Genitori a scuola
Questo forum è stato fondato ed è gestito in assoluta autonomia da alcuni genitori di studenti del liceo Parini.
E' un'occasione di libero scambio di opinioni per genitori, studenti, docenti e personale interno ed esterni al liceo.
Perchè la libertà non è star sopra un albero: </>
... libertà è partecipazione



Solo attraverso l'iscrizione è possibile pubblicare messaggi chiedere informazioni e rispondere ad argomenti già pubblicati.
Ultimi argomenti
» Dal sito del Parini i voti on line
Da l.c locatelli Sab Mag 16, 2015 4:28 pm

» Richiesta di informazioni
Da Paola M Dom Apr 26, 2015 8:00 pm

» Scuola: Italia fanalino di coda dell’Europa, 2 ragazzi su 10 abbandonano gli studi
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 7:00 pm

» Al via il premio per la scuola “Inventiamo una banconota”
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:57 pm

» funzionano come le lezioni tradizionali
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:53 pm

» Università: accolti 5000 ricorsi a Medicina ma mancano le aule
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:50 pm

» Crociata contro i fuoricorso. Meno fondi a chi ne ha troppi
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:53 pm

» Giannini : un “Erasmus per tutti” è uno degli obiettivi della presidenza italiana dell’Ue
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:51 pm

» Miur, on line l’elenco degli interventi #scuolebelle già realizzati
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:49 pm

» Giannini: alla maturità torneranno i commissari interni
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 7:01 pm

» Più studenti, stessi prof: parte l’anno scolastico del sovraffollamento
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:58 pm

» La Buona Scuola al via, sale l’attesa per le consultazioni online
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:55 pm

» Corso di inglese in Irlanda, la mia esperienza!
Da aless90 Mar Ago 05, 2014 2:21 pm

» Scuola, in pensione il provveditore Francesco De Sanctis. Nuovi vertici anche nei licei storici
Da Gilberto Carron Gio Lug 31, 2014 12:43 pm

» Dario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della MatematicaDario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della Matematica
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 4:05 pm

» Olimpiadi di matematica: Cina prima, Italia lontana dal podio
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:56 pm

» Anief, tra gli studenti bocciati oltre la metà lascia gli studi
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:53 pm

» Contro il caro-libri si ricorre all’usato
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:51 pm

» Università, per 1 studente su 2 ha come priorità gli sconti sui libri di testo
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:50 pm

» Con 100 alla Maturità niente tasse all’Università
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:49 pm

Parole chiave

premia il forum con un click
Sito segnalato su Small Advertise!
blog tools

Storie digitali, il Parini di una volta

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

171009

Messaggio 

Storie digitali, il Parini di una volta




al Museo di Storia contemporanea l'iniziativa «Milano: i cittadini e le memorie della città»
Sabato 17 si potranno vedere rarissimi filmati amatoriali «salvati» grazie al computer.

Fra questi “Proporremo anche un filmino di uno studente del liceo Parini che nel 1957 nascose la cinepresa in un finto libro e riprese le lezioni e i momenti di pausa nei corridoi

L’appuntamento anticipa l’«Home Movie Day» indetto dall’Unesco per il 27 ottobre, che si festeggerà a Milano, sempre al Museo di Storia Contemporanea, con una serata di proiezioni, reading e musiche anticipata dalla tavola rotonda «Rendere accessibile il patrimonio audiovisivo» (ore 14.30-16.30; ingresso libero). Tra i partecipanti, il fotografo Cesare Colombo, il regista Elvio Annese e la stessa Monica Rossi, che parlerà del suo progetto Storie Digitali: un laboratorio con sede in via Moretto da Brescia 27, specializzato nella digitalizzazione di Vhs, Super8 e diapositive e nella raccolta di materiali d’epoca legati alla storia della città, e un sito, www.storiedigitali.net, dove chiunque può caricare immagini, documenti, file audio e video risalenti a prima degli anni Ottanta. «L’obiettivo – spiega la Rossi – è la memoria diffusa, transgenerazionale. Da un lato si avvicinano gli anziani a Internet, dall’altro si stimolano i giovani a scoprire la storia del loro territorio».

15 ottobre 2009
da corriere.it
avatar
Bond
Admin

Numero di messaggi : 509
utente : genitore
Data d'iscrizione : 07.10.08

http://genitoriliceoparini.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Condividi questo articolo su: Excite BookmarksDiggRedditDel.icio.usGoogleLiveSlashdotNetscapeTechnoratiStumbleUponNewsvineFurlYahooSmarking

Storie digitali, il Parini di una volta :: Commenti

avatar

Messaggio il Sab Ott 17, 2009 7:38 pm  Bond

Oggi al museo, domani in questura.

i ragazzi che ieri filmavano la loro scuola finiscono oggi al museo di storia naturale.
i ragazzi che oggi filmano la loro scuola finiscono denunciati e sospesi...

i tempi cambiano...

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Mar Ott 27, 2009 6:38 pm  Bond

In rete il «museo» dei milanesi di Stefania Vitulli
ilGiornale.it 27 ottobre 2009

Prima liceo Parini, anno scolastico 1956-57. Mattina presto, prima che arrivino i professori. Il ragazzo è agitatissimo. In un libro finto è riuscito a nascondere la sua preziosa cinepresa, pronto a compiere una missione memorabile, per lui e per i suoi compagni. I quali, se possibile, sono anche più agitati di lui.
Quell'aggeggio fa un rumore terribile, i prof se ne accorgeranno. Ma invece non se ne accorgono. E lo studente riesce a filmare di nascosto le lezioni, le interrogazioni, la mimica buffa dell'insegnante di latino, gli occhiali scuri di quella di letteratura che li faceva tremare tutti, la lezione di educazione fisica e le gare ufficiali della scuola...

Quanto sembrano più comprensibili, a guardare i filmati segreti del Parini, le bravate dei teenager di oggi, che telefonino alla mano riprendono professori e compagni di classe. «Self-generated content»: di contemporaneo c'è solo la parola.
E gli strumenti che non fanno rumore: il telefonino, la videocamera, il pc portatile. Ma filmare, fotografare, catturare per immagini il quotidiano non è affatto un'idea del ventunesimo secolo.

«Di nuovo invece c'è un progetto: condividere quei contenuti catturati in modo amatoriale. Rendere digitale l'analogico e mettere la memoria di una città a disposizione di tutti. Non solo filmati e fotografie, ma anche documenti che appartengono alla memoria del singolo e che messi in rete risvegliano ricordi ed emozioni di tanti: pagelle, biglietti del tram o del treno, manifesti, insegne di negozi». Così ci ha spiegato Monica Rossi, negli anni Ottanta e Novanta responsabile dei nuovi media per Apple Italia, oggi mente e producer di un progetto ambizioso e appassionato chiamato «Storie Digitali»: un archivio multimediale di Milano e dintorni, dai primi del Novecento ai giorni nostri, creato con il materiale «fatto in casa» dai milanesi. L'ideale per celebrare l'Home Movie Day, la giornata mondiale per il patrimonio audiovisivo promossa dall'Unesco. Storie Digitali sarà l'ospite di una giornata (dalle 14.30 al Museo di Storia Contemporanea, via Sant'Andrea 6) che prevede una tavola rotonda sul patrimonio audiovisivo e alle 21 musiche, reading e pellicole di memoria milanese. Con il contributo della Regione, Monica ha messo in piedi l'archivio fisico, (in via Moretto da Brescia 27), con quello della Provincia ha creato un sito - www.storiedigitali.net (on line da un mese, ci sono anche i filmati del Parini) - in cui rende disponibile una vera e propria youtube di quasi un secolo di memoria milanese. Finora siamo più o meno a 3 terabyte, circa 800 ore di immagini, con centinaia di storie archiviate complete di anno e luoghi: «Ci sono molti documentari artigianali: negli anni Quaranta e Cinquanta i milanesi prendevano la cinepresa e giravano la città, zona per zona, per raccontarla» prosegue la Rossi. «Abbiamo coinvolto alcuni giovani giornalisti per raccogliere i racconti della gente che ci porta i filmati. È difficile trovare ragazzi disponibili: ci vuole attenzione e sensibilità. La maggior parte però vuole solo raccontare la Milano “trendy” e modaiola e a sentire questi racconti si annoia». Eppure la storia di Umberto, che faceva il muratore e vinse la macchina fotografica con i punti del cacao sembra così coinvolgente. Era il 1930 e decise di fare un reportage dei suoi luoghi di lavoro: aveva appena finito il tetto della Domus Excelsa tra via Vittorio Veneto e viale Tunisia e immortalò lo storico momento.

link a il giornale.it

Tornare in alto Andare in basso

Messaggio   Contenuto sponsorizzato

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum