Genitori a scuola
Questo forum è stato fondato ed è gestito in assoluta autonomia da alcuni genitori di studenti del liceo Parini.
E' un'occasione di libero scambio di opinioni per genitori, studenti, docenti e personale interno ed esterni al liceo.
Perchè la libertà non è star sopra un albero: </>
... libertà è partecipazione



Solo attraverso l'iscrizione è possibile pubblicare messaggi chiedere informazioni e rispondere ad argomenti già pubblicati.
Ultimi argomenti
» Dal sito del Parini i voti on line
Da l.c locatelli Sab Mag 16, 2015 4:28 pm

» Richiesta di informazioni
Da Paola M Dom Apr 26, 2015 8:00 pm

» Scuola: Italia fanalino di coda dell’Europa, 2 ragazzi su 10 abbandonano gli studi
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 7:00 pm

» Al via il premio per la scuola “Inventiamo una banconota”
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:57 pm

» funzionano come le lezioni tradizionali
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:53 pm

» Università: accolti 5000 ricorsi a Medicina ma mancano le aule
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:50 pm

» Crociata contro i fuoricorso. Meno fondi a chi ne ha troppi
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:53 pm

» Giannini : un “Erasmus per tutti” è uno degli obiettivi della presidenza italiana dell’Ue
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:51 pm

» Miur, on line l’elenco degli interventi #scuolebelle già realizzati
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:49 pm

» Giannini: alla maturità torneranno i commissari interni
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 7:01 pm

» Più studenti, stessi prof: parte l’anno scolastico del sovraffollamento
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:58 pm

» La Buona Scuola al via, sale l’attesa per le consultazioni online
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:55 pm

» Corso di inglese in Irlanda, la mia esperienza!
Da aless90 Mar Ago 05, 2014 2:21 pm

» Scuola, in pensione il provveditore Francesco De Sanctis. Nuovi vertici anche nei licei storici
Da Gilberto Carron Gio Lug 31, 2014 12:43 pm

» Dario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della MatematicaDario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della Matematica
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 4:05 pm

» Olimpiadi di matematica: Cina prima, Italia lontana dal podio
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:56 pm

» Anief, tra gli studenti bocciati oltre la metà lascia gli studi
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:53 pm

» Contro il caro-libri si ricorre all’usato
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:51 pm

» Università, per 1 studente su 2 ha come priorità gli sconti sui libri di testo
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:50 pm

» Con 100 alla Maturità niente tasse all’Università
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:49 pm

Parole chiave

premia il forum con un click
Sito segnalato su Small Advertise!
blog tools

Il liceo Parini ancora in prima pagina. Sotto accusa Il Preside Prof Pedretti.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

110610

Messaggio 

Il liceo Parini ancora in prima pagina. Sotto accusa Il Preside Prof Pedretti.




Parini, le prof accusano il preside: "E' misogino e dice troppe volgarità"
Anche le bidelle dello storico liceo milanese contro il dirigente. E lui: "Vogliono minacciarmi"


di FRANCO VANNI

La lettera scritta dalla professoressa ha per intestazione «misoginia o banale trivialità». Il destinatario è Carlo Pedretti, preside del liceo classico milanese Parini, a cui la docente chiede spiegazioni per una frase che lui le avrebbe rivolto durante un colloquio, alla presenza di uno studente e dei suoi genitori. Parole irripetibili, che l’insegnante ha percepito come «misogine oltre che lesive dell’autorità dell’insegnante». Ora della questione si dovranno occupare la direzione scolastica regionale e il provveditorato: la professoressa ha inviato la lettera anche ai rappresentanti sindacali della scuola, di modo che potessero esserne informati «gli organi competenti».

La docente ha anche riferito l’accaduto agli altri professori della classe che, compatti, le hanno espresso solidarietà. «Noi docenti ci stringiamo intorno alla collega, per un episodio che riteniamo grave», dice un’insegnante del corso. Una professoressa, vedendola turbata, l’ha anche abbracciata. L’incontro durante il quale Pedretti avrebbe pronunciato la frase incriminata, avvenuto la scorsa settimana in presidenza, riguardava una nota data dalla professoressa a uno studente 18enne, iscritto in seconda liceo.

Secondo la versione della docente il ragazzo, dopo avere preso una nota, sarebbe scappato dall’aula portando con sé il registro di classe. E sempre secondo la versione dell’insegnante (confermata da alcuni colleghi) il ragazzo in classe avrebbe un comportamento «inqualificabile», dal momento che «quando riceve un’insufficienza dà in escandescenze, offende l’insegnante, getta per terra tutto, molla calci a sedie e banchi». Mentre la professoressa leggeva dal suo registro personale le note date allo studente, il preside la avrebbe interrotta, pregandola — si fa per dire — di lasciare la stanza.

Nella lettera di risposta inviata alla prof, Pedretti riferisce che la docente nel corso dell’incontro continuava a leggere dal suo registro, «inflessibile e determinata», nonostante «reiteratamente richiesta di smettere, da parte dello scrivente e dei genitori dello studente stesso». Il preside deplora poi il fatto che l’insegnante, prossima alla pensione, si sia rivolta ai rappresentanti sindacali per denunciare l’episodio: «Cosa significa mandare per conoscenza alla rsu? Si vuole forse minacciare il sottoscritto?», scrive Pedretti alla docente. Quanto alla frase che la professoressa gli imputa, il preside non smentisce, anzi. Ci scherza: «L’abracadabra presidenziale — scrive Pedretti — l’indisponeva e poneva fine alla sua troppo lunga lettura». E via a rimproverare la professoressa per presunte scorrettezze nell’organizzazione del lavoro.

Già in passato, il linguaggio colorito del preside nei confronti di dipendenti donne era stato segnalato ai sindacati. Due mesi fa, una bidella aveva riferito di una frase poco felice che il dirigente avrebbe pronunciato per posticipare un incontro da lei richiesto. E altre insegnanti riferiscono di espressioni del preside «decisamente sopra le righe» usate con le professoresse e, molto più raramente, ai loro colleghi maschi. Del comportamento dello studente si occuperà invece il consiglio di classe, che nei prossimi giorni dovrà fare gli scrutini.
avatar
Bond
Admin

Numero di messaggi : 509
utente : genitore
Data d'iscrizione : 07.10.08

http://genitoriliceoparini.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Condividi questo articolo su: Excite BookmarksDiggRedditDel.icio.usGoogleLiveSlashdotNetscapeTechnoratiStumbleUponNewsvineFurlYahooSmarking

Il liceo Parini ancora in prima pagina. Sotto accusa Il Preside Prof Pedretti. :: Commenti

avatar

Messaggio il Dom Giu 13, 2010 7:04 pm  Bond

Dal mondo dei Blog

Un episodio che ha lasciato impietriti insegnanti e bidelli quello accaduto al Liceo Classico Parini di Milano. Si lamenta, da tempo, una scarsa considerazione dell’intero organico scolastico da parte del preside, che arriverebbe addirittura a parole volgari e turpiloqui nel rivolgersi ai colleghi, specialmente se donne.

L’ultimo episodio è accaduto ai danni di una professoressa che aveva portato in presidenza un alunno poco disciplinato. Un diciottenne di seconda liceo, infatti, è noto per dare in escandescenza non appena riceve un rimprovero o una insufficienza, così, all’ennesima provocazione, la temeraria prof ha portato il suo alunno dritto dal tanto vituperato preside, il quale l’avrebbe accolta con epiteti irripetibili.

La professoressa denuncia l’ennesimo episodio di “misoginia“, come attestano anche le testimonianze di altri colleghi. Il preside Carlo Pedretti, infatti, è ora oggetto di discussione della dirigenza scolastica regionale, oltre che del provveditorato. La professoressa ha inviato una lettera di denuncia, chiedendone, forse, l’estromissione.

O, quantomeno, un intervento disciplinare, paradossale per una figura che, invece, dovrebbe darne agli alunni minorenni che frequentano il suo liceo. Già due mesi fa una bidella denunciava, ma solo verbalmente ai colleghi, alcuni atteggiamenti ritenuti improponibili da parte del dirigente scolastico, il quale aveva posticipato un colloquio con la collaboratrice. La lettera di risposta inviata da Pedretti sembra irta di goliardate che confermerebbero quanto denunciato. Parla della “inflessibilità dell’insegnante di cui sono stufi non solo gli studenti, ma i genitori degli stessi”. Denuncia, a sua volta, la professoressa, prossima alla pensione, di sregolatezze nell’organizzazione del lavoro. Del comportamento dello studente, infine, se ne occuperanno i professori, impegnati, prossimamente, negli scrutini finali.

Carmine Della Pia
all'articolo sul blog

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum