Genitori a scuola
Questo forum è stato fondato ed è gestito in assoluta autonomia da alcuni genitori di studenti del liceo Parini.
E' un'occasione di libero scambio di opinioni per genitori, studenti, docenti e personale interno ed esterni al liceo.
Perchè la libertà non è star sopra un albero: </>
... libertà è partecipazione



Solo attraverso l'iscrizione è possibile pubblicare messaggi chiedere informazioni e rispondere ad argomenti già pubblicati.
Ultimi argomenti
» Dal sito del Parini i voti on line
Da l.c locatelli Sab Mag 16, 2015 4:28 pm

» Richiesta di informazioni
Da Paola M Dom Apr 26, 2015 8:00 pm

» Scuola: Italia fanalino di coda dell’Europa, 2 ragazzi su 10 abbandonano gli studi
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 7:00 pm

» Al via il premio per la scuola “Inventiamo una banconota”
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:57 pm

» funzionano come le lezioni tradizionali
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:53 pm

» Università: accolti 5000 ricorsi a Medicina ma mancano le aule
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:50 pm

» Crociata contro i fuoricorso. Meno fondi a chi ne ha troppi
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:53 pm

» Giannini : un “Erasmus per tutti” è uno degli obiettivi della presidenza italiana dell’Ue
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:51 pm

» Miur, on line l’elenco degli interventi #scuolebelle già realizzati
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:49 pm

» Giannini: alla maturità torneranno i commissari interni
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 7:01 pm

» Più studenti, stessi prof: parte l’anno scolastico del sovraffollamento
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:58 pm

» La Buona Scuola al via, sale l’attesa per le consultazioni online
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:55 pm

» Corso di inglese in Irlanda, la mia esperienza!
Da aless90 Mar Ago 05, 2014 2:21 pm

» Scuola, in pensione il provveditore Francesco De Sanctis. Nuovi vertici anche nei licei storici
Da Gilberto Carron Gio Lug 31, 2014 12:43 pm

» Dario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della MatematicaDario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della Matematica
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 4:05 pm

» Olimpiadi di matematica: Cina prima, Italia lontana dal podio
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:56 pm

» Anief, tra gli studenti bocciati oltre la metà lascia gli studi
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:53 pm

» Contro il caro-libri si ricorre all’usato
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:51 pm

» Università, per 1 studente su 2 ha come priorità gli sconti sui libri di testo
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:50 pm

» Con 100 alla Maturità niente tasse all’Università
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:49 pm

Parole chiave

premia il forum con un click
Sito segnalato su Small Advertise!
blog tools

Tagli, classi in meno, disagi e carenze

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Tagli, classi in meno, disagi e carenze

Messaggio  007 il Mer Mar 17, 2010 6:08 pm

Il primo bilancio della riforma Gelmini
Fra due mesi e mezzo si chiuderà il primo dei tre anni di "riordino" voluti da Tremonti
In meno 133 mila posti e 8 miliardi di euro nella scuola pubblica


ROMA - Piccoli smistati tra le classi, disabili col sostegno dimezzato e ragazzini in giro per la scuola con la sedia tra le mani alla ricerca di un insegnante che li ospiti. E ancora: classi sempre più affollate, lezioni ridotte all'osso, studenti lasciati da soli per mancanza di docenti disponibili e presidi alla disperata ricerca di prof da mandare in classe. Ecco, dati alla mano, un primo bilancio della riforma Gelmini a sei mesi dall'inizio delle lezioni.

Taglio di 133 mila posti e di 8 miliardi. Quello che si concluderà tra due mesi e mezzo è il primo dei tre anni di "riordino" del sistema di istruzione pubblico voluto dal ministro dell'Economia Giulio Tremonti, che porterà al taglio di 133 mila posti (87.500 cattedre e 42.700 amministrativi, tecnici e ausiliari) e 8 miliardi di euro nella scuola pubblica. La scuola primaria, con l'introduzione del "maestro unico prevalente", ha pagato il prezzo più alto....

Le superiori. Al superiore, dove sono sparite più di 10 mila cattedre, gli studenti sono più grandi ed è possibile anche farli uscire in anticipo se viene a mancare il docente delle ultime ore. Ma in alcuni casi si assenta anche il docente delle prime ore e non è raro che i ragazzi si trovano a fare lezione, per quella giornata, per una sola ora: ingresso alle 10 e uscita alle 11, ad esempio. Quando le assenze bucano l'orario in mezzo e non c'è nessuno da mandare in aula i dirigenti scolastici hanno tre possibilità: dividere la classe, mandare in aula un bidello o lasciare da soli gli studenti. E sono queste due le strade più praticate.

Il sostegno. Altra nota dolente riguarda il sostegno. Sono difficili da contare le sentenze dei Tribunali amministrativi che intimano al ministero dell'Istruzione di ripristinare il diritto degli alunni disabili ad essere assistiti da un docente di sostegno per l'intera giornata. "Non è moralmente tollerabile oltre che giuridicamente illegittimo - recita una recente sentenza del Tar Lazio a favore di due famiglie sarde - che per il perseguimento di obiettivi di riduzione di spesa, gli uffici periferici del ministero della Pubblica istruzione provvedano a effettuare tagli indiscriminati agli organici degli insegnanti di sostegno degli alunni disabili gravi". In entrambi i casi le ore di sostegno, per altrettanti bambini della scuola materna, erano state dimezzate da 25 ore a 12 e mezzo. In effetti i numeri danno ragione ai giudici. Quest'anno, frequentano le classi italiane 5.399 portatori di handicap in più ma i docenti specializzati sono diminuiti di 422 unità. Risultato: meno ore di sostegno per tutti e alunni disabili lasciati per parecchie ore al proprio destino o inviati nei corridoi con i bidelli, che sono 10 mila in meno dello scorso anno.

E il prossimo anno? Le prospettive sono nere: altri 40 mila posti in meno, classi che possono arrivare a 30 alunni e riforma della scuola superiore che taglierà ore di lezione e materie di insegnamento.
SALVO INTRAVAIA
http://www.repubblica.it/scuola/2010/03/17/news/bilancio_riforma_gelmini-2704623/
avatar
007
Admin

Numero di messaggi : 223
utente : genitore
Data d'iscrizione : 09.10.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tagli, classi in meno, disagi e carenze

Messaggio  arno mandelbaum il Mer Mar 17, 2010 11:11 pm

provo una tristezza profonda per come vengono trattate educazione e cultura in queste "riforme".
davvero non hanno capito nulla.
e loro, gli studenti, i figli, il futuro, ne pagano il prezzo.
si può rimediare solo in parte.
e dire che si meritebbero di meglio, i ragazzi.
quando vado al "beverin" a prendermi un cappuccio ogni mattino dopo avere lasciato mia figlia presso il liceo le mie doti telepatiche (modeste ma oggettive e soprattutto gestite in buona fede) mi consentono di entrare un poco in loro, intenti a preparare le versioni, un'interrogazione,ecc.
vedo tanta pulizia interiore, tanta aspirazione, basterebbe chiarire le cose e seguirebbero...davvero meriterebbero di meglio.

AM

arno mandelbaum

Numero di messaggi : 71
Età : 58
utente : genitore
Data d'iscrizione : 30.10.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tagli, classi in meno, disagi e carenze

Messaggio  007 il Gio Mar 18, 2010 11:12 am

Meriterebbero anche di sapere quanto e come sarà aperta la scuola in occasione delle elezioni: la circolare dell'ufficio scolastico regionale che dà istruzioni è del 10 marzo, siamo al 18, manca una settimana al voto...
avatar
007
Admin

Numero di messaggi : 223
utente : genitore
Data d'iscrizione : 09.10.08

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tagli, classi in meno, disagi e carenze

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum