Genitori a scuola
Questo forum è stato fondato ed è gestito in assoluta autonomia da alcuni genitori di studenti del liceo Parini.
E' un'occasione di libero scambio di opinioni per genitori, studenti, docenti e personale interno ed esterni al liceo.
Perchè la libertà non è star sopra un albero: </>
... libertà è partecipazione



Solo attraverso l'iscrizione è possibile pubblicare messaggi chiedere informazioni e rispondere ad argomenti già pubblicati.
Ultimi argomenti
» Dal sito del Parini i voti on line
Da l.c locatelli Sab Mag 16, 2015 4:28 pm

» Richiesta di informazioni
Da Paola M Dom Apr 26, 2015 8:00 pm

» Scuola: Italia fanalino di coda dell’Europa, 2 ragazzi su 10 abbandonano gli studi
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 7:00 pm

» Al via il premio per la scuola “Inventiamo una banconota”
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:57 pm

» funzionano come le lezioni tradizionali
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:53 pm

» Università: accolti 5000 ricorsi a Medicina ma mancano le aule
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:50 pm

» Crociata contro i fuoricorso. Meno fondi a chi ne ha troppi
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:53 pm

» Giannini : un “Erasmus per tutti” è uno degli obiettivi della presidenza italiana dell’Ue
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:51 pm

» Miur, on line l’elenco degli interventi #scuolebelle già realizzati
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:49 pm

» Giannini: alla maturità torneranno i commissari interni
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 7:01 pm

» Più studenti, stessi prof: parte l’anno scolastico del sovraffollamento
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:58 pm

» La Buona Scuola al via, sale l’attesa per le consultazioni online
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:55 pm

» Corso di inglese in Irlanda, la mia esperienza!
Da aless90 Mar Ago 05, 2014 2:21 pm

» Scuola, in pensione il provveditore Francesco De Sanctis. Nuovi vertici anche nei licei storici
Da Gilberto Carron Gio Lug 31, 2014 12:43 pm

» Dario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della MatematicaDario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della Matematica
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 4:05 pm

» Olimpiadi di matematica: Cina prima, Italia lontana dal podio
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:56 pm

» Anief, tra gli studenti bocciati oltre la metà lascia gli studi
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:53 pm

» Contro il caro-libri si ricorre all’usato
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:51 pm

» Università, per 1 studente su 2 ha come priorità gli sconti sui libri di testo
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:50 pm

» Con 100 alla Maturità niente tasse all’Università
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:49 pm

Parole chiave

premia il forum con un click
Sito segnalato su Small Advertise!
blog tools

Se insegno imparo - riflessioni sul vuoto educativo

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Se insegno imparo - riflessioni sul vuoto educativo

Messaggio  Bond il Gio Ott 22, 2009 11:43 am

Nino Giuliani in Fiabesca vita del maestro elementare Angelo Scaraboni (Editrice Versilia Club): "Non uso il pretenzioso 'insegno' perché in verità è molto più calzante il verbo imparo'. C'è moltissimo da imparare dai nostri scolari"
-------------------------------------------------------------------

Monica Zefferl scrive alla rubrica di Umberto Galimberti sul settimanale IO DONNA

"Anch'io sento, come lei, il bisogno di una valutazione del corpo docente, non sempre all'altezza del proprio compito, a volte sul piano dei contenuti disciplinari, altre volte del metodo, spesso su quello relazionale, imprescindibile per un educatore a contatto quotidiano con adolescenti in formazione.

Personalmente trovo che un valido parametro di valutazione della competenza disciplinare del docenti sia dato dall'effettiva preparazione degli alunni, misurata da Indagini garantite scientificamente e calibrate sulla realtà e specificità della scuola italiana.

Molto meno facile è controllare l'equilibrio di un professore, la sua personalità, come lei auspica.
A chi vogliamo o possiamo affidare, in un Paese come II nostro, questo controllo?
A delle commissioni ministeriali?
Al Dirigenti Scolastici?
Il timore che si trasformi in una pulizia politica mi spaventa ancor più dell'attuale situazione di "deregulation".
Vogliamo affidarlo alla "communis opinio" di genitori e famiglie?
Oltre al rischio provato di sbagli clamorosi, dettati anche da fenomeni di Isteria collettiva, c'è la banale ma proprio per questo concreta probabilità che si scivoli verso un tacito "voto di scambio": gli insegnanti non saranno troppo rigorosi con gli studenti e questi ultimi non pregiudicheranno la loro carriera. Anche I migliori studenti, ahimè, alla fine cedono, per conformismo o calcolo: massimo risultato (numerico) con minimo sforzo.
Per la competenza pedagogica e, come dire, "umana", emotiva, sulla quale spesso lei giustamente insiste, resta fermo il bisogno e l'urgenza di formare I professori anche sotto il profilo psicologico.
Perché se è vero che il controllo e la valutazione della personalità di un essere umano è materia delicata, è pur vero che si possono educare emotivamente anche gli educatori.
Ma come?
Dove?
Da chi?

Questo è il nodo, caro professore, eminentemente pratico, organizzativo, politico. Monica Zefferl, Empoli monlca.zeffert@allce.lt
-------------------------------------------------------------------

Risponde Umberto Galimberti:

Fatta eccezione per la scuola elementare, la preparazione dei nostri studenti è valutata tra le più scadenti in Europa,
E più il livello culturale di un Paese degrada, meno prospettive si danno per il futuro di quel Paese. Quindi qualcosa bisogna fare.

Da un lato le nostre scuole sono frequentate da ragazzi supergratificati in famiglia, a cui non è stato posto un vero limite ai loro desideri, per la scarsa autorevolezza dei genitori, sempre meno esemplari agli occhi dei loro figli.

Dall'altro professori in cattedra che non hanno la più pallida cognizione della psicologia dell'età evolutiva, e che quindi non sanno che in quell'età l'acquisizione del sapere passa per canali prima emotivi che intellettuali.

Ma per un'educazione emotiva, capace di seguire i percorsi individuali con cui ciascuno studente perviene al sapere, è necessario che una classe sia composta al massimo da quindici studenti, perché con venticinque o trenta alunni in classe è assolutamente impossibile non solo seguire, ma addirittura conoscere i percorsi emotivi, le turbolenze adolescenziali, le fasi di entusiasmo o di sfiducia, il lento scivolare nella demotivazione, fino allo scollamento dell'alunno dalla sua classe e alla fine l'abbandono. Ne consegue che se non si riduce il numero degli studenti in classe, moltiplicando le classi, occorre dire chiaro e tondo che la nostra scuola può al massimo "istruire", ma è strutturalmente nell'impossibilità-di "educare".
E l'evidenza di questo fatto è sotto gli occhi di tutti.
La professione di insegnante, infatti, non richiede solo competenze culturali, ma capacità di comunicazione e di fascinazione perché, da Socrate in poi, sappiamo che queste sono le condizioni dell'apprendimento.

Infatti la tanto invocata "buona volontà" non esiste al di fuori dell'interesse che l'insegnante sa suscitare, l'interesse non esiste separato da un legame emotivo, il legame emotivo non si costituisce quando il rapporto tra insegnante e studente è un rapporto di reciproca diffidenza, quando non di assoluta incomprensione.

E allora, per abilitare all'insegnamento, verifichiamo nei candidati queste capacità, che solo limitatamente si possono apprendere, perché sono di "natura". E come per l'assunzione in ogni professione si fanno dei colloqui, che in realtà sono dei veri e propri test di personalità, perché in una professione come quella dell'insegnante, che più delle altre richiede qualità umane e propensione naturale, queste verifiche non si fanno? I test esistono e sono sufficientemente collaudati. Usiamoli. Non risolveremo tutti i problemi della scuola, ma almeno non la lasceremo degradare oltre i livelli allarmanti a cui ormai siamo giunti.


articolo di Umberto Galimberti pubblicato su io donna del 10 ottobre 2009
avatar
Bond
Admin

Numero di messaggi : 509
utente : genitore
Data d'iscrizione : 07.10.08

http://genitoriliceoparini.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum