Genitori a scuola
Questo forum è stato fondato ed è gestito in assoluta autonomia da alcuni genitori di studenti del liceo Parini.
E' un'occasione di libero scambio di opinioni per genitori, studenti, docenti e personale interno ed esterni al liceo.
Perchè la libertà non è star sopra un albero: </>
... libertà è partecipazione



Solo attraverso l'iscrizione è possibile pubblicare messaggi chiedere informazioni e rispondere ad argomenti già pubblicati.
Ultimi argomenti
» Dal sito del Parini i voti on line
Da l.c locatelli Sab Mag 16, 2015 4:28 pm

» Richiesta di informazioni
Da Paola M Dom Apr 26, 2015 8:00 pm

» Scuola: Italia fanalino di coda dell’Europa, 2 ragazzi su 10 abbandonano gli studi
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 7:00 pm

» Al via il premio per la scuola “Inventiamo una banconota”
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:57 pm

» funzionano come le lezioni tradizionali
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:53 pm

» Università: accolti 5000 ricorsi a Medicina ma mancano le aule
Da Gilberto Carron Mar Ott 14, 2014 6:50 pm

» Crociata contro i fuoricorso. Meno fondi a chi ne ha troppi
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:53 pm

» Giannini : un “Erasmus per tutti” è uno degli obiettivi della presidenza italiana dell’Ue
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:51 pm

» Miur, on line l’elenco degli interventi #scuolebelle già realizzati
Da Gilberto Carron Gio Set 18, 2014 2:49 pm

» Giannini: alla maturità torneranno i commissari interni
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 7:01 pm

» Più studenti, stessi prof: parte l’anno scolastico del sovraffollamento
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:58 pm

» La Buona Scuola al via, sale l’attesa per le consultazioni online
Da Gilberto Carron Mar Set 16, 2014 6:55 pm

» Corso di inglese in Irlanda, la mia esperienza!
Da aless90 Mar Ago 05, 2014 2:21 pm

» Scuola, in pensione il provveditore Francesco De Sanctis. Nuovi vertici anche nei licei storici
Da Gilberto Carron Gio Lug 31, 2014 12:43 pm

» Dario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della MatematicaDario e Francesco: così abbiamo vinto le Olimpiadi della Matematica
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 4:05 pm

» Olimpiadi di matematica: Cina prima, Italia lontana dal podio
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:56 pm

» Anief, tra gli studenti bocciati oltre la metà lascia gli studi
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:53 pm

» Contro il caro-libri si ricorre all’usato
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:51 pm

» Università, per 1 studente su 2 ha come priorità gli sconti sui libri di testo
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:50 pm

» Con 100 alla Maturità niente tasse all’Università
Da Gilberto Carron Ven Lug 18, 2014 3:49 pm

Parole chiave

premia il forum con un click
Sito segnalato su Small Advertise!
blog tools

anno all'estero: link organizzazioni

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

anno all'estero: link organizzazioni

Messaggio  Bond il Lun Mar 16, 2009 2:59 pm

L'esperienza di "exchange" si riferisce alla possibilità di frequentare una scuola all'estero durante il nostro periodo scolastico.

I ragazzi partecipanti frequentano una scuola locale secondo i diversi programmi e usi delle località; sono ospitato presso famiglie e condividono ogni aspetto di vita

La normativa scolastica italiana rende possibile il riconoscimento degli studi effettuati.
Il Testo Unico sulla scuola n. 297/94, art. 192, consente l’iscrizione di giovani provenienti da un corso all’estero senza perdere l’anno, previa un’eventuale prova integrativa su alcune materie indicate dal Consiglio di Classe.
La Circolare del Ministero dell’Istruzione n. 181 del 17/3/97 sottolinea il valore dell’esperienza di studio all’estero e prevede che il Consiglio di Classe acquisisca dalla scuola straniera i risultati degli studi compiuti dagli studenti all’estero.
La legge italiana quindi prevede che questo periodo sia accettato dalla scuola italiana di appartenenza e che non ci siano problemi di reinserimento.

Di solito il programma viene ad attuarsi durante il quarto anno di scuola superiore, generalmente non sono accettati studenti che abbiano già compiuto i 18 anni prima della partenza.
Nel nostro liceo il docente referente è per l'anno 2008-2009 la Prof. Ceotto.

La nostra scuola non contrasta ma certamente non incoraggia gli studenti.
Non mi risulta che nessuna iniziativa di coordinamento, confronto fra studenti, valorizzazione dell'esperienza all'interno del gruppo classe sia mai stata pensata.

E' certamente faticoso per i docenti prevedere il rientro e la conseguente ripresa scolastica (forse non solo) in ambito didattico ma rimane un'occazione preziosa e unica di crescita culturale e umana.
Nonostante ciò, a parte la comprensione di alcuni docenti "illuminati" siamo ancora molto lontani dalla valorizzazione e dal sostegno di questa opportunità.

Ecco i Link alle organizzazioni

http://www.ef-italia.it/master/hsy/

http://www.mbscambi.com/estero_annoaccademico.html

http://www.wep-italia.org/01168/Programmi-scolastici/Un-soggiorno-scolastico-all-estero

http://www.intercultura.it
avatar
Bond
Admin

Numero di messaggi : 509
utente : genitore
Data d'iscrizione : 07.10.08

http://genitoriliceoparini.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

esperienza personale

Messaggio  sarapimpa il Mer Nov 25, 2009 1:31 pm

salve a tutti,

io sono stata negli stati uniti 2 anni fa, con
l'organizzazione new lands di www.annoallestero.it (si chiama proprio come il
programma) .
la mia esperienza di anno all'estero è durata purtroppo solo un semestre. ho
contattato diverse organizzazioni, ma di molte di esse (tipo EF, wep) non ho
apprezzato il fatto che bisognasse pagare per partecipare alle selezioni. in
fondo il colloquio iniziale è una specie di dovere di chi fa il lavoro di
consulente. non mi sono sembrati professionali, ma magari è stata solo una mia
impressione, non ho approfondito.
alla fine ho trovato questa organizzazione i cui programmi erano veramente
numerosi, e si poteva scegliere tra diversi periodi di soggiorno, un trimestre,
un semestre, un anno, o addirittura il trasferimento in una scuola privata
(college) per il diploma all'estero. volendo imparare l'inglese, la mia scelta
era tra regno unito, stati uniti, canada, irlanda e australia (ma trattano
anche altri paesi europei come francia, spagna, germania) . nonostante i miei
genitori volessero farmi rimanere in europa (ovviamente, per via della
vicinanza..) ho insistito tanto e li ho convinti che sarei stata responsabile
anche se mi avessero permesso di andare negli stati uniti, come io volevo fin
dall'inizio.
ho quindi chiamato e dopo un primo colloquio in italiano, per capire che idee
avessi dell'esperienza di anno all'estero, mi hanno chiesto di effettuare il
test slep (che è obbligatorio per tutti gli studenti che vogliono andare negli
stati uniti con qualsiasi organizzazione prenotiate). hanno poi anche chiesto
di parlare coni miei genitori, in quanto, la referente mi ha spiegato, è
importante che anche i genitori in italia siano preparati a qeusta esperienza,
per non partire con idee sbagliate alla fine, dopo circa una settimana, ho
avuto notizia che ero stata accettata in quanto il mio livello linguistico era
sufficiente, e che sembravo abbastanza matura per un'esperienza come questa.
che altro? mi sono iscritta in marzo, e sono partita a fine agosto per il mio
semestre scolastico negli stati uniti. destinazione Maine. quando me lo hanno
detto non ero così entusiasta. anche se sapevo che potevo essere assegnata a
qualsiasi parte degli stati uniti e che per sicurezza si evitano sempre le
grandi città, speravo nella california, come tutti. ma devo dire che blue hill
è stata una seconda casa per me, è una cittadina di medie dimensioni, molto
tranquilla, la gente va a caccia, a pesca, si fanno un sacco di sport acquatici
e invernali, ho conosciuto molti ragazzi americani e quindi ho potuto veramente
parlare inglese tutto il giorno tutti i giorni. alla fine del secondo mese, ero
completamente ia mio agio e avevo superato le prime settimane di shock! la mia
famiglia è stata carina con me, ha anche provato a cucinare italiano i primi
tempi per non farmi sentire la mancanza di casa mia! ovviamente il mio inglese
all'inizio non era eccezionale: un conto è l'interrogazione in italia con la
prof di inglese, un conto è doversi spiegare ogni giorno in una lingua che non
è tua. per ho potuto incontrare il mio referente locale, che mi ha fatto fare
un giro della città all'inizio, mi ha dato indicazioni su alcune cose
consigliate da fare nel tmepo libero con la mia famiglia e su come superare il
primo periodo di malinconia. i compagni di scuola e la famiglia americana hanno
fatto il resto.
ho inoltre chiesto di rimanere per tutto l'anno, ma purtroppo i miei genitori
hanno preferito io tornassi per non avere troppe cose da studiare al rientro
(liceo classico) in italia. devo dire che è stata dura rientrare, non solo per
la lingua ma proprio perchè sono stata bene, mi sono divertita, ho imparato
cose nuove a scuola, e non volevo lasciare i miei nuovi amici...
è un'esperienza che consiglio a tutti, ti lascia dei ricordi indimenticabili!

sarapimpa

Numero di messaggi : 2
utente : studente
Data d'iscrizione : 25.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: anno all'estero: link organizzazioni

Messaggio  sarapimpa il Mer Dic 02, 2009 2:30 pm

salve a tutti
il moderatore del forum mi ha chiesto di aggiungere alcuni dettagli alla mia esperienza.
non sono un ex alunno o un alunno del parini, ma ho postato perchè mi sembrava interessante aggiungere la mia esperienza fatta all'estero.
ho frequentato il liceo classico a Roma, dove vivo tutt'ora.
l'organizzazione con cui sono partita e che mi sento di raccomandare è new lands, che si trova a roma. il loro sito è www.annoallestero.it
per il rientro, avendo passato solo 6 mesi, non ho dovuto fare esami integrativi. ma ovviamente c'era molto da studiare per rimettermi in pari specie in latino, greco, storia (negli usa si fa storia americana) e italiano.
per fortuna, considerando che mentre stato negli usa mi sono resa conto che ne avevo il tempo, ero continuamente in contatto con i miei compagni in italia che mi aggiornavano sul programma che stavano facendo. così mi sono fatta spedire alcuni dei miei libri (storia e italiano) e ho studiato un po'. in questo modo al rientro mi sono dedicata a latino e greco, specialmente le versioni e i verbi, perchè era impossibile avere il vocabolario latino-italiano o greco-italiano negli usa. è stato faticoso, ma ce l'ho fatta. i mei voti sono un pochino calati nelle prime interrogazioni che ho fatto al rientro, ma era il quarto anno e sono rientrata a febbraio, quindi ho avuto un po' di tempo per recuperarli a fine anno.
non è un'espeirenza da prendere alla leggera, ovviamente, sia perchè è molto difficile all'inizio far l'abitudine ad un ambiente diverso che alla scuola in inglese etc. infatti penso che sia meglio, come me, andare in città piccoline, dove ti puoi abituare alle strade, alla scuola, e gli insegnanti possono conoscerti presto.
sarebbe bello se altri studenti come me scrivessero di questa esperienza qui sul forum.
ho visto anche io il forum annoallestero.forumcommunity.net/ però è per studenti che stanno partendo e che si sono già iscritti, è tipo una chat alla fine.
se qualcuno vuole altre info, potete contattarmi pure.
ciao

sarapimpa

Numero di messaggi : 2
utente : studente
Data d'iscrizione : 25.11.09

Tornare in alto Andare in basso

Re: anno all'estero: link organizzazioni

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum