha confermato che «il consiglio può decidere di elevare alla sufficienza anche
chi durante l'anno non ha raggiunto il 6 in una materia. Questo anche
per evitare che possa essere un solo docente a decidere sul futuro di
un alunno».

Cobas: sciopero degli scrutini il 14 e 15 giugno. Dopo il blocco
degli scrutini in sette regioni, i Cobas hanno annunciato il «secondo
tempo della lotta in difesa della scuola pubblica». Il 14 e 15 giugno
sarà sciopero in Piemonte, Lombardia, Toscana, Lazio, Campania,
Sicilia, oltre a Liguria, Valle d'Aosta, Friuli Venezia-Giulia,
Abruzzo, Molise, Basilicata e provincia di Bolzano. Lunedì 14 alle 10 i
Cobas sfileranno a Roma davanti al ministero dell'Istruzione per
chiedere «che si cancellino i 41 mila tagli e la Finanziaria-massacro,
il blocco degli scatti di anzianità e dei contratti, il furto delle
liquidazioni e l'allungamento dell'età pensionabile».

I Cobas hanno fatto sapere di avere bloccato finora almeno 4mila scrutini,
in gran parte alle superiori, con mille blocchi per ogni regione tra
Emilia-Romagna (soprattutto Bologna e Modena), Veneto e Sardegna (500 a
Cagliari), e altri mille ripartiti nelle scuole di Umbria, Marche e
Puglia.
messaggero.it
avatar
Gilberto Carron

Numero di messaggi : 518
utente : genitore
Data d'iscrizione : 15.02.10

Tornare in alto Andare in basso

Maturità, le regole per l'esame: 500 mila studenti si preparano per il 22 giugno

Messaggio  Gilberto Carron il Lun Giu 14, 2010 12:19 pm

ROMA (12 giugno) - Fra una decina di
giorni cominciano gli esami di maturità, attesi da circa mezzo milione
di candidati con un mix di ansia e aspettative. L'edizione 2010 è
accompagnata da nuove regole per l'ammissione agli esami e da un
calendario inedito per le prove scritte: il 22, 23 e 25 giugno, senza
il consueto fine settimana di intervallo tra il secondo scritto e il
cosiddetto quizzone.

Sei in tutte le materie per essere ammessi. È decisamente la
novità più importante. Quest'anno si potrà accedere alle prove d'esame
soltanto se si ha almeno la sufficienza in tutte le materie, condotta
compresa (l'anno scorso, invece, bastava avere la media del sei). Un
giro di vite che ha gettato nel panico tanti studenti, ma anche
parecchi professori decisi a correggere al rialzo qualche cinque pur di
evitare un massacro. Ma il ministro Gelmini ha rassicurato: «È chiaro
che l'applicazione delle nuove regole deve essere accompagnata dal buon
senso e dunque con un cinque non si boccia nessuno». Ci potrebbero,
quindi, essere eccezioni: a Bolzano, ad esempio, in alcuni casi
particolari il 5 è diventato semplicemente 6 permettendo così l'
accesso all' esame.

I commissari. Da tre anni le commissioni degli esami di maturità
sono tornate a essere miste: tre commissari interni, tre esterni e un
presidente, pure esterno. In tutto un plotone di circa 140 mila docenti
distribuiti nelle 28 mila classi di scuola statale e paritaria che
sosterranno gli esami.

Tris di scritti ravvicinati. Quest'anno, diversamente dal
solito, gli studenti saranno chiamati a svolgere le tre prove scritte
(tema di italiano uguale per tutti, secondo scritto diverso da
indirizzo a indirizzo, e 'quizzonè elaborato dalle singole commissioni)
senza il tradizionale fine settimana di 'respirò tra il secondo scritto
e l'ultimo. La prima prova - il tema di italiano - è in calendario per
martedì 22 giungo, la seconda, di indirizzo, (greco al classico,
matematica allo scientifico ecc.) si svolgerà il giorno successivo e
per la terza l'appuntamento è il 25 giugno. La quarta prova scritta -
che si effettua nei licei con sezioni a opzione internazionale, nei
licei classici europei e in alcuni indirizzi linguistici, è in
programma su tutto il territorio nazionale lunedì 28 giugno.

Esame preliminare per i privatisti. Quest'anno i privatisti per
accedere alla Maturità hanno dovuto sostenere prima un esame
preliminare sui programmi dell'ultimo anno di corso. Soltanto coloro
che hanno ottenuto almeno tutti sei sono stati ammessi agli esami.

Al bando cellulari e palmari. Durante gli esami è meglio che i
telefonini restino a casa. Durante le prove sono banditi anche palmari,
pc portatili e qualsiasi dispositivo che possa
creare un collegamento con l'esterno o con internet. Per i trasgressori
lo scotto da pagare sarà alto: l' esclusione da tutte le prove.
avatar
Gilberto Carron

Numero di messaggi : 518
utente : genitore
Data d'iscrizione : 15.02.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Maturità, nuove norme per l'ammissione Gelmini: «Con un 5 non si boccia»

Messaggio  marconiccoli il Mar Giu 15, 2010 12:39 pm

ecco appunto :/

dai poi sentivo notizie riguardo gli esami di terza media PAZZESCHE.
capisco tutto, ma secondo me c'è qualcosa che non va.
altrimenti gli insegnanti non manifesterebbero, non protesterebbero.

marconiccoli

Numero di messaggi : 2
utente : genitore
Data d'iscrizione : 11.06.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Maturità, nuove norme per l'ammissione Gelmini: «Con un 5 non si boccia»

Messaggio  007 il Mer Giu 16, 2010 10:00 am

Caro Marco,
il blocco degli scrutini è senz'altro legato alla questione delle sufficienze, ma non solo!
Intanto, la mia opinione sul raggiungimento della suff. in tutte le materie è che dovrebbe essere un obiettivo condiviso tra studenti e docenti e 9 mesi di scuola garantiscono il tempo necessario! Ma l'Italia è il paese dei recuperi, dei condoni, del fatte le leggi trovato l'inganno, e la scuola non si differenzia. Non ho nessuna posizione punitiva, non sono per niente leghista, credo sia ridicolo imporre per legge e poi smentire nei fatti, ma ritengo che tutti dovrebbe fare di più nel tempo dovuto.
La seconda questione invece riguarda il futuro della scuola pubblica italiana: il taglio di risorse sia in termini di personale che di soldi veri e propri rivelerà il suo tragico intento nel giro di qualche anno.
Già ora per avere certezza di orario i genitori iscrivono i figli alle elementari private: la forbice tra chi può scegliere e chi no si farà sempre più ampia.
Nelle superiori già si chiede il contributo "volontario" alle famiglie: finora usato per progetti, tra poco per pagare supplenti e magari gli stessi prof.
Insomma la ns. emerita scuola pubblica è messa in condizione di poter solo peggiorare, dunque protestare mi sembra il minimo. Anzi mi stupisco dei numeri della protesta: TUTTA la scuola pubblica dovrebbe fermarsi!
avatar
007
Admin

Numero di messaggi : 223
utente : genitore
Data d'iscrizione : 09.10.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Maturità, nuove norme per l'ammissione Gelmini: «Con un 5 non si boccia»

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum