Genitori a scuola
Questo forum è stato fondato ed è gestito in assoluta autonomia da alcuni genitori di studenti del liceo Parini.
E' un'occasione di libero scambio di opinioni per genitori, studenti, docenti e personale interno ed esterni al liceo.
Perchè la libertà non è star sopra un albero: </>
... libertà è partecipazione



Solo attraverso l'iscrizione è possibile pubblicare messaggi chiedere informazioni e rispondere ad argomenti già pubblicati.
Ultimi argomenti
» Dal sito del Parini i voti on line
Da l.c locatelli Sab Mag 16, 2015 4:28 pm

» Richiesta di informazioni
Da Paola M Dom Apr 26, 2015 8:00 pm

» Scuola: Italia fanalino di coda dell’Europa, 2 ragazzi su 10 abbandonano gli studi
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 7:00 pm

» Al via il premio per la scuola “Inventiamo una banconota”
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:57 pm

» funzionano come le lezioni tradizionali
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:53 pm

» Università: accolti 5000 ricorsi a Medicina ma mancano le aule
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:50 pm

» Crociata contro i fuoricorso. Meno fondi a chi ne ha troppi
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:53 pm

» Giannini : un “Erasmus per tutti” è uno degli obiettivi della presidenza italiana dell’Ue
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:51 pm

» Miur, on line l’elenco degli interventi #scuolebelle già realizzati
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:49 pm

» Giannini: alla maturità torneranno i commissari interni
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 7:01 pm

» Più studenti, stessi prof: parte l’anno scolastico del sovraffollamento
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:58 pm

» La Buona Scuola al via, sale l’attesa per le consultazioni online
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:55 pm

» Corso di inglese in Irlanda, la mia esperienza!
Da aless90 Mar Ago 05, 2014 2:21 pm

» Scuola, in pensione il provveditore Francesco De Sanctis. Nuovi vertici anche nei licei storici
Da Gilberto Carron Gio Lug 31, 2014 12:43 pm

» Dario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della MatematicaDario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della Matematica
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 4:05 pm

» Olimpiadi di matematica: Cina prima, Italia lontana dal podio
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:56 pm

» Anief, tra gli studenti bocciati oltre la metà lascia gli studi
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:53 pm

» Contro il caro-libri si ricorre all’usato
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:51 pm

» Università, per 1 studente su 2 ha come priorità gli sconti sui libri di testo
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:50 pm

» Con 100 alla Maturità niente tasse all’Università
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:49 pm

Parole chiave

premia il forum con un click
Sito segnalato su Small Advertise!
blog tools

Il 76% dei liceali ha un 5 in pagella - Corriere della Sera 5 maggio 2009

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

070509

Messaggio 

Il 76% dei liceali ha un 5 in pagella - Corriere della Sera 5 maggio 2009




Il 76% dei liceali ha un 5 in pagella
Allarme insufficienze nelle superiori.
E nelle medie un allievo su due ha un brutto voto


Dato allarmante, oppure normali­tà? I pareri divergono. Sta di fatto che il 76,3 per cento degli studenti delle scuole superiori ha avuto in pagella almeno un’insufficienza. Così se da un lato c’è chi parla di «degrado della scuola», dall’altro ci si appella alla «possibilità di recupero». La situazio­ne migliora alle medie con una per­centuale che si ferma al 44,8. Su una cosa, comunque, sono tutti d’accor­do: anche la scuola vive la sua crisi. Manca poco più di un mese alla fi­ne dell’anno scolastico, ma i dati del ministero, che prendono in conside­razione il primo quadrimestre, antici­pano una situazione complessa. Alle superiori le materie meno apprezzate rimangono la lingua straniera (il 45,9 per cento è sotto il 6) e la matematica (il 43 per cento).

Va meglio in italia­no con il 35 per cento delle insuffi­cienze. «Dipende molto dai vari indirizzi — spiega Pietro De Luca, preside del­l’istituto Severi-Correnti —. Però è vero che c’è poca passione per lo stu­dio e che resiste la cattiva abitudine di cominciare in sordina per poi recu­perare a fine anno». Ma l’aumento delle insufficienze preoccupa. Soprattutto nei licei. Ri­spetto al procedente anno scolastico i voti negativi sono cresciuti allo scientifico del 5 per cento, al classico del 4,3 e al linguistico del 3,9. «Qui il sistema è più severo — continua De Luca — ma c’è anche il fattore incer­tezza. Non è chiaro quale sarà il futu­ro degli istituti tecnici e professiona­li, per questo molti studenti si sono iscritti al liceo anche senza la prepara­zione adeguata».

Ma sono anche le famiglie a essere responsabili delle défaillance scolasti­che. Per Carlo Pedretti, dirigente del liceo classico Parini «i genitori, a vol­te, non si rendono conto che la scuo­la è una cosa seria. Se da un lato si lamentano per il brutto voto del fi­glio, dall’altro si preoccupano solo delle vacanze estive». Meno grave il bilancio alle medie. Il 44,8 per cento non va bene almeno in una materia, percentuale che cre­sce se si considera solo l’ultimo an­no, dove uno studente su due ha al­meno un’insufficienza. «È un mo­mento di grande cambiamento, per questo è più difficile che i ragazzi si concentrino solo sugli studi» spiega Rita Bramante, a capo della scuola media Tiepolo.

Benedetta Argentieri
avatar
007
Admin

Numero di messaggi : 223
utente : genitore
Data d'iscrizione : 09.10.08

Tornare in alto Andare in basso

Condividi questo articolo su: Excite BookmarksDiggRedditDel.icio.usGoogleLiveSlashdotNetscapeTechnoratiStumbleUponNewsvineFurlYahooSmarking

Il 76% dei liceali ha un 5 in pagella - Corriere della Sera 5 maggio 2009 :: Commenti

avatar

Messaggio il Gio Mag 07, 2009 11:51 am  007

UFFA!!!
Ma a scuola ci sono i genitori o i professori?????

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Mer Mar 17, 2010 8:23 pm  Gilberto Carron

(ASCA) - Roma, 15 mar - Hanno avuto tutti 10 in condotta, in
controtendenza con gli ultimi dati del Miur che hanno evidenziato un
aumento del 32% dei ''5'' nelle scuole secondarie italiane. Per questo,
la Provincia di Treviso ha voluto omaggiare gli ''eccellenti'' studenti
della classe 3* F del Liceo Canova. Alla premiazione sono intervenuti
il presidente della Provincia di Treviso, Leonardo Muraro l'assessore
provinciale all'Edilizia Scolastica, Carla Puppinato, la dirigente del
Liceo Canova, Alfea Faion e il rappresentante della classe, Francesco
Mattia Mari. ''I media veicolano spesso soltanto episodi negativi da
parte della scuola: la droga, il bullismo, i video su Youtube ecc. Per
una volta, abbiamo invece voluto dare merito e valore ad un fatto per
noi molto importante: un'intera classe ha fatto squadra e tutti gli
alunni che la compongono hanno portato a casa il 10 in condotta - ha
detto il presidente della Provincia - Diventerete ambasciatori degli
studenti trevigiani, un punto di riferimento. E' importante investire
la massima attenzione sul sistema scolastico. Voglio complimentarmi con
voi, studenti, per il risultato ottenuto. Poi con i vostri docenti e
soprattutto con le vostre famiglie, perche' questo 10 in condotta e'
anche frutto dell'educazione che vi hanno impartito i vostri
genitori''. Gli ha fatto eco l'assessore all'Edilizia Scolastica: ''La
nostra scuola e' un'eccellenza a livello nazionale, e piu' vado a
conoscere altre realta', piu' me ne rendo conto il merito va agli
insegnanti per l'importante ruolo educativo. E' giusto quindi premiare
l'impegno dei ragazzi. Vi auguro di realizzare i vostri desideri una
volta usciti dalla scuola superiore''. Questi gli alunni ai quali la
Provincia ha dato un riconoscimento: Anna Brunetta, Lucrezia Caminiti,
Martina Canazza, Camilla Checchin, Giulia Collatuzzo, Valentina
Colzera, Gaia Dal Zilio, Sara De Martin, Gabriele Gentile, Viola Lucio,
Francesco Mattia Mari, Alessandra Marinelli, Miriam Michieletto,
Virginia Paccagnan, Chiara Paronetto, Marco Spadetto, Chiara Valotto,
Enrico Varsori, Irene Viviani, Elisa Zanatta e Simone Zanette.

Tornare in alto Andare in basso

Messaggio il Ven Mar 19, 2010 1:43 pm  arno mandelbaum

ma è così importante, la condotta?
gil che ne pensi?
occorre avere un buon voto ma come fai a premiare una classe che ha tutti 10? per cosa?

AM

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Ven Mar 19, 2010 5:23 pm  Gilberto Carron

Arno chiedi una risposta a uno giusto;alle elementari non non sono mai arrivato oltre
al 7 con pure qualche scapellotto,alle superiori la musica non cambiava,ma se devo essere onesto provavo invidia di chi aveva i voti migliori dei miei.
vediamo di dare una valutazione su questo discorso,una classe non puo arrivare da sola
ad un giudizio cosi elevato, serve la complicità dei professori e studenti.
il perchè:il Canova nel Trevigiano e un Liceo di prestigio, che vogliano fare del marketing!!! cercare di aumentare il loro prestigio forse!!!
una cosa devo dire se allievi e prof. hanno trovato una complicità cosi forte,(cosa non facile in questi tempi) che dire bravi!!!!!
ciao Gil

Tornare in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Ven Apr 30, 2010 9:56 am  Gilberto Carron

MARCO BELPOLITI





La
qualità costa. Lo sanno i produttori di automobili come quelli di vino,
i centri di ricerca sul cancro come le scuole. Il preside Antonio
Panaccione del liceo Keplero di Roma ha scritto al ministro Gelmini per
rappresentarle una verità elementare: per avere dei buoni risultati
bisogna investire tempo e denaro. La scuola non è un’azienda, ma
qualcosa di più complesso; se le si tolgono investimenti, i risultati
non arrivano. Panaccione lo spiega cifre alla mano: un tempo riceveva
dallo Stato 600 mila euro l’anno, ora gliene arrivano 130 mila. Non c’è
un euro per i corsi di recupero di cui avranno bisogno la metà dei suoi
studenti. Che fare? Dice il preside: o tutti bocciati o tutti promossi.


La riforma Gelmini appare perciò come una controriforma: a
diminuire, e in prospettiva a perdere, là dove invece in tutti i Paesi
del mondo industrializzato, in Europa come in Asia, oggi s’investe
sulla scuola. O forse il ministro punta in questo modo a spostare il
problema sulle famiglie? Al posto di corsi di recupero, lezioni
private, magari pagate in nero. Per chi può; gli altri amen. La scuola
italiana rischia sempre più il collasso e la riforma ci fa tornare alla
caricatura del Sessantotto, a quel detestabile sei politico che tutti
rifiutano come livellamento verso il basso di ogni possibile
eccellenza. Il preside Panaccione lo preannuncia come unica,
provocatoria soluzione per i ragazzi del Keplero. Andate promossi, i
soldi non ci sono più. Ite missa est.

la stampa 30/4/2010

Tornare in alto Andare in basso

Messaggio   Contenuto sponsorizzato

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum